domenica, Aprile 14, 2024
More
    Home Prima pagina OFFICINE AIOLFI, UNA LUNGA STORIA FATTA DI INNOVAZIONE

    OFFICINE AIOLFI, UNA LUNGA STORIA FATTA DI INNOVAZIONE

    OFFICINE AIOLFI, UNA LUNGA STORIA FATTA DI INNOVAZIONE
    È una lunga storia, quella delle Officine Aiolfi, dove la parola dordine è una sola: innovazione. Innovazione sempre, costantemente, da quando nel 1974 Giampaolo Aiolfi decise di mettersi in proprio e dar vita ad una realtà che oggi, dopo quasi cinquantanni resta leader nel suo settore. Oggi abbiamo incontrato Claudio Aiolfi, figlio di Giampaolo, per farci raccontare il passato, il presente e il futuro del gruppo made in Madignano.
    Dott. Aiolfi, com’è nata la sua azienda?
    La fondazione dellazienda la devo soprattutto alla lunga esperienza che mio padre Giampaolo ha vissuto alla Canavese di Crema, unimportante realtà nel ramo delle macchine utensili, che anche se appartiene al passato ha lasciato grandi ricchezze di e competenze nel nostro settore. Mio padre proveniva da una classica famiglia di agricoltori lombardi, ed è partito un pocon soluzioni improvvisate. Ha recintato una porzione di portico della cascina e lha chiuso in modo anche raffazzonato, ma creando un angolo con due macchine ed altrettante postazioni. Mi racconta spesso, addirittura, che per prendere questi materiali di riuso, ha percorso una decina di chilometri con il suo cavallo trainato da un carro, per poi far ritorno trainando il materiale. Se mi guardo alle spalle devo dire che è stato un gran bel salto, sia professionale che mentale, per la generazione di imprenditori dellepoca.
    Dal 1974 ad oggi qual è stata levoluzione?
    Mio padre ha cominciato da solo per poi prendere un dipendente che lo aiutasse nelle piccole commesse che riceveva. Ha allargato il giro fin da subito, svolgendo presto lavori per aziende fuori provincia. Da tutte queste esperienze è scaturita unevoluzione importante nel 1979, lanno dellacquisto di una macchina a controllo numerico. Era una novità per lepoca. Mio padre è stato tra i primi ad impiegare una macchina di questo tipo nel nostro territorio, e così facendo ha permesso allazienda di entrare nel mercato delle produzioni in serie. Da lì è iniziata la mia esperienza in azienda. A 16 anni, con il primo Centro di Lavoro ho iniziato a programmare le macchine utensili, proseguendo parallelamente gli studi. Volevamo ampliare la gamma di servizi offerti al cliente e alla fine degli anni 90, quando la produzione di serie era ormai un nostro ambito naturale, abbiamo iniziato a lavorare con Bosch nel settore automotive. È un ambito sfidante ed evoluto sotto tutti i settori aziendali, dagli investimenti, alla logistica, alla produzione, alla qualità. Tutte tecniche e metodologie avanzate ed efficienti che vengono successivamente adottate, anche se in modo semplificato, in altri settori. È stata unoccasione fondamentale, se pensiamo che oggi ben il 70% del fatturato della nostra azienda è dato dal comparto automotive. Nel 2004, inoltre, abbiamo ottenuto la prima certificazione ISO 9001, una certificazione generica che è oggi ormai molto comune, tuttavia era il primo gradino per arrivare alla ISO-TS 16.949, una certificazione impegnativa ma molto richiesta per il settore auto. Dal 2010 ci siamo evoluti con una crescita importante anche in termini di fatturato, fino a quello che siamo oggi: nel 2022 dovremmo chiudere attorno ai 17 milioni di euro.
    Oltre alla sede di Madignano, avete anche altre realtà sul territorio?
    Due anni fa abbiamo acquisito ununità produttiva in Romania con 22 dipendenti, che oggi sono ben 35. Grazie a questo investimento possiamo affrontare il mercato in modo più competitivo, unendo i punti di forza delle due sedi: là ci sono competenze diverse in settori diversi che ci hanno consentito di inserirci anche in mercati che prima erano a noi sconosciuti, come quello delle moto e delle telecomunicazioni. Quello di Madignano resterà comunque lo stabilimento principale e continuerà la sua crescita restando la testa pensante del gruppo.
    Insomma, vi siete innovati rispondendo a un mercato in continua evoluzione. È così?
    Abbiamo deciso di fare il salto perché abbiamo deciso soddisfare il mercato. Se il mercato richiede un qualcosa dobbiamo assecondarlo, altrimenti rimaniamo fermi. È importante diventare sempre più forti, senza appiattirci, ma cavalcare le scelte e le richieste del mercato giocando dattacco. Se il mercato automotive richiedeva ad esempio una particolare certificazione allora dovevamo averla, e così è stato. Questo ci ha aperto un ventaglio di possibilità nuove, con le giuste caratteristiche per il settore.
    Com’è stato affrontare le dure sfide degli ultimi anni?
    Abbiamo affrontato due anni difficili, ma sia nel 2020 che nel 2021 siamo riusciti a crescere. Nellanno della pandemia abbiamo chiuso con un +9%, mentre nel 2021 con un +20% rispetto al 2020. Questanno vogliamo stabilizzare la crescita dello scorso anno, anche se è difficile fare una previsione. Per i clienti auto la produzione si è fermata per 3/4 mesi ad inizio 2020, ma è continuata per altri partner italiani ed esteri delle catene primarie, che ci ha consentito di recuperare la perdita nei mesi successivi.
    La crisi della pandemia e la crisi energetica quindi non vi hanno fatto perdere danimo. È così?
    Stiamo passando da una crisi allaltra da molto tempo, ed il fatto di avere continui impedimenti sta diventando uno standard. Siamo al terzo anno di incertezze ed anche il mondo dellimpresa sta imparando a convivere con questi meccanismi. Noi, inoltre, proveniamo anche dalla crisi dei chip, che nel settore auto ha visto una drastica penuria di componenti con la quale dovremo tornare a fare i conti anche nel prossimo futuro. Siamo in un momento caotico, dove caos significa cambiamenti multipli non prevedibili. La cosa più difficile, come imprenditore, è limpossibilità di programmare ed affrontare i rischi calcolati.
    Mentre sul tema energetico cosa mi può dire?
    Lenergia un tempo era una costante; oggi è un cost driver e solo gli aumenti accorsi incidono per l8% del nostro costo di trasformazione. È diventata una componente fondamentale alla quale guardare in unottica di efficientamento. Oggi più che mai è fondamentale fare investimenti mirati, in particolare nel comparto dellautoproduzione di energia: sfruttando tutti gli spazi passeremo, con un nuovo impianto fotovoltaico, da una produzione di 200 a una produzione 600 kilowatt. Poi è molto interessante il discorso delle comunità energetiche, che ha portato allattenzione il tema a tutti operatori, e può consentire risultati importanti a tutte le aziende. Investire in questo settore significa rendere unimpresa competitiva oppure no. Oggi siamo tutti sulla stessa barca, stiamo tutti subendo limprevedibilità. Nel medio termine, quindi, solo chi saprà scegliere gli strumenti, gli investimenti e le politiche positive in campo energetico potrà fare la differenza a livello di competitività.
    Quali sono le sfide che le Officine Aiolfi dovranno affrontare per il futuro?
    Per unazienda come la nostra, che fa sette giorni a ciclo continuo con tre turni, sarà sempre più difficile e costoso trovare personale adeguato a coprire tutte le fasce orarie. Per aumentare lefficienza serve automazione ove possibile, amplificando la capacità lavorativa delluomo. Per questo, il progetto Humans Hub è senzaltro uno sguardo verso il presente prossimo. Abbiamo sì in prospettiva la volontà di incrementare il numero di addetti, ma si tratterà di personale indiretto, collegato a tecnologie 4.0 che richiederanno una competenza adeguata. Così facendo il numero dei lavoratori sarà stabile perché la crescita sarà sviluppata attraverso lincremento delle automazioni.
    Unaltra sfida che il mondo esterno ci ha messo sul tavolo, ma che ci sta rendendo protagonisti, riguarda poi lelettrificazione dellauto e su questi aspetti numerose commesse che ci porteranno una parte importante di fatturato. Anche in questo senso abbiamo diversificato nella direzione giusta per non rimanere spiazzati dal drastico calo atteso delle tecnologie endotermiche, anche se penso che i numeri e le date previste non siano realistici.
    Grazie.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    Verso un’Italia cashless: innovazione digitale, resistenze culturali e impatto ambientale

    Nel 2024, il panorama finanziario italiano ha mostrato una chiara tendenza verso l'adozione dei pagamenti digitali, sostenuta in particolare dalla Generazione Z, che evidenzia...

    Massimiliano Salini su von der Leyen e la Sostenibilità Ambientale

    Nella seconda parte dell'intervista rilasciata a Fanpage, Massimiliano Salini ha ribadito l'appoggio di Forza Italia alla rielezione di Ursula von der Leyen alla guida...

    Piemonte, Moody’s eleva il rating. Un segnale positivo per gli investitori

    L'agenzia di rating newyorkese Moody's ha recentemente rivisto al rialzo il rating del Piemonte, portandolo da Ba1, un livello considerato "Non-Investment Grade", a Baa3,...

    Imprese, 1,5 milioni di nuove assunzioni nel prossimo trimestre

    Secondo quanto emerge dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e ministero del Lavoro, nel trimestre aprile-giugno 2024 sono in programma nuove...

    Recent Comments