domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina BAM CIRCUS - Il Festival delle meraviglie al parco

    BAM CIRCUS – Il Festival delle meraviglie al parco

    BAM CIRCUS – Il Festival delle meraviglie al parco
    Tre giorni di teatro di strada contemporaneo
    con 9 compagnie di artisti internazionali e oltre 20 spettacoli
    17 – 19 giugno 2022
    Fondazione Riccardo Catella presenta la grande novità del palinsesto 2022 all’interno del programma culturale di BAM – Biblioteca degli Alberi Milano: la prima edizione del festival internazionale BAM CIRCUS – Il Festival delle meraviglie al parco, ideato e diretto da Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale di BAM, Fondazione Riccardo Catella.
    Da venerdì 17 sera a domenica 19 giugno per tutto il giorno, il festival vede protagonista il teatro di strada contemporaneo con un programma prodotto e realizzato in stretta connessione con le specificità del Parco per offrire il suo ricco palinsesto culturale completamente open air e di respiro internazionale. BAMCIRCUS è infatti uno dei rari esempi di festival di teatro di strada integrato in maniera totale al luogo in cui nasce e va in scena:ispirato alla Natura e pensato “tout public”, ovvero percoinvolgere tutta la cittadinanza, in ogni sua fascia d’età, generare stupore e meraviglia ed esaltare il rapporto tra l’uomo e ciò che lo circonda. L’idea di portare a Milano una forma d’arte contemporanea nasce dal desiderio di raccogliere l’identità del luogo su cui è nato BAM, le ex Varesine, dove oggi sorge una porzione del quartiere Porta Nuova, che hanno ospitato per decenni lo spettacolo popolare per eccellenza, il circo e le compagnie italiane più importanti come il Circo Togni e il Circo Orfei.
    Per valorizzare questo legame con la storia di Milano, la Fondazione Riccardo Catella ha commissionato la produzione di un documentarioTi ricordi il Circo a Milano? Dalle ex Varesine un cammino che continua con interviste proprio ai protagonisti della storia del circo italiano come Paride Orfei eClaudio Madia, un corto che racconta l’amore per il mondo del circo da Federico Fellini, Giorgio Strehler, Paolo Grassi e di tanti artisti oltre che raccogliere, articoli, foto e video di un repertorio storico che non si vuole perdere e che sarà presentato inanteprima durante il festival.
    BAM CIRCUS, è la prima edizione di un festival che conta di svilupparsi su un arco temporale di tre anni, rispecchia l’essenza stessa della Biblioteca degli Alberi di Milano, un luogo naturale, un parco pubblico connubio tra rigenerazione urbana e culturalefondato sui valori di sostenibilità e inclusione. Una manifestazione che in ogni suo aspetto, ha chiesto agli artisti e partner coinvolti una produzione sitespecific, ispirandosi al mondo naturale e alla vita all’aria aperta, alla salvaguardia dell’ambiente, al rispetto della multiculturalità, allo sviluppo territoriale e alla riappropriazione degli spazi civici da parte dei cittadini.
    Questo approccio lo rende un festival all’avanguardia nell’ambito dell’arte performativa e della cultura di prossimità puntando ambiziosamente a creare una sua nuova identità nel panorama italiano ed internazionale per posizionarsi tra gli appuntamenti imperdibile tra le già grandi manifestazioni conosciute come il Ferrara Buskers Festival in Italia o il SmellLike Circus, il Tarrega e l’Off d’Avignone in Europa o il più noto festival internazionale di Montréal.
    In occasione di BAM CIRCUS, gli alberi del Parco fanno così dascenografia ogni giorno a performance, giochi, laboratori, picnic, street food e tanti sorprendenti BAMoment per un totale di 27 appuntamenti, gratuiti e aperti a tutti, come tutto il palinsesto di BAM. La produzione curata da BAM ha voluto una rappresentanza internazionale che vedrà l’alternarsi di 9 compagnie di rilevanza primaria nel panorama europeo e mondiale, provenienti da 6 paesi (Francia, Paesi Bassi, Spagna, Ucraina, Brasile e Italia), con una forte attenzione ai talenti più promettenti e alle giovani generazioni (7 compagnie su 9 sono infatti under 35). Per offrire con la firma di BAM un’esperienza a tutto tondo il festival si arricchisce inoltre di un’area dove provare i giochi tradizionali, approfondimenti, talk, che prendono vita in tutto il parco e di attività artistiche partecipative con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Brera, un consolidato partner di BAM. Un’installazione che richiama un grand chapiteau circense, coinvolgendo artisti, compagnie e massimi esperti del circo contemporaneointernazionale e del mondo della cultura.
    Il Festival è ideato e progettato dalla Fondazione Riccardo Catella all’interno del programma culturale di BAM e prende vita grazie alla indispensabile collaborazione del partner culturale Open Circus e di Alessandro Serena, nella sua veste di professore dell’Università degli Studi di Milano e dell’Università IULM, con la cattedra di Storia dello spettacolo circense e di strada e la valorizzazione di note realtà che operano sul territorio, tra questi fondamentale la collaborazione di Quattrox4|Fuori Asse e Milano Clown Circus.
    Oltre ai BAM Park Ambassador Volvo Car Italia e Assiteca che sostengono tutta la programmazione culturale e le attività del parco, BAM Circus è reso possibile grazie al contributo diFondazione Cariplo e Regione Lombardia, il patrocinio delComune di Milano e conta sul sostegno di Giotto, love brand diF.I.L.A. – Fabbrica Italiana Lapis ed Affini e San Carlo.
    Quote FC
    “La dove c’era il circo ora c’è…?ora c’è BAM!” scherza Francesca Colombo, Direttore Generale Culturale di BAM, Fondazione Riccardo Catella e l’idea di creare BAM Circus mi è nata proprio per raccogliere la storia di questo luogo che ha ospitato le più grandi compagnie circensi e grandi amanti del circo come Federico Fellini, Paolo Grassi e Giorgio Strehler.
    Mi piace pensare di poter offrire al pubblico qualche momento di evasione dalla gravità fisica ed emotiva che stiamo vivendo e, grazie alla capacità dell’arte, di suscitare nelle persone i sentimenti di meraviglia e leggerezza”
    Programma
    Il programma di BAM CIRCUS prende avvio venerdì 17 giugnoconAnime leggere del quartetto Dekru (Ucraina), gruppo di performer già premiato al Festival Mondiale del Circo di Mosca e al Festival di Clown e Mimi di Odessa. La performance, in due recite alle ore 18.00 nel parco e alle ore 21.00 al Volvo Studio Milano per un’esibizione speciale pensata indoor, costituisce un’interessante commistione tra l’archetipo del mimo (sull’esempio del nume tutelare Marcel Marceau), le espressioni più intense del teatro fisico e della danza contemporanea e una leggera satira sociale sui tic della vita quotidiana: il risultato è un’inedita sequenza di virtuosismi corporei che indaga la condizione umana.
    La giornata di sabato 18 giugno inizia con le incursioni “Azioni d’Amore” di Milano Clown Festival, a nei due giorni più riprese di performance poetiche, teatrali, musicali, di pantomima, clownerie, arte e giocoleria; a partire dalle ore 10.00 coinvolgeremo i più piccoli nei workshop Impara a stupire”,
    volti proprio all’avvicinamento dei bambini al mondo delle discipline circensi, della giocoleria e degli equilibri, all’insegna del gioco e della condivisione, realizzati in collaborazione con il centro per lo sviluppo del circo contemporaneo Quattrox4. Si prosegue alle ore 11.00 (in replica domenica allo stesso orario) con uno speciale trittico che vede Bastien Dausse (Francia, Spagna) e Alice Rende (Brasile), una degli artisti emergenti scelti dal festival, esibirsi in Passages + Moon”. Grazie a una sorprendente installazione aerea, gli artisti diventeranno una stella fluttuante nel cosmo, simulando il volo e permettendo al pubblico di evadere per un momento dai limiti del mondo reale, dalla gravità, fisica ed emotiva, tangibile e inafferrabile che contraddistingue la nostra quotidianità. Nel pomeriggio ai Workshop Kids di Officina Clandestina, si affiancano i giocolieri, i trampolieri e gli acrobati della Compagnia Piccolo Nuovo Teatro (Italia), che si esibiscono dalle 17.30 nella parata itinerante nel Parco “La danza degli Alberi”, dando vita ad alberi giganti che si muovono sinuosamente tra la folla, integrandosi con la Natura e diventandone parte integrante. A seguire, alle ore 18.30, la Compagnia Teatro Pavana (Paesi Bassi) è protagonista della suggestiva coreografia di “Tip Toes. Sulle punte”, che richiama con poesia le onde di colore dei grandi fiori colorati che sbocciano nei prati di BAM. Al raffronto tra tradizione e innovazione al centro del talk “Lo spettacolo popolare a BAM tra presente e passato”, previsto per le ore 18.30, si aggiunge l’analisi del panorama internazionale dell’arte circense con uno sguardo volto al futuro, grazie alla presenza di alcune personalità di spicco del teatro-circo contemporaneo. La giornata di sabato si chiude alle 21.30 con loSpettacolo onirico di cavalli luminosi” della Compagnie des Quidams (Francia), che dopo aver partecipato ai principali festival d’arte di strada europei, propone una suggestiva performance fatta di imponenti cavalli d’avorio, leggeri e fluttuanti, trasportando il pubblico in una cavalcata magica, scintillante e musicale, attraverso una serie di tableaux vivants coreografati: un valzer, un tango, un temporale, una giostra. Immagini che suscitano emozione, libertà e sorpresa, accompagnate dall’energia della danza e della musica.
    Domenica 19 giugno alle ore 8 svegliamo il corpo con una speciale sessione di yoga dinamico con Trybe per iniziare la giornata con la grande azione partecipata “Circo InScenache dalle ore 10.00 e per tutto il giorno offre la possibilità ad adulti e bambini, guidati da uno scenografo professionista e dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti di Brera, di cimentarsi con la realizzazione di una vera e propria scenografia nell’Area Meli del Parco e a tutti di immergersi in un carosello d’altri tempi. Dal pomeriggio nel Parco tornano a sfilare alcune tra le compagnie più in celebrate di acrobati e trampolieri in Italia e in Europa. La prima performance è quella de “La ballerina e il gigante” della compagnia Compagnie With Balls (Paesi Bassi), che anima i viali di BAM dalle ore 17.30 con un incontro stupefacente e fiabesco tra una gigantesca marionetta alta 4 metri e una ballerina che si muove graziosamente su una sfera alta 2 metri, riportando in chiave moderna lo spettacolo popolare
    alla sua essenza, ovvero allo stupore. Alle ore 18.30 è invece il turno di “Colors” di Compagnia Teatro Pavana, che vede sfilare con passo elegante tra la gente enormi figure che catturano il vento nel loro movimento, mentre la grande chiusura di BAMCIRCUS è affidata alla performance spettacolare “MOB”dell’eclettica Compagnia Transe Express (Francia), che coniuga la ricerca a uno spirito genuinamente popolare realizzando un’arte monumentale fatta di grandi apparati scenici e impressionanti performance aeree che coinvolgono il pubblico in quelle che sono state definite vere e proprie “shock creations”.
    Info
    Da venerdì 17.6 dalle ore 18:00 a domenica 19.6 alle ore 22:00sarà a disposizione una Welcome Area del BAM Circus e ai principali accessi del parco degli Info Point che forniranno tutte le informazioni utili sul programma, oltre alla presenza di street food stand in collaborazione con Campagna Amica.
    Tutti gli appuntamenti del palinsesto culturale di BAM sono sempre gratuiti su registrazione.
    Info e prenotazioni su www.bam.milano.it
    Per informazioni:
    SEC Newgate Italia
    Maria Serena Refolo – serena.refolo@secnewgate.it – 347 8522394
    Ines Baraldi – ines.baraldi@secnewgate.it – 331 5836772
    FONDAZIONE RICCARDO CATELLA, attiva dal 2005, ha come missione primaria quella di promuovere lo sviluppo sostenibile del territorio e degli spazi pubblici urbani. Nel corso degli ultimi 15 anni ha sviluppato una serie di programmi civico-culturali e di ricerca dedicati alla sostenibilità ambientale, all’inclusione sociale e alla rigenerazione di spazi pedonali con oltre 2 milioni di investimenti non profit. La Fondazione Riccardo Catella ha promosso numerose iniziative fra cui il programma pluriennale “I Progetti della Gente”: iniziative culturali e di riqualificazione di spazi pubblici nati attraverso l’ascolto delle comunità dei quartiere, “Mi Coltivo, Orto a Scuola”, progetto di realizzazione di orti didattici dedicati ai bambini realizzati in scuole pubbliche periferiche di Milano, “Porta Nuova Smart Camp”, un progetto inclusivo e innovativo che riunisce in un’esperienza comune bambini con disabilità o patologie gravi e bambini sani. Da luglio 2019, grazie ad un’innovativa partnership pubblico-privata con il Comune di Milano e COIMA la Fondazione Riccardo Catella, con il progetto BAM – Biblioteca degli Alberi Milano, diventa responsabile della gestione, della sicurezza, della manutenzione e del programma culturale del parco pubblico di Porta Nuova con oltre 200 eventi all’anno sempre gratuiti per la cittadinanza ispirato agli obiettivi di sostenibilità ambientale dell’ONU e ispirato sui 4 pilastri #OpenAirCulture #Education #Nature e #Wellness.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments