Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
deneme bonusu veren bahis siteleri
deneme bonusu
casino slot siteleri/a>
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Cialis
Cialis Fiyat
deneme bonusu
padişahbet
padişahbet
padişahbet
deneme bonusu 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet untertitelporno porno
domenica, Luglio 14, 2024
More
    Home Prima pagina Medicina estetica: un volto più giovane con l’acido polilattico

    Medicina estetica: un volto più giovane con l’acido polilattico

    Medicina estetica: un volto più giovane con l’acido polilattico
    Le nuove formulazioni hanno restituito al trattamento in voga tempo fa un ruolo di primo piano nel trattamento del volto. «Risultati naturali e più duraturi, con zero effetti collaterali», spiega Patrizia Gilardino, medico estetico
    Il principio è quello di rigenerare, l’obiettivo quello di restituire volume e luminosità alla pelle del viso. In medicina estetica l’acido polilattico sta vivendo una seconda giovinezza: molto utilizzato fino a una ventina di anni fa, è tornato fortemente in auge grazie alle sue nuove formulazioni che gli consentono di avere risultati naturali, una durata maggiore rispetto ad altri trattamenti estetici ed effetti collaterali praticamente nulli. «Possiamo parlare quasi di un ritorno al passato per guardare al futuro», premette Patrizia Gilardino, chirurgo estetico di Milano. «L’acido polilattico è stato un punto di riferimento nella medicina estetica prima della diffusione dei filler oggi più conosciuti. Ma le recenti formulazioni, che hanno superato alcuni limiti, lo ripongono come trattamento di riferimento quando si tratta di intervenire sulla zona centrale del volto, per contrastare i segni del tempo e per restituire alla pelle compattezza e luminosità, senza alterare le proporzioni del viso, anzi rispettandole profondamente».
    Più che un’azione riempitiva, è un trattamento che fa leva sulla rigenerazione dei tessuti. Spiega infatti Gilardino: «L’acido polilattico infatti va infatti a stimolare la pelle in profondità, portando a una produzione degli elementi vitali per la nostra cute. Questo processo permette di cancellare o attenuare qualche piccola ruga, senza inibire i muscoli». Inoltre, «è una sostanza completamente riassorbibile. Ma nonostante questo, garantisce effetti fino a 18-24 mesi e anche oltre. Quindi un periodo decisamente più lungo rispetto ad altri trattamenti. Unico neo: richiede un po’ più di tempo per attivarsi e portare a risultati visibili».
    Il trattamento consiste in una serie di piccole iniezioni nell’area da trattare. «Contrariamente a un po’ di anni fa, quando la preparazione necessitava di un tempo abbastanza lungo, l’acido polilattico viene preparato dal medico al momento del trattamento:la sostanza deve essere diluita a seconda dell’area e del problema da affrontare. Per le iniezioni vengono utilizzati degli aghi sottili che non comportano dolore, ma permettono di arrivare nel sottocute e dare la possibilità all’acido polilattico di agire stimolando la sintesi del collagene, una molecola molto importante per la struttura della nostra cute essendo responsabile dell’elasticità e della tonicità della pelle».
    Vengono chieste in media tre sedute, fatte a circa due mesi di distanza l’una dall’altra. «I risultati non sono immediatamente valutabili: bisogna attendere circa tre o quattro settimane per poterli apprezzare, visto che bisogna dare il tempo affinché il prodotto induca la sintesi del nuovo collagene. Ma, come spesso avviene, l’attesa è ripagata da un effetto lifting naturale della pelle e più duraturo».
    Ovviamente, prima di sottoporsi a trattamento occorre un’approfondita valutazione da parte di un medico specialista. «Parliamo sempre di un trattamento di medicina estetica». Puntualizza Gilardino: «Nei casi maggiormente compromessi, quando ad esempio ci troviamo davanti a delle lassità  particolarmente accentuate, l’unica strada per poter avere dei risultati apprezzabili arriva dalla chirurgia».
    Il costo di una singola seduta parte da 450 euro.
    Patrizia Gilardino – Laureata in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano nel 1988, Patrizia Gilardino si è specializzata nella Scuola di Chirurgia Plastica Ricostruttiva dell’Università degli Studi di Milano nel 1993. Iscritta all’Ordine dei Medici di Milano dal 1989, ha lavorato fino al 2003 all’Unità Funzionale di Chirurgia Plastica dell’Ospedale Multimedica di Sesto San Giovanni. Esercita la libera professione al Poliambulatorio della Guardia di Finanza di Milano, al Centro Dermatologico Europeo, nel proprio studio di via Colonna a Milano e nello studio di via Colombo 44 a Piacenza. È membro della Società di verifica e controllo di qualità e della Società americana di chirurgia plastica. È socio Sicpre (Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva ed estetica) ed è iscritta all’Associazione Italiana Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe) www.gilardinochirurgiaestetica.eu.
    Ufficio Stampa Patrizia Gilardino
    Info: Marco Parotti – 340 9665279. mparotti@eoipso.it

    Most Popular

    Innovazione e Sostenibilità: Fiorenzo Dioni e Richard Oberle vincono il European Inventor Award 2024

    L'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) ha recentemente annunciato i vincitori del prestigioso European Inventor Award 2024 nella categoria "Industria". Quest'anno, il riconoscimento è stato...

    Italia – Algeria, firmato accordo per agricoltura rigenerativa

    Nell’ambito del Piano Mattei e a seguito dell’incontro bilaterale avvenuto durante il G7, l’Italia e l’Algeria hanno stretto un accordo, firmato il 6 luglio...

    Invecchiamento della popolazione in Piemonte: una sfida demografica crescente

    Il Piemonte è testimone di una significativa trasformazione demografica, caratterizzata da un invecchiamento della popolazione che si fa sempre più marcato. Secondo l'ultimo rapporto...

    Mosca contro l’entrata di Kiev nella Nato: “Una minaccia inaccettabile”. Il Cremlino si scaglia anche contro i missili Usa a lungo raggio in Germania

    Con il vertice Nato di Washington, è tornata la narrativa vittimista della Russia. Il Segretario Generale dell'Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, ha ribadito che l'entrata...

    Recent Comments