test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Politica La visita di Biden in Medio Oriente

    La visita di Biden in Medio Oriente

    La visita di Biden in Medio Oriente
    Secondo un’antica ma ancora valida logica realista, Biden si è recato in Medio Oriente per rafforzare i legami tra Israele e Arabia Saudita contro quella che gli Stati Uniti considerano la principale minaccia della regione: l’Iran. Il tentativo è ambizioso, visti gli storici rapporti conflittuali dei Paesi Arabi con Tel Aviv, ma nel mondo delle relazioni internazionali il nemico del mio nemico è mio amico e tanto basta per evitare uno scontro aperto, mentre altre volte ciò è sufficiente a favorire un avvicinamento.
    La Casa Bianca vuole tentare di aprire un nuovo capitolo in Medio Oriente, come sottolineato dal Consigliere per la Sicurezza nazionale, Jake Sullivan, secondo il quale uno degli obiettivi primari del viaggio di Biden è aumentare il livello di integrazione di Israele nella regione. Nel concreto, sul piatto c’è un partenariato regionale tra Israele e i suoi vicini arabi, tra cui gli Emirati Arabi Uniti, incentrato sulla difesa aerea al fine di proteggersi dalle minacce delle forze armate iraniane. Obiettivo tutt’altro che semplice vista la complessa rete di interessi in campo. Dall’altra parte, Biden è stato criticato per questo viaggio anche perché incontrerà di persona il principe ereditario del Regno saudita, Mohammed bin Salman, ritenuto il mandante del brutale assassinio del giornalista Jamal Khashoggi.
    Nella prima tappa di Biden in Medio Oriente, secondo quanto riportato dal Jerusalm Post, verrà annunciato una partnership strategica tra Israele e Stati Uniti che prevederà una dichiarazione comune contro il programma nucleare iraniano, elemento in cime alle paure di Tel Aviv. Inevitabile la reazione irata dell’Iran. Il suo presidente, Ebrahim Raisi, ha affermato che la visita di Biden non porterà maggiore sicurezza nella regione. Ma gli Stati Uniti non sono gli unici attori ad avere interessi in Medio Oriente. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, si augura che lo sviluppo delle relazioni tra Washington e Riad, tra cui esistono comunque diverse linee di tensione sulla questione dei diritti umani e del petrolio, non sia direzionato contro Mosca.
    Redazione

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments