sabato, Aprile 20, 2024
More
    Home Prima pagina Occidente: il passo storico della Svezia e il nuovo Ufficio europeo per...

    Occidente: il passo storico della Svezia e il nuovo Ufficio europeo per l’innovazione della Difesa a Kiev

    Occidente: il passo storico della Svezia e il nuovo Ufficio europeo per l’innovazione della Difesa a Kiev
    Basta una guerra al confine per modificare uno status secolare. Con il voto favorevole del parlamento ungherese, la Svezia entrerà ufficialmente nella Nato, abbandonano 200 anni di neutralità. Dopo il crollo dell’export di gas verso l’Europa e un (lento) processo di riarmo dei Paesi Ue, un’altra conseguenza diretta della guerra scatenata da Putin contro l’Ucraina è l’allargamento dell’Alleanza Atlantica che annovererà 32 membri tra le sue fila. “Non piacerà alla Russia”: così il primo ministro svedese, Ulf Kristersson, ha commentato la notizia, aggiungendo che i russi “non gradiranno nemmeno che la Finlandia diventi un membro della Nato”. Quello della Svezia è “un grande passo da prendere sul serio” ha spiegato il premier svedese, spiegando tuttavia che si tratta anche di “un passo molto naturale che compiamo; l’adesione alla Nato significa che ora torniamo a casa per la cooperazione di un gran numero di democrazie per la pace e la libertà”.
    Nel frattempo, dopo il passo lungo di Emmanuel Macron sull’ipotesi di mandare truppe Nato a Kiev, ieri Ursula von der Leyen, ha rilanciato. La presidente della Commissione Europea ha annunciato che Bruxelles aprirà un Ufficio per l’innovazione nel settore della Difesa a Kiev. “Ciò avvicinerà sempre più l’Ucraina all’Europa e consentirà a tutti gli Stati membri di attingere all’esperienza e alla competenza dell’Ucraina sul campo di battaglia, nell’innovazione della difesa industriale”, ha spiegato von der Leyen alla plenaria del Parlamento Ue. Allo stesso tempo, la presidente della Commissione Ue ha invitato a “iniziare un dibattito sull’utilizzo dei profitti derivanti dal congelamento dei beni russi per acquistare equipaggiamento militare per l’Ucraina”.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments