domenica, Aprile 14, 2024
More
    Home Prima pagina Supporto all’imprenditorialità in Africa: 33 nuove startup e PMI sostenute dall’acceleratore di...

    Supporto all’imprenditorialità in Africa: 33 nuove startup e PMI sostenute dall’acceleratore di E4Impact

    Supporto all’imprenditorialità in Africa: 33 nuove startup e PMI sostenute dall’acceleratore di E4Impact
    24 nuove startup accelerate e 9 incubate grazie al programma implementato dalla Fondazione E4Impact per l’Università Cattolica con il sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e l’assistenza tecnica dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO). Dal 2010 E4Impact ha formato oltre 11.600 imprenditori – 33% donne – che hanno creato una media di 6 posti di lavoro ciascuno. Molteni: “Sfruttare punti di forza e capacità delle singole regioni per promuovere crescita basata sulla produttività”.
    Cresce il numero delle startup e PMI sostenute da E4Impact Accelerator, il programma di accelerazione della Fondazione E4Impact che aiuta le imprese a crescere, ampliando il loro impatto, facilitando le opportunità di investimento e collegandole ai mercati globali. 33 le nuove realtà imprenditoriali che si aggiungono alle 115 accelerate e incubate dal programma promosso dall’Università Cattolica di Milano con il sostegno dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) e l’assistenza tecnica dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO), attraverso un percorso di 12 mesi che fornisce agli imprenditori africani competenze e strumenti, formazione con esperti di settore, visibilità internazionale e opportunità di finanziamento.
    Dall’agroalimentare alla sostenibilità, dalla moda (luxury, design e beauty) al tech e innovazione sono i diversi ambiti in cui operano le 24 startup accelerate da E4Impact, mentre le 9 startup incubate sono attive nell’ambito energetico, agrifood, educativo, elettronico, green, retail e fintech. Lanciato nel 2018, l’E4Impact Accelerator nasce con l’obiettivo di offrire agli imprenditori africani un piano di formazione personalizzato, servizi professionali, mentorship, coaching, opportunità di networking, visibilità, contatti con gli investitori, spazi di coworking, supporto alle risorse umane e misurazione dell’impatto, per trasformare le loro idee innovative in soluzioni pronte per il mercato.
    Due sono i progetti chiave gestiti da E4Impact grazie al contributo di AICS e alla collaborazione con diversi partner. Da un lato l’acceleratore che mira a rafforzare e potenziare le imprese africane in fase di crescita e di scale-up, dall’altro l’incubatore che promuove le imprese tecnologiche in fase iniziale, in particolare quelle che si trovano nel momento cruciale di test del prodotto o servizio e prototipazione. Oltre ai servizi forniti, il programma offre anche il collegamento e tutoraggio con aziende italiane interessate a investire in Africa o a creare partnership virtuose con imprenditori africani, mettendo a disposizione il proprio know how per sostenerne la crescita.
    Un programma che si è dimostrato vincente, come testimoniano i numeri in costante crescita. Finora, infatti, E4Impact ha lavorato con numerosi partner e ha formato oltre 11.600 imprenditori, di cui il 33% donne, che hanno creato una media di 6 posti di lavoro ciascuno. Il 57% degli imprenditori formati ha avviato nuove imprese, mentre il 98% ha aumentato il fatturato di quelle già esistenti. “Da tempo E4Impact, insieme all’Università Cattolica e a un qualificato gruppo di aziende e associazioni italiane, lavora allo sviluppo di imprese ad alto impatto sociale in Africa, allo scopo di creare nuovi posti di lavoro – spiega il Prof. Mario Molteni, CEO E4Impact Foundation e Delegato del Rettore per le Business Partnership UCSC -. Siamo contenti di poter continuare a dare un supporto all’imprenditoria africana partendo dal Kenya, in particolare alla nascita e crescita di startup e PMI, anche grazie al contributo di AICS e UNIDO che ci permettono di investire in differenti ambiti, favorendo l’incontro tra esigenze locali ed eccellenze italiane”. Una sfida ambiziosa quella della Fondazione, ma che si basa su un concreto potenziale di sviluppo: “Oggi il 60% della popolazione africana vive in condizioni di povertà – aggiunge Molteni – ma tenendo conto della diversità delle sfide di un continente economicamente frammentato come l’Africa, per noi è possibile sfruttare i punti di forza e le capacità di ogni regione in modo da promuovere una crescita basata sulla produttività che consenta di migliorarne le condizioni di vita, vitale per il benessere globale”.

    Most Popular

    Verso un’Italia cashless: innovazione digitale, resistenze culturali e impatto ambientale

    Nel 2024, il panorama finanziario italiano ha mostrato una chiara tendenza verso l'adozione dei pagamenti digitali, sostenuta in particolare dalla Generazione Z, che evidenzia...

    Massimiliano Salini su von der Leyen e la Sostenibilità Ambientale

    Nella seconda parte dell'intervista rilasciata a Fanpage, Massimiliano Salini ha ribadito l'appoggio di Forza Italia alla rielezione di Ursula von der Leyen alla guida...

    Piemonte, Moody’s eleva il rating. Un segnale positivo per gli investitori

    L'agenzia di rating newyorkese Moody's ha recentemente rivisto al rialzo il rating del Piemonte, portandolo da Ba1, un livello considerato "Non-Investment Grade", a Baa3,...

    Imprese, 1,5 milioni di nuove assunzioni nel prossimo trimestre

    Secondo quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ministero del Lavoro, nel trimestre aprile-giugno 2024 sono in programma nuove...

    Recent Comments