domenica, Maggio 19, 2024
More
    Home Prima pagina Boom di occupazione: a ottobre è record dal 1977

    Boom di occupazione: a ottobre è record dal 1977

    Boom di occupazione: a ottobre è record dal 1977
    Dopo le difficoltà dovute ai due anni di pandemia, e nonostante le conseguenze della guerra in Ucraina e della crisi energetica, negli ultimi mesi in Italia si registra un tasso di occupazione in forte crescita, come non lo si vedeva da quasi 30 anni. A ottobre è balzato al 60,5%, grazie soprattutto ai contratti a tempo indeterminato e al calo dei rapporti a termine e dei lavoratori autonomi. Diminuisce anche il numero di inattivi e disoccupati.
    In maniera a prima vista sorprendente, visti i tempi che corrono e le difficoltà che moltissimi  cittadini e imprese si sono trovati a dover affrontare negli ultimi mesi, i dati provvisori Istat vedono un mercato del lavoro in crescita dal punto di vista dell’occupazione.
    I dati relativi ad ottobre registrano un balzo al 60,5% del tasso di occupazione, un valore record che non si vedeva dal 1977, mentre i tassi di disoccupazione e inattività scendono rispettivamente al 7,8% e 34,3%.
    Secondo i dati provvisori diffusi dall’Istat i motori della crescita sarebbero soprattutto l’aumento dei contratti a tempo indeterminato (che salgono del +0,8%) e il calo dei rapporti a termine (-0,6%) e gli autonomi (-0,3%). Il tasso di occupazione rileva un aumento di +0,4%, pari a +82mila unità per uomini e donne, per i dipendenti permanenti (+0,8%).
    L’aumento di occupati nel mese di ottobre (+82mila rispetto a settembre e +496mila considerando tutto l’anno) coinvolge entrambi i sessi e tutte le classi d’età, ad eccezione dei 35-49enni per effetto della dinamica demografica negativa. Il tasso di occupazione, che nel complesso è in aumento dell’1,5%, sale anche in questa classe di età (+1,1 punti percentuali) perché la diminuzione del numero di occupati 35-49enni è meno marcata di quella della corrispondente popolazione complessiva.
    Come detto l’aumento più significativo riguarda i dipendenti in forma permanente, che arrivano a oltre 15,2 milioni (quasi mezzo milione in più rispetto al periodo corrispettivo del 2021). I dipendenti con contratti a termine invece sono circa 18mila in meno rispetto a un anno fa, mentre i lavoratori indipendenti sono stati 17mila in meno rispetto a settembre 2022. Complessivamente a ottobre gli occupati erano oltre 23,2 milioni, un dato che supera per la prima volta il record pre-pandemia del giugno 2019.
    D’altro canto scende anche il numero di persone alla ricerca di lavoro (-0,4% rispetto a settembre), anche qui in tutte le classi d’età a eccezione delle persone tra i 25 e 34 anni. La diminuzione del numero di inattivi invece riguarda praticamente tutti i generi e classi d’età, compresi giovani e ultra-cinquantenni, con un calo del -0,2%. La sostanziale stabilità nel numero degli occupati nel trimestre agosto-ottobre rispetto a quello precedente dipende quindi congiuntamente dall’aumento dei lavoratori permanenti e dalla diminuzione delle persone inattive o alla ricerca di lavoro.
    Sono sicuramente dati incoraggianti per il mercato di lavoro italiano, dopo le difficoltà degli ultimi anni, e l’aumento di contratti a tempo indeterminato sembra “contraddire” almeno parzialmente i frequenti discorsi sulle difficoltà di ottenere questo tipo di occupazioni. Anche se, come risulta dai dati, la fascia d’età dove le difficoltà a trovare e a mantenere il lavoro è naturalmente quella che riguarda i più giovani.
    Pietro Broccanello

    Most Popular

    Ferrari, un 2024 da record: consegne stabili, crescono gli utili

    Nel primo trimestre del 2024, Ferrari ha ottenuto risultati finanziari notevoli, segnando un incremento significativo sia nei profitti che nei ricavi. Il noto produttore...

    Space Festival 2024 a Torino: Un Incontro tra Scienza e Fantascienza

    A Torino è partita la terza edizione dello Space Festival, un evento unico nel suo genere che celebra l'esplorazione spaziale e il mistero cosmico....

    Ue, Pil italiano in crescita maggiore rispetto alle aspettative

    La Commissione europea ha rivisto in positivo le stime sulla crescita economica italiana, prevedendo un +0,9% del Pil rispetto al +0,7 precedentemente stimato. Pesa...

    Italia, l’economia cresce ma la povertà si attesta a “valori mai toccati in 10 anni”

    Secondo il Rapporto Annuale dell’Istat, dopo il crollo dovuto al Covid-19 nel 2020, la nostra economia ha continuato a crescere a un ritmo di...

    Recent Comments