Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
deneme bonusu veren bahis siteleri
deneme bonusu
casino slot siteleri/a>
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Cialis
Cialis Fiyat
deneme bonusu
padişahbet
padişahbet
padişahbet
deneme bonusu 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet untertitelporno porno 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet سایت شرط بندی معتبر 1xbet وان ایکس بت
domenica, Luglio 14, 2024
More
    Home Lombardia Cremona Intervista a Sara Frittoli

    Intervista a Sara Frittoli

    Intervista a Sara Frittoli

    Export manager di un’azienda del comparto sciistico, ci racconta le sue sensazioni e come ha vissuto la pandemia

     

    Ci parli un po’ di lei

    Mi occupo del commerciale all’interno dell’azienda Ma.Ro Group.srl, quindi della promozione dei nostri prodotti che sono caschi da sci , maschere da sci, occhiali sportivi e caschi per bicicletta. Abbiamo un nostro marchio che si chiama SH+. Sono io che partecipo alle varie fiere nazionali e internazionali. Il nostro fatturato è attualmente composto dal 60% di export.

     

    Si è mai sentita penalizzata nel suo settore in quanto donna?

    Io mi trovo in azienda dal ’99. In tutti questi anni, sebbene si tratti di un ambiente principalmente di uomini, in cui gli export manager sono normalmente di sesso maschile, non ho mai avuto questa sensazione.

     

    Come avete vissuto la fase dell’emergenza Covid?

    Noi abbiamo reagito riconvertendo buona parte della nostra produzione, quindi lasciando temporaneamente in stand by il nostro business poiché non c’era modo di poterlo proseguire.

    Ci siamo messi all’opera per la produzione di dispositivi anti-covid.

    Dopo una chiusura breve di circa due settimane, siamo partiti con la produzione e la distribuzione di visiere di protezione. Noi ci troviamo in provincia di Cremona, una delle più colpite dal coronavirus. Quindi ci siamo messi a disposizione per la nostra comunità e per altri clienti esteri in Europa che ci hanno richiesto un supporto.

    Essendo sbilanciati prevalentemente sull’export, abbiamo comunque subito delle perdite a livello di fatturato. Peraltro abbiamo intensi rapporti con paesi quali Giappone, Taiwan e Corea, che sono stati i primi colpiti dalla pandemia. I nostri clienti ci hanno bloccato gli ordini e non hanno voluto ritirare la merce che avevano ordinato. In quei mesi, coincidenti tra l’altro con la stagione sciistica, abbiamo avuto perdite tra il 20 e il 30%.

     

    Come valuta l’operato del Governo a tutela dell’impresa in questa fase di difficoltà?

    Per quanto riguarda la nostra realtà lavorativa devo dire che tutto sommato siamo stati aiutati con la cassa integrazione, con la proroga dei pagamenti delle tasse ed il congelamento di alcuni contenziosi in corso.

    Sarebbe molto utile per le imprese italiane avere una forte riduzione delle tasse e del costo del lavoro. Per poter aiutare l’industria italiana a svilupparsi si devono ridurre i costi. Purtroppo nella situazione attuale ci tocca rimanere così come siamo e questo ci penalizzerà perché si bloccano gli investimenti e perderemo di competitività rispetto alle imprese straniere.

     

    È fiduciosa nel futuro o teme una nuova ondata epidemica?

    In questo momento è difficile fare delle previsioni in quanto la situazione non si è ancora completamente stabilizzata. Sono positiva per quanto riguarda l’Italia perché mi sembra che la curva dei contagi sia sotto controllo rispetto ad altri paesi e credo che pian piano potremo ricominciare. Sicuramente continueremo ad avere delle perdite per quanto riguarda l’export, specialmente per tutto il comparto America, Stati Uniti in primis, dove non mi sembra che la situazione sia ancora tranquilla.

    Nonostante tutte le difficoltà noi siamo produttori italiani, l’azienda è di proprietà della stessa famiglia da più di quarant’anni e per noi questo è un motivo di orgoglio. Speriamo, ci auguriamo e continueremo a fare tutto il possibile per mantenere il 100% del made in Italy, di garantire prodotti di qualità e lavoro alle persone del nostro territorio.

    Andrea Curcio

     

     

     

     

    Most Popular

    UCIMU 2023: crescita (grazie all’export) nel settore della meccanica avanzata

    Il 2023 ha segnato un'epoca di crescita significativa per l'industria italiana delle macchine utensili, della robotica e dell'automazione, comunemente nota come UCIMU. Con una...

    Istat, produzione industriale cresce dopo due mesi di flessioni

    Dall’ultimo rapporto Istat emerge che dopo due mesi di flessioni congiunturali, la produzione industriale riprende a crescere a maggio, dove l’indice destagionalizzato registra un...

    Gruppo CAP punta sugli investimenti: oltre 1 miliardo entro il 2033

    La green utility che gestisce il servizio idrico integrato della Città Metropolitana di Milano ha presentato il nuovo Piano Industriale 2024-2028 e stanzia, per...

    Innovazione e Sostenibilità: Fiorenzo Dioni e Richard Oberle vincono il European Inventor Award 2024

    L'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) ha recentemente annunciato i vincitori del prestigioso European Inventor Award 2024 nella categoria "Industria". Quest'anno, il riconoscimento è stato...

    Recent Comments