test
sabato, Giugno 15, 2024
More
    Home Lombardia Le nuove regole fino al 30 Aprile

    Le nuove regole fino al 30 Aprile

    Le nuove regole fino al 30 Aprile
    Italia divisa tra il rosso e l’arancione. Nessuna apertura tranne le scuole per tutto Aprile. Ancora divieto di spostamento tra regioni. Vaccino obbligatorio per personale sanitario.
    Dal 7 al 30 Aprile l’Italia resterà divisa in regioni arancioni e rosse, la zona gialla sarà infatti sospesa. Bar e ristoranti resteranno pertanto chiusi.
    Resta salva la possibilità di allentare le restrizioni in quei territori dove il numero dei contagi si riduca in modo significativo.
    Dopo Pasqua riapriranno invece tutte le scuole, dalla materna alla prima media, anche nelle zone rosse. Peraltro è fatto divieto ai presidenti di Regione di emanare ordinanze in senso contrario, a differenza di quanto accaduto sin ora.
    Nelle zone arancioni le scuole saranno aperte fino alla terza media, mentre gli studenti delle superiori tornano in presenza al 50%.
    Resta il divieto di spostamento tra le regioni, se non per raggiungere una seconda casa, motivi di lavoro o salute.
    In zona rossa non saranno più possibili le visite ad amici e parenti. Si può uscire solo per lavoro, salute, necessità (fare la spesa, comprare farmaci e altre evenienze). Nemmeno parrucchieri e barbieri saranno aperti. Sarà sempre possibile raggiungere le seconde case, a meno che la Regione non faccia un’ordinanza contraria.
    È confermato il coprifuoco in tutto il Paese dalle 22 alle 5.
    Almeno fino al 30 Aprile non ci sarà nessuna apertura per ciò che concerne palestre, piscine, cinema, teatri e musei.
    Nel decreto si prevede lo sblocco dei concorsi pubblici per la Pubblica Amministrazione. In ballo ci sono circa 110.000 assunzioni. Per semplificarli, si è deciso di valutare i candidati con un’unica prova scritta e un esame orale solo eventuale, che resterà tale fintanto che l’emergenza continua.
    I concorsi in presenza partiranno dai primi di Maggio. Per consentire lo svolgimento delle prove in sicurezza si prevede l’obbligo per i candidati di produrre la certificazione di un test antigenico negativo effettuato nelle 48 ore precedenti.
    Infine viene introdotta una prima forma di obbligatorietà del vaccino, limitata solo a medici, infermieri, operatori sociosanitari, farmacisti, dipendenti anche amministrativi di Rsa e studi privati. In caso di rifiuto, la conseguenza sarà quella del demansionamento o della sospensione, compreso lo stipendio.
    È stato introdotto lo scudo penale per i vaccinatori, limitando la loro responsabilità ai soli casi di colpa grave.
    Andrea Curcio

    Most Popular

    Riuscirà l’Italia a Fermare la Fuga dei Suoi Giovani Talenti?

    L'Italia sta affrontando un allarmante esodo di giovani talenti, particolarmente accentuato tra i laureati, che nelle ultime due decadi hanno lasciato il paese in...

    Piemonte, la spesa dei beni durevoli segna +8,6% nel 2023

    Nel 2023, in Piemonte, la spesa per beni durevoli ha raggiunto quasi 6,5 miliardi di euro (6 miliardi e 479 milioni), segnando un aumento...

    760 Anni di eccellenza: la storia ininterrotta della carta Fabriano

    Nel cuore delle Marche, a Fabriano, si celebra un anniversario "pesante": 760 anni di produzione cartaria. La storia di questo materiale risale a un...

    Ue, Dazi fino al 48% sulle auto elettriche cinesi

    A partire dal 4 luglio, salvo un accordo diverso tra le parti, saranno introdotti nuovi dazi all’importazione di auto elettriche cinesi. Il motivo? Concorrenza...

    Recent Comments