sabato, Maggio 25, 2024
More
    Home Prima pagina Unito continua a crescere: più di 20mila iscritti per il 2023/2024

    Unito continua a crescere: più di 20mila iscritti per il 2023/2024

    Unito continua a crescere: più di 20mila iscritti per il 2023/2024
    I dati sulle nuove immatricolazioni all’Università di Torino confermano un trend di continua crescita con 20.387 nuovi studenti iscritti. Rispetto all’Anno Accademico 2022/2023 le Lauree Triennali sono stabili (con una differenza di -79 studenti), le Lauree a Ciclo Unico fanno registrare un aumento del 5% (105 studenti in più), mentre è boom per le Lauree Magistrali con un incremento significativo del 20% (+615 studenti). Quest’ultimo dato è provvisorio perché è possibile immatricolarsi ai corsi di Laurea Magistrale fino a gennaio 2024.
    «L’Università di Torino – commenta il Rettore Stefano Geuna – si conferma sempre più attrattiva per chi decide di intraprendere un percorso avanzato di studi e di investire sulla formazione. Benché ancora provvisori, perché le iscrizioni ai corsi di laurea magistrale sono aperte fino a gennaio, i dati riaffermano nel complesso una crescita solida, trainata quest’anno dall’offerta formativa magistrale e a ciclo unico, cui contribuisce la piena conferma ottenuta dalle triennali rispetto ai numeri dell’anno scorso. Addirittura il 65% dei corsi registra un saldo positivo o stabile rispetto all’anno precedente. Questo risultato è ragione di piena soddisfazione, tanto più se si considera che è la conseguenza di un sempre maggiore radicamento sul territorio ma, al contempo, anche dell’incremento assai importante dei fuori sede sui corsi magistrali, che sono al momento il 19% in più».
    L’attrazione verso l’Università di Torino è parte di un’offerta formativa che risponde in modo adeguato ai reali bisogni del sistema d’innovazione e d’impresa che guarda con attenzione al mondo del lavoro. L’attrattività crescente di UniTo è dunque una grande opportunità di sviluppo sociale, culturale ed economico anche per il territorio, come ricorda Geuna: «Un euro investito nella nostra Università produce oggi un valore aggiunto diretto e indiretto di 2,41. Questo ci impegna nella necessità di continuare ad investire in infrastrutture, luoghi e spazi per lo studio, la ricerca e la socialità con l’ambizione di contribuire a fare ancora di Torino e dell’area metropolitana una città locomotiva dello sviluppo nazionale».

    Most Popular

    Italia: Record Storico delle Energie Rinnovabili ad Aprile 2024

    Ad aprile, l'Italia ha raggiunto un traguardo storico nel campo delle energie rinnovabili, coprendo il 51,2% del fabbisogno elettrico nazionale, rispetto al 36% dello...

    IA Act, Ue pioniera nella regolamentazione del settore

    Il 21 maggio il Consiglio Ue approva all’unanimità la prima legge europea che regola l’intelligenza artificiale. Quella dell’Unione Europea è la prima legislazione al...

    Conferme per le Bandiere Blu nelle Località Lacustri del Piemonte nel 2024

    Nonostante la sua posizione senza sbocchi sul mare, il Piemonte si distingue per la qualità delle sue località lacustri. La Bandiera Blu è un...

    I cinesi della Dongfeng in Italia: trattative per un nuovo impianto produttivo di 100.000 auto all’anno

    Il settore automobilistico italiano potrebbe presto accogliere un nuovo giocatore significativo proveniente dalla Cina, il Dongfeng Motor Group, che sta discutendo con il governo...

    Recent Comments