test
lunedì, Giugno 17, 2024
More
    Home Economia STIAMO INCASSANDO CORRETTAMENTE? CI SIAMO PREPARATI PER SETTEMBRE?

    STIAMO INCASSANDO CORRETTAMENTE? CI SIAMO PREPARATI PER SETTEMBRE?

    STIAMO INCASSANDO CORRETTAMENTE? CI SIAMO PREPARATI PER SETTEMBRE?

    Le crisi e i cambiamenti improvvisi (crollo delle borse 2009), le novità fiscali (fatturazione elettronica), le pandemie (Covid), o il nuovo Codice delle imprese che sarebbe dovuto entrare definitivamente in vigore in questi mesi, non guardano in faccia a nessuno e colpiscono duramente tutte le Aziende.
    Quelle sane e ben attrezzate reagiscono, le altre purtroppo spesso non ce la fanno.
    Per farlo bisogna lavorare correttamente e professionalmente in tutti i comparti aziendali.

    Il credito che spesso viene lasciato all’ultimo posto tra le priorità aziendali oggi assume un valore strategico, ed essere reattivi per reagire velocemente può addirittura far guadagnare punti di mercato e sui propri competitor addirittura in questo periodo.
    Vediamo allora cosa abbiamo fatto in questi mesi e cosa possiamo fare per prevenire e per gestire i mancati incassi?

    Covid ha evidenziato per le Aziende dei nuovi rischi. Vediamo quali.
    Innanzi tutto devo fare una rivalutazione di tutti i miei clienti. Sì lo storico ormai ha poca importanza, e devo cercare di capire come hanno gestito questo momento di difficoltà.
    In pratica è come se fossi una start-up che inizia oggi a lavorare e prima di prendere qualsiasi nuovo cliente lo valuta. Da qui il primo consiglio pratico: diffidate dai cattivi pagatori e bloccate loro l’erogazione di beni e servizi, se già non vi pagavano prima figuriamoci adesso. Perderò forse alcuni clienti ma il rischio più grande è che improvvisamente chiudano o mettano in liquidazione la società, con un debito nei miei confronti sempre maggiore.

    Dal punto di vista preventivo fate più attenzione ai nuovi clienti e se non potete fornirli tutti, fate delle scelte. Il mio consiglio e di valutare sempre le info commerciali, create delle policy di affidamento più restrittive, modificate le condizioni di pagamento, fate nuovi contratti diversi o su misura. E in alcuni casi proponete sconti o vantaggi per pagamenti anticipati. Perché in questo momento avere un pagamento anticipato non ha prezzo.
    Spesso i clienti mi chiedono ma quando mi muovo? Il mio consiglio è di muoversi molto velocemente e non aspettare che il problema esploda. L’obiettivo principale oggi è quello di diminuire il rischio complessivo per la mia impresa.

    Infine come gestire i problemi. Vi identifico 3 categorie cui far attenzione.
    1. Il cliente che non risponde. Prendete atto che è un cliente in cattiva fede e procedete subito con la fase esattoriale o legale.
    2. Il cliente che non mi paga. Sentitelo e parlateci, l’obiettivo è quello di trovare una soluzione di rientro sostenibile per lui e per voi. Potete anche agire sui Piani di Rientro e su una ristrutturazione del debito.
    3. Il cliente che non è consapevole. Questo è il più pericoloso perché dovete valutare voi per lui se la sua attività sarà in piedi nei prossimi mesi.

    Concludendo il pericolo più grande che vedo per le PMI e per le piccole Aziende in questo momento è quello di stare fermi e attendere.

    Non esitate a contattarmi sono a vostra disposizione per qualsiasi ulteriore informazione e chiarimento. Fabrizio Almadori Credit Manager consulente del credito. Mail: almadori@upbusiness.it

     

    Fabrizio Almadori. Esperto ultradecennale nella gestione crediti BtoB. Da molti anni mi occupo di assistere le aziende e i professionisti nella creazione e personalizzazione delle politiche creditizie in funzione del proprio business. Formazione e coaching alle risorse aziendali sulla gestione del credito. Inoltre supporto agli stress finanziari, prevenzione delle crisi aziendali, oppure gestione crisi aziendali.

    Most Popular

    Il Rapporto Almalaurea 2023: Stipendi e Opportunità per i Neolaureati Italiani

    Il Rapporto Almalaurea 2023 fornisce un quadro dettagliato sul profilo e la condizione occupazionale dei laureati italiani. Secondo i dati raccolti, un neolaureato magistrale...

    Rivoluzione nelle terre rare: la Norvegia può ridurre la dipendenza europea dalla Cina?

    La recente scoperta di un vasto giacimento di terre rare nel complesso di Fen, in Norvegia, rappresenta un cambiamento significativo nel panorama geopolitico delle...

    Marco Gay nominato Presidente di Unione Industriali Torino

    Il Consiglio Generale di Unione Industriali Torino ha nominato Marco Gay come nuovo Presidente dell'associazione, succedendo a Giorgio Marsiaj. Questo rappresenta il primo passo...

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Recent Comments