domenica, Maggio 19, 2024
More
    Home Economia Lavoro, Unioncamere: 444mila assunzioni previste a maggio dalle imprese

    Lavoro, Unioncamere: 444mila assunzioni previste a maggio dalle imprese

    Lavoro, Unioncamere: 444mila assunzioni previste a maggio dalle imprese

    Nel mese di maggio le imprese italiane hanno in programma oltre 444mila assunzioni, nonostante l’indebolimento della crescita delle ultime settimane e la forte incertezza che caratterizza le stime del secondo trimestre a causa della guerra in Ucraina e della corsa dei prezzi delle materie prime, energia in primis.È quanto delinea il Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal.

    Il settore maggiormente in crescita sul fronte della ricerca occupazionale è quello dei servizi (+30,2% rispetto ad aprile e +31,5% rispetto a maggio dello scorso anno), trainato principalmente dalla ripresa della filiera turistica. Soffrono invece le imprese manifatturiere: -4,4% i lavoratori ricercati rispetto ad aprile (-3mila) e -18,8% se confrontati con un anno fa (-15mila). Negative anche le costruzioni sia rispetto al mese precedente (-0,9%) e ancor più rispetto a un anno fa (-27,5%).

    Nel complesso, perdura la difficoltà delle imprese nel trovare i profili ricercati. Sono difficili da reperire il 38,3% delle figure professionali da inserire in azienda (+7,4% rispetto a maggio 2021), soprattutto a causa della mancanza di candidati. A livello settoriale, le industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo hanno difficoltà a reperire il 52,6% dei profili ricercati, seguiti dalle industrie del legno e del mobile (50,4%), le industrie della meccatronica al pari delle imprese dei servizi informatici e delle comunicazioni (49,2% per entrambi) e le industrie del tessile, abbigliamento e calzature (47,4%).

    Tra i profili ricercati, la tipologia contrattuale maggiormente proposta è quella dei contratti a tempo determinato (246mila unità), seguiti da quelli a tempo indeterminato (76mila), i contratti di somministrazione (49mila), i contratti non alle dipendenze (28mila), i contratti di apprendistato (23mila), altre forme contrattuali alle dipendenze (15mila) e i contratti di collaborazione (6mila).

    Tra i profili più complicati da trovare ci sono gli specialisti in scienze matematiche, informatiche e scientifiche (55,3%9, ), i tecnici in campo ingegneristico (56%) e tecnici della salute (56,5%), le professioni socio-sanitarie (50,1%), gli operatori della cura estetica (58%), oltre alle figure degli operai specializzati quali fabbri ferrai e costruttori di utensili (67,2%), artigiani e operai specializzati del tessile e dell’abbigliamento (65,7%), fonditori e saldatori (65,1%) e meccanici, montatori, riparatori e manutentori di macchine fisse e mobili (62,2%).

    Redazione

    Most Popular

    Ferrari, un 2024 da record: consegne stabili, crescono gli utili

    Nel primo trimestre del 2024, Ferrari ha ottenuto risultati finanziari notevoli, segnando un incremento significativo sia nei profitti che nei ricavi. Il noto produttore...

    Space Festival 2024 a Torino: Un Incontro tra Scienza e Fantascienza

    A Torino è partita la terza edizione dello Space Festival, un evento unico nel suo genere che celebra l'esplorazione spaziale e il mistero cosmico....

    Ue, Pil italiano in crescita maggiore rispetto alle aspettative

    La Commissione europea ha rivisto in positivo le stime sulla crescita economica italiana, prevedendo un +0,9% del Pil rispetto al +0,7 precedentemente stimato. Pesa...

    Italia, l’economia cresce ma la povertà si attesta a “valori mai toccati in 10 anni”

    Secondo il Rapporto Annuale dell’Istat, dopo il crollo dovuto al Covid-19 nel 2020, la nostra economia ha continuato a crescere a un ritmo di...

    Recent Comments