lunedì, Aprile 15, 2024
More
    Home Prima pagina Putin: le richieste sui negoziati, l’allineamento cinese e il non allineamento dell’Ucraina

    Putin: le richieste sui negoziati, l’allineamento cinese e il non allineamento dell’Ucraina

    Putin: le richieste sui negoziati, l’allineamento cinese e il non allineamento dell’Ucraina
    Mentre gli occhi del mondo si sono spostati da dieci giorni su Israele e la Striscia di Gaza, Vladimir Putin è tornato a parlare del conflitto in Ucraina e sulle prospettive di un negoziato. Intervistato dalla televisione centrale cinese (e immediatamente rilanciato dall’agenzia russa Ria Novosti), il presidente della Federazione Russa ha spiegato che “il presidente dell’Ucraina ha emesso un decreto che vieta i negoziati di pace con noi. Ebbene, come si può negoziare se non lo vogliono e se hanno emesso un documento normativo che vieta questi negoziati?”.
    Putin cerca, così, di rilanciare la palla della pace in campo ucraino evitando tuttavia di citare direttamente per nome Volodymyr Zelensky. Allo stesso tempo, l’inquilino del Cremlino strizza l’occhio a Pechino: “Dichiariamo la nostra disponibilità a questi negoziati. Siamo pronti, anche sfruttando l’offerta dei nostri amici cinesi”.
    È importante, tuttavia, ricordare che l’intento di Mosca era quello di decapitare il governo Zelensky, prendere Kiev in tre giorni e, probabilmente, metter su un governo filorusso se non addirittura un esecutivo fantoccio. Un piano fallito nonostante la netta superiorità militare di Mosca, eppure ora Putin cela le sue intenzioni dietro la maschera della “neutralità”, dichiarando che “lo status di non allineato dell’Ucraina è estremamente importante per noi”. Un’affermazione che ancora una volta dimostra il tentativo russo di determinare il destino della collocazione internazionale di Kiev.
    Perché i negoziati non partono, quindi? Anzitutto perché la Russia ha assoggettato e illegalmente annesso una parte dei territori ucraini, ma anche perché è difficile fidarsi di qualcuno che, nelle settimane precedenti all’invasione di uno Stato sovrano, ha rassicurato l’Occidente (ma anche la Cina stessa) che l’ammassamento di truppe non significava affatto che la Russia avrebbe invaso l’Ucraina. Poi arrivarono i carri armati e discorso del 24 febbraio 2022 in cui Putin dichiara esplicitamente che l’Ucraina, come entità storica, non esiste, fu un errore di Lenin. Ora la guerra ha raggiunto i 600 giorni e la linea del fronte non avanza da parecchio tempo.

    Most Popular

    I segreti delle aziende familiari di successo

    Le imprese a conduzione familiare rappresentano il 77% delle PMI totali in Italia, svolgendo un ruolo centrale nell'economia del paese. Secondo un'indagine di I-AER,...

    Iran-Israele: nel valzer delle minacce reciproche, Teheran prende di mira anche gli Stati Uniti. Diplomazie al lavoro per una de-escalation

    Dopo i fatti del weekend, il mondo si chiede: ci sarà un'escalation in Medio Oriente? L'Iran ha risposto all'attacco israeliano contro il consolato di...

    Auto elettriche, prezzi energia in aumento fino al 65%

    Aumentano ancora i prezzi dell’energia per la ricarica delle auto elettriche. Nonostante il crollo dei prezzi dell'energia sui mercati internazionali, i prezzi dell’energia per la...

    L’industria del vetro italiana affronta la sfida della decarbonizzazione

    L'industria italiana del vetro si sta impegnando attivamente nella decarbonizzazione, adottando strategie innovative per ridurre l'impronta di carbonio e aumentare la sostenibilità ambientale. Questo...

    Recent Comments