Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
giovedì, Giugno 20, 2024
More
    Home Prima pagina DEF: IL NUOVO PROGRAMMA DEI CONTI È DEFINITO

    DEF: IL NUOVO PROGRAMMA DEI CONTI È DEFINITO

    DEF: IL NUOVO PROGRAMMA DEI CONTI È DEFINITO
    Il Documento di Economia e Finanza è stato definito nei suoi contenuti ed è pronto per lapprovazione in Consiglio dei Ministri.
    Quando i tempi bui della pandemia e le negative conseguenze economiche in cui si sono imbattute famiglie e imprese sembravano poter essere alle spalle, la crisi energetica moltiplicata dallinvasione russa in Ucraina, ha ulteriormente messo in ginocchio lintero Paese. Lunica via inevitabile resta pertanto quella dellintervento del Governo, che con il Documento di Economia e Finanza, al vaglio in queste ore, si appresta a dare un altro colpo ai rincari, assicurando una discesa del rapporto debito/PIL e liberando nuovi spazi per gestire le coperture degli ultimi due decreti energia, gettando le basi per un nuovo intervento di aiuto alleconomia che arriverà entro la fine del mese.
    Le nuove misure consentiranno verosimilmente unazione nellordine di 25-26 miliardi di euro, che tuttavia non saranno utilizzabili in toto per gli interventi anti-crisi, e, soprattutto, non sono totalmente legati al nuovo deficit. Esatto, perché il primo propulsore dei conti pubblici è infatti conseguenza delleredità positiva prodotta dal rimbalzo del PIL 2021, il quale aveva superato le aspettative stanziandosi su un +6,6%. Al deficit toccherebbe infatti uno sforzo aggiuntivo intorno agli 8-10 miliardi, dato che la spinta alle entrate avrebbe prodotto un aiuto nellordine dei 15-16 miliardi. La prima fotografia della situazione appare sufficiente in relazione ai dati del fabbisogno, che nel primo trimestre del 2022 si attestavano sui 29,8 miliardi, in miglioramento rispetto allo stesso periodo del 2021. Larchitettura è stata rivista al ribasso, complice ancora una volta la crisi energetica dovuta alla guerra in Ucraina che ha visto rivalutare in negativo le prospettive di crescita, di fatto dimezzando il PIL fino al +2,8% rispetto a quanto previsto lo scorso ottobre dalla Nadef. La crescita sarà rivista significativamente, con valori più bassi del previstoaveva confermato il ministro dellEconomia Daniele Franco, non escludendo a priori la possibilità del verificarsi di fenomeni di stagflazione. Qualche decimale è stato invece guadagnato soprattutto grazie agli interventi arrivati dal Governo, oltre a quelli ancora in fase di elaborazione da Palazzo Chigi. Sul punto il Def dovrebbe indicare una leggera discesa rispetto ai livelli 2021, vicini al 151% dopo lultima correzione Istat sul prodotto nominale, seguita poi da una riduzione più decisa sotto al 150% nel 2023 ed unulteriore diminuzione netta negli anni successivi.
    Da ultimo, ma non per importanza, è il duro compito del Def di trovare le coperture necessarie degli ultimi due decreti energia già in vigore. Il primo, varato a inizio marzo, ha infatti previsto il congelamento di 4,5 miliardi di fondi ministeriali, da liberare ora con il nuovo programma di finanza pubblica, mentre il secondo ha utilizzato circa un miliardo di maggiori entrate Iva per tagliare le accise sui carburanti. Un lavoro tuttaltro che semplice  quello che sta impegnando lEsecutivo in questi giorni, sebbene il Governo sia aiutato dalleffetto inflazione che sta facendo lievitare il PIL nominale. C’è però dellaltro, visto che andranno gestiti i 14,5 miliardi di fondi Mef che il primo decreto va a bloccare fra 2023 e 2032, e che impatteranno, seppur parzialmente, sugli spazi di manovra del Documento. Le nuove misure al varo, che saranno decise col prossimo decreto, si tradurranno pertanto in disposizioni un intento che non è tanto quello di chiudere la crisi energetica, quanto quello di costruire un nuovo canale dintervento comunitario su cui laccordo non è ancora stato trovato.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    IA, il futuro per il settore auto

    I sistemi di intelligenza artificiale, si sa, stanno acquisendo un ruolo sempre più centrale in diversi settori economici. Tra questi quello dell’automotive è in...

    Fondazione Comunitaria Nord Milano: 360mila euro assegnati a 44 progetti del territorio

    75 i progetti pervenuti nell’ambito dei tre bandi promossi dalla Fondazione. Al centro delle iniziative proposte la persona con le sue fragilità, cultura ed...

    UE, Massimiliano Salini (Forza Italia) eletto vicepresidente del Gruppo PPE

    L’eurodeputato è tra i dieci vicepresidenti eletti stamane nell’ambito del rinnovo delle cariche del Gruppo PPE che ha riconfermato alla guida Manfred Weber, eletto...

    Prima Edizione del premio “Marco Casavecchia”: un riconoscimento per giovani talenti nel ricordo di un maestro del diritto

    Il 18 giugno, a Torino, si è tenuta la cerimonia di assegnazione del primo premio dedicato alla memoria dell'avvocato Marco Casavecchia, scomparso nell'ottobre del...

    Recent Comments