sabato, Maggio 25, 2024
More
    Home Prima pagina EFFETTO GUERRA, IL RITORNO ALL’OLIO DI PALMA

    EFFETTO GUERRA, IL RITORNO ALL’OLIO DI PALMA

    EFFETTO GUERRA, IL RITORNO ALLOLIO DI PALMA
    La guerra in Ucraina ed i conseguenti rincari avranno conseguenze anche sullindustria alimentare: lutilizzo dellolio di palma crescerà del 20% a partire dal 2023
    Sono passati sette anni da quando lolio di palma è stato via via smantellato dalla catena di produzione alimentare, almeno in Italia, viste le campagne contro il suo utilizzo per la prevenzione della deforestazione del Borneo e di altre aree verdi del pianeta. Dal 2015 la domanda di olio di palma è infatti calata del 33%, con 200mila tonnellate in meno allanno e limpiego di altri oli di semi come quello di colza, soia e girasole. Ma detto ciò, oggi, complice ancora una volta il conflitto tra Russia e Ucraina, il passo indietro sarà inevitabile. Non solo stangate su bollette e carburanti: le previsioni dellUnione italiana olio di palma sostenibile, infatti, hanno riferito che dal 2023 avremo impatti anche sullindustria alimentare nostrana, con un impiego maggiore del 20% del prodotto, a causa dei rincari delle materie prime e le difficoltà nellimportazione. Con il 60% della produzione e il 75% dellexport, lUcraina è infatti il principale Paese coltivatore di girasoli al mondo, e lItalia dipende da Kiev per oltre il 60% delle importazioni di olio grezzo.
    Non è però un prodotto da demonizzare. Mauro Fontana, presidente dellUnione italiana olio di palma sostenibile, ha ricordato che il 95% dellolio di palma utilizzato dallItalia sia certificato come sostenibile, e proprio per questo i dati non devono spaventare: Siamo una best practice mondiale, ha sottolineato, quello che arriva nel nostro Paese proviene soprattutto da Malaysia e Indonesia, anche se c’è una quota importante di prodotto sudamericano. Lolio di palma utilizzato, infatti, pur rappresentando ben il 35% delle produzioni di grassi vegetali destinati allalimentazione, impiega solo il 10% di tutti i terreni utilizzati per coltivare oli, ele proiezioni della Fao dicono che entro il 2050, per garantire sufficiente cibo per tutta la popolazione mondiale, la produzione di oli dovrà incrementare dell85%, passando da 165 a 307 milioni di tonnellate. In questo contesto la produzione di palma, purché sostenibile, avrà un ruolo strategico, visto che garantisce una resa allettaro di 4-8 volte maggiore. Accorgimenti, quindi, in favore di sostenibilità e risposta al fabbisogno, con anche una serie di altri vantaggi da non sottovalutare: ha un gusto neutro, che ben si adatta alle produzioni dolci, poi, rispetto a quello di colza, è più facile da reperire: i francesi sono grandi produttori di colza ma se la tengono quasi tutta per sé mentre il Canada, che è il più grande esportatore mondiale, ha avuto una stagione pessima e ne ha prodotto molto meno. Quanto allolio di soia, invece, la maggior parte arriva da Sudamerica ed è Ogm.
    Stante la crisi delle materie prime, le prime conseguenze sul piano dellapprovvigionamento non sono tardate ad arrivare: Come Unione italiana dellolio di palma sostenibileracconta Fontana abbiamo appena partecipato a Marca, la fiera del private label, dove abbiamo ricevuto parecchie richieste di informazioni. Abbiamo anche segnali di passaggi già avvenuti: il mondo della frittura è stato il primo a guardare allolio di palma, sia tra i produttori industriali di fritti sia tra le catene di fast food. Io mi aspetto che, nei prossimi mesi, vada a scemare lappeal dello slogan senza olio di palma e che molte aziende, sia piccole che grandi, ritornino parzialmente sui loro passi, affiancando alle linee di prodotti senza altre che nuovamente utilizzano questo tipo di olio.
    Rilevante è poi il tema del prezzo dellolio di palma, più competitivo rispetto ai diretti concorrenti: È vero che un cambiamento così repentino della domanda indotto dalla crisi ucraina ne ha fatto aumentare le quotazioniha dichiarato Fontana, ma resta comunque più economico, in media, del 20-30% rispetto a quello di girasole. E sebbene dallUcraina facciano sapere che la semina di girasoli non è totalmente compromessa  (anche se è facile pensare che subirà drastici rallentamenti ancora per molto), lArgentina ha aumentato la produzione per sopperire alle carenze, ma gli effetti non si vedranno prima della prossima primavera.
    Giacomo Zanetti

    Most Popular

    Italia: Record Storico delle Energie Rinnovabili ad Aprile 2024

    Ad aprile, l'Italia ha raggiunto un traguardo storico nel campo delle energie rinnovabili, coprendo il 51,2% del fabbisogno elettrico nazionale, rispetto al 36% dello...

    IA Act, Ue pioniera nella regolamentazione del settore

    Il 21 maggio il Consiglio Ue approva all’unanimità la prima legge europea che regola l’intelligenza artificiale. Quella dell’Unione Europea è la prima legislazione al...

    Conferme per le Bandiere Blu nelle Località Lacustri del Piemonte nel 2024

    Nonostante la sua posizione senza sbocchi sul mare, il Piemonte si distingue per la qualità delle sue località lacustri. La Bandiera Blu è un...

    I cinesi della Dongfeng in Italia: trattative per un nuovo impianto produttivo di 100.000 auto all’anno

    Il settore automobilistico italiano potrebbe presto accogliere un nuovo giocatore significativo proveniente dalla Cina, il Dongfeng Motor Group, che sta discutendo con il governo...

    Recent Comments