sabato, Dicembre 2, 2023
More
    Home Prima pagina UCRAINA: GLI AIUTI MILITARI DELL’ITALIA

    UCRAINA: GLI AIUTI MILITARI DELL’ITALIA

    UCRAINA: GLI AIUTI MILITARI DELLITALIA
    La guerra in Ucraina prosegue e vede compatto il fronte europeo nel sostegno alle forze di resistenza di Kiev. 20 dei 27 Paesi dellUnione hanno infatti già pianificato linvio di aiuti militari agli uomini di Zelensky impegnati a combattere loffensiva russa. Anche lItalia è fra questi: il Governo Draghi durante lultimo Consiglio dei Ministri ha dato il via libera allunanimità a un decreto che prevede linvio di mezzi, materiali ed equipaggiamenti, oltre a dispositivi di protezione individuale come giubbotti antiproiettile, caschi e rilevatori di mine e altri ordigni esplosivi. Si tratta del primo passo dato che sarà ora necessario lavallo del Parlamento affinché il provvedimento sia concretamente attuato e si possa così inviare il carico promesso. La norma abilitante, infatti, solo dopo la preventiva risoluzione delle camere – spiega Palazzo Chigi in una nota – consente al Ministro della Difesa di adottare un decreto interministeriale per la cessione del materiale, ed in esso sarà definito minuziosamente lelenco dei dispositivi che saranno inviati, di concerto con la Farnesina e il Ministero dellEconomia.
    Tuttavia, benché gli armamenti nello specifico non siano ancora stati definiti, dovrebbero essere inviati in Ucraina tutta una serie di dispositivi facili da usare sia da soldati addestrati che da civili rimasti in patria a combattere linvasore russo. Si tratta di sistemi anticarro e antiaereo, mitragliatrici leggere e pesanti, mortai. Tutti strumenti imprescindibili, secondo gli esperti, per condurre una guerra in un contesto urbano e di resistenza, dove le priorità sono, appunto, il facile trasporto e utilizzo. I missili anticarro e gli antiaerei Stinger a infrarossi – che grazie alla propagazione del calore riescono a intercettare un aereo o un elicottero in fase di decollo o atterraggio – sono infatti maneggevoli, poco ingombranti e facili da usare, mentre le mitragliatrici pesanti Browning o le più leggere Mg saranno poi confezionate e spedite con ingenti carichi di munizioni e ricambi.
    Gli aiuti allUcraina decisi lunedì andranno a sommarsi a quelli già deliberati dal Consiglio dei Ministri lo scorso venerdì, quando il Governo aveva optato per il potenziamento della presenza militare a Est per tutto il 2022 e il 2023, rafforzando le tre missioni in atto in Romania, in Lettonia e nel Mediterraneo Orientale, con uno stanziamento di circa 174 milioni di euro. Un potenziamento che non concerne solo mobilitazione di armi: il Governo ha disposto linvio di 1.350 militari fino al 30 settembrenellambito delle missioni Nato, con altri 2.000 pronti per eventuali esigenze di rinforzo o per dare il cambio ai primi soldati, rimpinguando così le forze del Patto Atlantico nei Paesi limitrofi allUcraina. Contestualmente, quattro Eurofighter sono già partiti dalla base di Gioia del Colle (Bari) per raddoppiare il numero di quelli già presenti nella base romena di Kogalniceanu di Costanza. In Lituania saranno invece protagonisti gli alpini, mobilitati assieme agli altri corpi di alta prontezza e specializzazione, come parà, incursori e lagunari. Per quanto concerne invece linvio degli equipaggiamenti per la protezione individuale, la spesa prevista è di circa 12 milioni, mentre altri 3 serviranno per le iniziative di protezione civile con linvio di tende da campo che garantiranno un totale di mille posti letto.
    Anche il modo di consegna degli equipaggiamenti è senzaltro degno di sottolineatura, dato che lItalia e gli altri Paesi UE non consegneranno direttamente a Kiev il materiale, che sarà invece distribuito in un sito di smistamento in Polonia, in modo da evitare – secondo il diritto bellico internazionale – un ingresso nel conflitto da parte degli Stati europei. Non sarà quindi, de iure, una vera e propria consegna di armi allUcraina, in quanto saranno gli ucraini stessi a reperirle in questo apposito sito polacco.
    È la prima volta di sempre che lEuropa compatta fornisce materiale bellico a un Paese, e la prima volta dalla Seconda guerra mondiale che Germania e Svezia inviano armi verso un Paese in guerra. Due prime volte che si sommano allondata di sanzioni imposte dalloccidente alla Russia. Ma daltronde lo ha ricordato anche il Premier Mario Draghi durante il discorso in Senato: LItalia non si volterà dallaltra parte. Questa volta nessuno potrà permetterselo.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    Il lavoro torna a crescere: in Piemonte il mercato è dinamico

    Il lavoro torna a crescere: in Piemonte il mercato è dinamico A ottobre il numero degli occupati si attesta a circa 23 milioni 694 mila...

    Il riciclo dei Raee e la cultura dell’economia circolare nelle scuole

    Il riciclo dei Raee e la cultura dell'economia circolare nelle scuole Cambiano i tempi, cambiano le pubblicità, cambiano i modi di pensare non solo alle...

    PATRIARCA A CHI?

    PATRIARCA A CHI? Sembra che il femminicidio, e in generale il male del mondo, sia causato, soprattutto nel nostro Paese, dal patriarcato, come se negli...

    Best Managed Companies Award: al via le candidature

    Best Managed Companies Award: al via le candidature Il premio, giunto alla VII edizione italiana, è organizzato da Deloitte in collaborazione con ALTIS Università Cattolica,...

    Recent Comments