11.5 C
Milano
sabato, 26 Settembre, 2020
Home Economia Prosegue la guerra per il petrolio tra Russia e Sauditi

Prosegue la guerra per il petrolio tra Russia e Sauditi

L’Arabia Saudita ha annunciato che ad aprile aumenterà le forniture di 2,6 milioni di barili di petrolio al giorno. Una quantità di greggio immensa, considerando che i consumi sono calati a causa del coronavirus.

Il crollo delle quotazioni del barile su livelli insostenibili per qualunque produttore, insieme alla rapida escalation di Riad, sembra aver gettato le basi per una tregua tra i colossi petroliferi.

Dalla Russia è arrivata una prima apertura a riprendere le trattative su tagli di produzione nell’ambito dell’Opec Plus.

A sorpresa gli Stati Uniti dello Shale Oil hanno cancellato la maxi vendita di riserve petrolifere annunciata un paio di settimane fa.

«Date le attuali condizioni del mercato petrolifero, non è il momento ottimale per vendere», ha spiegato il dipartimento Usa dell’Energia.

L’annuncio di Riad è arrivato in via ufficiale: dal 1° aprile le consegne di greggio concordate con i clienti saliranno a 12,3 mbg, un aumento del 25% rispetto agli attuali 9,7 mbg estratti dalla compagnia.

La decisione non ha fatto sprofondare ulteriormente le quotazioni del petrolio che anzi sono rimbalzate più del 10%, con i future sul Brent che alle 20 sfioravano i 38 dollari al barile.

Riad nel weekend aveva offerto super sconti sui prezzi di listino offerti dalla compagnia, che secondo indiscrezioni hanno spinto alcune raffinerie ad incrementare del 30-50% gli ordini di greggio saudita, a scapito si presume di forniture di altra origine.

La Russia da un lato ha raccolto la sfida saudita e dall’altro si offre per tornare a collaborare nella cornice dell’Opec Plus.

Il ministro dell’Energia, Alexandr Novak, ha dichiarato che Mosca si accinge ad estrarre 300mila bg in più e che l’incremento potrebbe spingersi a 500mila bg.

Lo stesso ministro Novak, che venerdì 6 aveva fatto saltare le trattative al vertice di Vienna,

oggi si è tuttavia mostrato disponibile a ricucire con gli ex alleati.

Per il momento Riad gli ha sbattuto la porta in faccia. Il ministro saudita Abdulaziz Bin Salman, ha detto di non riuscire a condividere la fiducia in un meeting così presto: servirebbe «solo per dimostrare il fallimento nel fronteggiare l’attuale crisi». «In un mercato libero – ha rincarato la dose – ogni produttore di petrolio è libero di dimostrare la sua competitività e di conservare e accrescere la sua quota di mercato».

Nel frattempo però c’è stata una telefonata (confermata dalla Casa Bianca) tra Donald Trump e Mohammed Bin Salman, il potente principe ereditario saudita.

Non è chiaro che cosa stia avvenendo dietro le quinte. Ma è certo che il presidente Trump – pur mostrandosi spavaldo di fronte a quelli che ha definito «litigi» tra Mosca e Riad – comincia a temere conseguenze pesanti per le società dello shale oil.

Andrea Curcio

Most Popular

Superbonus: nasce il mercato digitale

Con il coinvolgimento di diverse realtà, prende piede il mercato digitale per negoziare i crediti fiscali.   Il superbonus diventa realtà. Nasce infatti il mercato digitale...

Milano: il sindaco Sala annuncia occupazione suolo gratis oltre il 31 ottobre

La decisione di ampliare gli spazi esterni in uso agli esercizi commerciali era nata come misura a sostegno di bar e ristoranti. Critici i...

Disoccupazione globale alle stelle

L’OIL prevede 213 milioni di disoccupati entro fine anno   L’Organizzazione Internazionale del Lavoro stima che entro la fine di quest’anno la disoccupazione in tutto il...

Co-working, trinamica e addizioni.

Una strada per interpretare le nuove necessità professionali.   Partiamo dalla proprietà commutativa delle addizioni. Se cambio l’ordine degli addendi la somma (o il risultato) non...

Recent Comments