11.5 C
Milano
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Piemonte A FEBBRAIO 2020 RALLENTA ULTERIORMENTE LA DOMANDA DI LAVORO DELLE IMPRESE PIEMONTESI

A FEBBRAIO 2020 RALLENTA ULTERIORMENTE LA DOMANDA DI LAVORO DELLE IMPRESE PIEMONTESI

Programmate circa 23.810 entrate, oltre 2mila in meno rispetto a febbraio 2019

Sono circa 23.810 i contratti programmati dalle imprese piemontesi per febbraio 2020, 2.100 unità in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (-8,1%). L81% riguarderà lavoratori dipendenti, mentre solo il 19% sarà rappresentato da lavoratori non alle dipendenze. Nel 40% dei casi le entrate previste saranno stabili (era il 37% a gennaio 2019), ossia con un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, mentre nel 60% saranno a termine (a tempo determinato o altri contratti con durata predefinita).

Complessivamente nel trimestre febbraio-aprile 2020 le entrate stimate raggiungeranno le 67.420 unità, circa 9mila unità in meno rispetto a quanto previsto nello stesso periodo del 2019.

Queste alcune delle indicazioni che emergono dal Bollettino mensile del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal. Delle 23.810 entrate previste in Piemonte nel mese di febbraio 2020 il 16% è costituito da laureati (in crescita rispetto al 18% di gennaio 2019) e il 34% da diplomati; le qualifiche professionali rappresentato il 32% mentre il 19% è riservato alla scuola dellobbligo.

Per quanto riguarda la dinamica settoriale sono, ancora una volta, i servizi a formare la fetta più consistente della domanda di lavoro (69%, con una lieve crescita rispetto allo stesso periodo dellanno precedente), in particolare il commercio, il turismo e i servizi alle persone.

Il comparto manifatturiero, che genera il 23% della domanda di febbraio 2020, registra un calo di 1.510 unità rispetto a febbraio 2019. In diminuzione anche le entrate programmate dalle imprese delle costruzioni, che passano da 1.830 di febbraio 2019 a 1.760. Il 21% delle entrate previste per febbraio 2020 nella nostra regione sarà destinato a dirigenti, specialisti e tecnici, quota superiore alla media nazionale (20%) e analoga a quanto previsto nel febbraio 2019 a livello regionale (21%), il 31% sarà costituito da operai specializzati e conduttori di impianti, il 37% riguarderà impiegati, professioni commerciali e dei servizi e l11% professioni non qualificate.

 

Michele Giordano 

Most Popular

Turismo: Piemonte secondo nel marchio di qualità turistico-ambientale del Touring

Una delle domande più ricorrenti di questa pandemia è: quando potremo tornare a viaggiare? È una domanda ancora senza risposta, ma nel frattempo il Piemonte...

Lavoro: il governo vaglia nuove misure di supporto

Cassa covid, contributi 2021, contratto di solidarietà difensiva. L’esecutivo al lavoro per rinnovare le misure di supporto al mondo del lavoro.   In diverse zone d’Italia...

Lombardia zona rossa, oggi il ricorso al Tar

Rt datato ed altri parametri sottovalutati. Fontana: “Puntiamo a sederci al tavolo tecnico per la loro modifica”. Confcommercio: “Cambio di passo nella politica dei...

Aeroporto Torino: miglior scalo d’Europa e sempre più green

Dopo aver ricevuto il premio di Aci Europe - associazione che riunisce oltre 500 scali di 46 Paesi - come miglior scalo d'Europa nella...

Recent Comments