11.5 C
Milano
giovedì, 3 Dicembre, 2020
Home Economia Autonomi e cassintegrati: chi è più colpito dalla crisi?

Autonomi e cassintegrati: chi è più colpito dalla crisi?

Secondo uno studio della Uil gli autonomi perderebbero solo il 9% del loro reddito, basandosi su una presunzione irrealistica

Secondo uno studio della UIL, durante l’emergenza coronavirus i cassintegrati vedrebbero una decurtazione maggiore dal loro reddito rispetto a quella dei lavoratori autonomi. Lo studio mostra che un cassintegrato con retribuzione annua di €22.500, a fine anno perde circa il 18% del suo reddito netto, in quanto la cassa integrazione copre fino a un tetto di 940 euro lordi (circa 780 netti), in più vengono persi anche i ratei della tredicesima e della quattordicesima.

A parità di guadagno, ad una partita IVA che ha incassato zero a marzo ed aprile, sono stati garantiti 600 euro per ogni mese dal decreto Cura Italia, aumentati ad €1000 nel mese di maggio se viene riscontrata una perdita del fatturato di almeno il 33%. Quindi a parità di retribuzione (€22.500 l’anno), il cassintegrato perderebbe il 18% del suo reddito (assicurandosi nei tre mesi €2300 netti) ed il lavoratore autonomo perderebbe solo il 9% (assicurandosi €2200 dal Cura Italia, più le entrate derivanti dai propri affari).

Peccato che lo studio in questione si basi su una presunzione assai fuorviante. Perchè se è vero che l’autonomo beneficia di 2300 euro del Cura Italia, non è vero che perde solo il 9% dei suoi guadagni, ma molto di più. Questo perché i suoi incassi non saranno mai gli stessi di quelli dell’anno precedente. Inoltre nella maggior parte dei casi, una retribuzione lorda di €22.500 per un lavoratore autonomo corrisponde ad un guadagno netto decisamente inferiore rispetto a quello percepito da un lavoratore dipendente.

Da ciò si deduce che sono gli autonomi ad essere i più svantaggiati, senza contare neanche i costi ulteriori che questi sono costretti a supportare tra spese di pulizia dei locali, sanificazione, misure di sicurezza, diminuzione significativa della clientela.

Peraltro il rischio che una piccola impresa fallisca è sicuramente maggiore di quello del licenziamento del lavoratore dipendente, che continua comunque a beneficiare della cassa integrazione.

Infine bisogna considerare che gran parte delle partite iva, pur riprendendo gli affari, sono loro malgrado costrette a fare i conti con i ritardi dei pagamenti dei clienti, colpiti anch’essi dalla crisi.

Molti professionisti non vedono pagarsi le fatture con puntualità come avviene invece per le buste paga dei dipendenti.

Insomma, la ripresa e la sicurezza di un lavoratore autonomo sono molto più difficoltose di quanto lo studio della UIL sembra farci intendere.

Andrea Curcio

Most Popular

Milano, per la ripresa del traffico aereo si dovrà attendere almeno il 2023

L’ad di Sea ha prospettato alcuni scenari per il ritorno ai volumi pre-Covid, l’ipotesi peggiore sposta la ripartenza al 2025/26. Intanto servono ristori e...

Patenti scadute, restano valide fino ad Aprile 2021

Proroga scadenza patenti fino ad Aprile, fino a luglio per le sole Cqc e Cfp. Sospesi esami guida pratica nelle regioni rosse. Fogli rosa...

Dpcm Natale: restrizioni agli spostamenti ma sì al pranzo al ristorante

In attesa del testo definitivo, le anticipazioni su alcune misure relative al nuovo dpcm che disciplinerà le feste natalizie. Mancano poco più di venti giorni...

A Dairago una filiale più moderna per la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate «Andiamo in controtendenza. Investiamo nei piccoli centri»

Il presidente della Bcc Roberto Scazzosi e il sindaco di Dairago Paola Rolfi alla riapertura degli spazi di via XXV Aprile dopo l’intervento di...

Recent Comments