11.5 C
Milano
martedì, 22 Settembre, 2020
Home Prima pagina Mascherine: dalla corsa al crollo

Mascherine: dalla corsa al crollo

Mascherine: dalla corsa al crollo

Gli ultimi dati parlano di un vistoso calo degli acquisti di mascherine nell’ultimo periodo, indizio di un abbassamento della guardia da parte degli italiani.

Dalla difficoltà nel reperirle al crollo degli acquisti. Il destino delle mascherine è cambiato repentinamente dal momento che a luglio gli italiani ne fanno meno uso e ne comprano di meno. È quanto emerge dai dati raccolti da Iqvia, provider mondiale di informazione nel settore farmaceutico e sanitario.

Dall’inizio di quest’anno, gli acquisti delle mascherine sono cresciuti appena il Paese ha preso coscienza dell’emergenza coronavirus fino ad arrivare ad un picco tra il 6 e il 13 aprile quando gli italiani hanno speso 5,5 milioni di euro in soli 7 giorni. Tuttavia, da quella settimana in poi la curva degli acquisti di tali prodotti è calata in maniera costante fino al 20 giugno per poi risalire nella penultima settimana di luglio quando la spesa è stata pari a 2,271 milioni di euro. Stessa sorte per i prodotti igienizzanti: dal picco del 9 marzo quando la spesa si era attestata attorno a 4,5 milioni di euro fino al 20 luglio, periodo in cui gli italiani hanno speso “appena” 521 mila euro.

Un crollo così verticale nell’acquisto delle mascherine è indice di un abbassamento della guardia e delle accortezze tenute finora dai cittadini italiani, proprio quando negli ultimi giorni di luglio è tornata a crescere leggermente la quota di contagiati in Italia. Nel frattempo all’estero la situazione rimane complicata: in Spagna è stata superata la soglia d’allarme dei 1000 casi in un giorno e stessa sorte è toccata alla Baviera con 902 nuovi positivi al covid registrati due giorni fa. Un altro paese con forte relazioni con l’Italia è la Romania che è il primo paese europeo per numero di decessi ogni mille abitanti.

Ricordiamo che in Italia è obbligatorio indossare la mascherina nei luoghi chiusi e anche all’aperto qualora non fosse possibile mantenere una certa distanza interpersonale. Tra i metodi a disposizione di tutta la popolazione per tentare di difendersi dal contagio, tre sono quelli più immediati: il distanziamento sociale, l’igiene delle mani e appunto le mascherine.

Simone Fausti

Most Popular

Test rapidi nelle scuole, potrebbe essere la svolta

Già utilizzati negli aeroporti, il Ministero della Salute ne sta studiando il grado di attendibilità per estenderli nelle scuole     Il Ministero della Salute sta lavorando...

Riforma Pensioni: opzione 62 anni per lavori usuranti

Sul tavolo diverse ipotesi per riformare il sistema pensionistico. Venerdì incontro governo-sindacati. Venerdì 25 settembre è stato fissato un incontro tra governo e sindacati per...

Il settembre nero del settore ricettivo

In forte crisi alberghi e società di affitti brevi delle grandi città d’arte per il calo del turismo internazionale. Townhouse e Halldis chiedono il...

Scusi, chi ha fatto palo?

Scusi, chi ha fatto palo? Ieri sono iniziati gli spogli e sono stati erogati i primi verdetti post elezioni. Così, come Fantozzi, in molti avranno...

Recent Comments