test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Prima pagina Continua l’avanzata ucraina, lo stato maggiore di Kiev: riconquistati oltre 20 insediamenti...

    Continua l’avanzata ucraina, lo stato maggiore di Kiev: riconquistati oltre 20 insediamenti in 24 ore

    Continua l’avanzata ucraina, lo stato maggiore di Kiev: riconquistati oltre 20 insediamenti in 24 ore
    Prosegue senza sosta la controffensiva ucraina nel nord-est del Paese mentre si combatte anche a sud. Lo stato maggiore di Kiev ha dichiarato in un post Facebook di aver costretto le truppe russe ad abbandonare più di venti città e villaggi in sole 24 ore. La quantità di territorio recuperato nell’area di Kharkiv e Donetsk ha sorpreso anche gli analisti più ottimisti a tal punto che si parla di una vera e propria disfatta di Mosca in quella zona. Anche nel sud ci sono stati significativi progressi. Ieri le autorità ucraine hanno fornito per la prima volta una stima dei territori ri-conquistati nella regione di Kherson: si tratterebbe di 500 chilometri quadrati precedentemente in mano ai russi.
    La risposta del Cremlino è duplice. Da una parte i russi hanno reagito lanciando missili nel centro di Kharkiv e nell’est ucraino, secondo quanto riferisce la Cnn, costringendo ampie porzioni di territorio a subire un pesante blackout. Dall’altra parte, il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha ribadito che “l’operazione militare speciale continua e continuerà fino al raggiungimento degli obiettivi inizialmente fissati”.
    Non c’è dubbio, tuttavia, che l’inerzia del conflitto ora sia a favore dell’esercito ucraino il quale per il momento riesce a beneficiare di un’arma fondamentale: il caos che regna nelle truppe nemiche. Sempre su Facebook, gli ufficiali di Kiev hanno dichiarato che oltre alle pesanti perdite subite dai russi con lo sfondamento delle linee, coloro che si sono ritirati hanno “un morale e uno stato psicologico estremamente bassi, si rifiutano massicciamente di tornare nella zona di combattimento”.
    La disfatta del nord-est risulta alquanto innegabile anche ai più strenui sostenitori di Putin che cercano, tuttavia, di non perdersi d’animo. Kirill Stremousov, leader delle autorità russe che hanno occupato la zona di Kherson, nel sud dell’Ucraina, ha voluto ribadire su Telegram che “Kherson è e sarà una città russa. Nessuno cederà la città, figuriamoci, nessuno si ritirerà”. Eppure, lo stesso Stremousov ammette: “Per quanto riguarda la situazione nella regione di Kharkiv, molti di noi sono perplessi sulla situazione attuale. Il tempo metterà tutto al suo posto e avremo sicuramente le risposte alle nostre domande”.

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments