11.5 C
Milano
venerdì, 4 Dicembre, 2020
Home Economia Bonus centri storici: da 1000 a 150mila euro di contributo  

Bonus centri storici: da 1000 a 150mila euro di contributo  

Bonus centri storici: da 1000 a 150mila euro di contributo

Attivo il portale dell’Agenzia delle Entrate per ottenere il bonus centri storici. Diversi i requisiti per ottenerlo: avere l’attività in determinate zone di certe città fino al fatturato che determina il calcolo della somma ottenibile.

Da mercoledì è operativo il sistema per richiedere il bonus per i centri storici previsto dal decreto Agosto (Dl n. 104). Come già ricordato dall’Informatore, tale misura consiste nell’erogazione di un contributo alle attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico che rispettano determinate condizioni e requisiti.

Tale aiuto, infatti, è rivolto specificatamente a 29 comuni: Milano, Bergamo, Como, Roma, Torino, Venezia, Palermo, Bari, Genova, Napoli, Verbania, Firenze, Rimini, Siena, Pisa, Urbino, Bologna, La Spezia, Ravenna, Bolzano, Lucca, Matera, Padova, Agrigento, Siracusa, Ragusa, Cagliari, Catania, Verona.

Per poter presentare l’istanza sono necessari una serie di requisiti. Anzitutto bisogna svolgere un’attività di vendita di beni o servizi al pubblico nelle “zone A” o equipollenti dei capoluoghi di provincia che hanno registrato una presenza di turisti stranieri in misura tre volte superiore ai residenti o delle città metropolitane che hanno registrato una presenza di turisti almeno pari ai residenti. In secondo luogo è necessario avere la partita Iva attiva al 30 giugno 2020 e non cessata alla data di presentazione della domanda.

L’importo minimo, riconosciuto ai soggetti la cui attività è cominciata a partire dal 1° luglio 2019 nelle zone A dei suddetti comuni, è di 1000 euro per le persone fisiche e di 2000 euro per i soggetti che non sono persone fisiche. L’importo massimo ottenibile invece è pari a 150mila euro. Tale contributo non è soggetto a tassazione e viene calcolato secondo un criterio preciso. Viene applicata una percentuale che varia a seconda della differenza tra l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi relativi a giugno 2020 e il fatturato e i corrispettivi dei giugno 2019:

15%, se i ricavi e i compensi nell’anno 2019 sono inferiori a 400mila euro;
10%, se i ricavi e i compensi nell’anno 2019 superano la soglia precedente ma non l’importo di un milione di euro;
5%, se i ricavi e i compensi nell’anno 2019 superano un milione di euro.

Si può far richiesta per tale sostegno all’Agenzia delle Entrate (il cui sito rimane la fonte primaria in caso di approfondimenti e dubbi) presentando un’istanza dal 18 novembre 2020 al 14 gennaio 202 tramite il portale “Fatture e Corrispettivi” nell’area riservata. L’istanza deve contenere una serie di informazioni tra cui il codice fiscale, l’iban (su cui verrà accreditato il contributo), l’indicazione se i ricavi o compensi dell’anno 2019 sono inferiori o uguali a 400.000 euro, sono superiori a 400.000 euro e fino a 1 milione di euro oppure sono superiori a 1 milione di euro e l’indicazione se il soggetto richiedente ha iniziato l’attività a partire dal 1° luglio 2019.

Simone Fausti

Most Popular

Ritorna la coltivazione della terra, una risorsa da non dimenticare

Persone occupate in altri settori in difficoltà, riprendono la coltivazione dei terreni ereditati dai genitori, abbandonati da qualche tempo   Marino Zamboni ha ereditato il mulino...

Da oggi in vigore il nuovo dpcm

Il dpcm natalizio introduce delle novità per quanto riguarda gli spostamenti, i centri commerciali, i cenoni e la scuola. Da oggi, venerdì 4 dicembre, è...

Covid, formazione in campo contro la crisi del lavoro

L’istat ha pubblicato i dati relativi al mercato del lavoro: 473 mila occupati in meno rispetto al 2019 e + 30% del tasso di...

Fiera Digitale del Network: la prossima frontiera del Circolo delle Imprese

Come affrontiamo il Covid dice molto di noi. Il Circolo delle Imprese ha deciso di combattere, lo ha deciso dal primo giorno. Il come è...

Recent Comments