Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com

1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co

betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
deneme bonusu veren bahis siteleri
deneme bonusu
casino slot siteleri/a>
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Deneme bonusu veren siteler
Cialis
Cialis Fiyat
deneme bonusu
padişahbet
padişahbet
padişahbet
deneme bonusu 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet وان ایکس بت 1xbet 1xbet untertitelporno porno
domenica, Luglio 14, 2024
More
    Home Economia Recovery Plan, il Governo ci indebita di ulteriori 35,6 miliardi

    Recovery Plan, il Governo ci indebita di ulteriori 35,6 miliardi

    Il MEF include nel Recovery altri 35,6 miliardi, producendo un deficit aggiuntivo che solleva problemi di finanza pubblica

     

    Il Recovery Plan potrebbe comportare un deficit aggiuntivo di 35,6 miliardi. La rilevazione proviene da due dossier curati dai Servizi studi e bilancio di Camera e Senato.

    A far lievitare il deficit sarebbero due integrazioni compiute dal Ministero dell’Economia, finalizzate all’ampliamento dei progetti.

     

    Una di queste riguarda il prelievo dal vecchio Fondo “Sviluppo e Coesione”, per una cifra di 21,2 miliardi, da aggiungersi ai 209,5 del Recovery. Inoltre sono state aggiunte risorse per 14,4 miliardi per finanziare nuove iniziative.

     

    L’effetto di questa duplice integrazione è abbastanza preoccupante, dal momento che potrebbe avere ricadute considerevoli sotto il profilo della finanza pubblica. Il Governo ha perciò deciso di spendere risorse aggiuntive rispetto a quelle stabilite dall’Europa nell’ambito del Next Generation Eu, con la conseguenza di aumentare il decifit, a meno che nuove coperture non vengano trovate.

     

    La scelta dell’esecutivo si spiega dal fatto che i 21,2 miliardi del Fondo “Sviluppo e coesione” avrebbero potuto essere utilizzati in base ad una procedura più lenta e farraginosa, perciò il Mef ha deciso di integrarli nel mega fondo del Recovery Plan. L’aspettativa del Governo è quella di colmare tale deficit aggiuntivo con le maggiori entrate fiscali previste, frutto delle misure che verranno intraprese. Ma questa tesi non sembrerebbe provata dalle proiezioni.

     

    Gli ulteriori 14,4 miliardi sono giustificati dal Governo come un accantonamento di emergenza, nel caso in cui alcuni progetti dovessero essere bocciati dalla Commissione Europea. Ma anche qualora ciò si realizzasse, il Governo sarebbe tenuto a rendere esplicita l’eventuale rinuncia dettagliata ai piani aggiuntivi per 14,2 miliardi, per evitare il c.d. rischio “indeterminazione”, in violazione delle regole poste dalla Commissione.

     

    Andrea Curcio

    Most Popular

    Innovazione e Sostenibilità: Fiorenzo Dioni e Richard Oberle vincono il European Inventor Award 2024

    L'Ufficio Europeo dei Brevetti (EPO) ha recentemente annunciato i vincitori del prestigioso European Inventor Award 2024 nella categoria "Industria". Quest'anno, il riconoscimento è stato...

    Italia – Algeria, firmato accordo per agricoltura rigenerativa

    Nell’ambito del Piano Mattei e a seguito dell’incontro bilaterale avvenuto durante il G7, l’Italia e l’Algeria hanno stretto un accordo, firmato il 6 luglio...

    Invecchiamento della popolazione in Piemonte: una sfida demografica crescente

    Il Piemonte è testimone di una significativa trasformazione demografica, caratterizzata da un invecchiamento della popolazione che si fa sempre più marcato. Secondo l'ultimo rapporto...

    Mosca contro l’entrata di Kiev nella Nato: “Una minaccia inaccettabile”. Il Cremlino si scaglia anche contro i missili Usa a lungo raggio in Germania

    Con il vertice Nato di Washington, è tornata la narrativa vittimista della Russia. Il Segretario Generale dell'Alleanza Atlantica, Jens Stoltenberg, ha ribadito che l'entrata...

    Recent Comments