11.5 C
Milano
giovedì, 3 Dicembre, 2020
Home Economia Recovery Fund: intesa Macron-Merkel per 500 miliardi a fondo perduto

Recovery Fund: intesa Macron-Merkel per 500 miliardi a fondo perduto

Il presidente francese e la cancelliera tedesca hanno proposto l’erogazione di 500 miliardi tramite il Recovery Fund, da destinare agli stati europei più colpiti dal coronavirus.

Dopo alcune settimane di quiete, è tornata alla ribalta la questione degli aiuti europei per sostenere le economie degli Stati Membri. Macron e Merkel, dopo un faccia a faccia virtuale, hanno raggiunto un accordo sul Recovery Fund, proponendo di stanziare 500 miliardi a fondo perduto da distribuire agli stati più colpiti dal coronavirus tramite l’emissione di bond a livello comunitario. Alcune fonti istituzionali parlano di 100 miliardi solo per l’Italia.

Tuttavia rimane lo stesso ostacolo dei mesi scorsi: convincere il fronte nordico composto da diversi stati tra cui Danimarca, Svezia, Olanda e Austria, i quali sono reticenti rispetto alla possibilità di non imporre condizioni rigide per l’erogazione di questo fondo. Tutti i prestiti dovrebbero avere scadenza molto lunga e gli Stati Membri dovranno rimborsarli in proporzione al proprio contributo al bilancio europeo.

Se da una parte i mercati hanno risposto positivamente, con lo spread che è calato di diversi punti, sul versante politico è sorto qualche interrogativo. Conte ha accolto positivamente la proposta franco-tedesca, definendola “un primo passo importante nella direzione auspicata dall’Italia”. Ciononostante il premier ha sottolineato che 500 miliardi sono troppo pochi e che dunque è necessario ampliare il Recovery Fund.

C’è chi invece ha affermato che un’iniziativa bilaterale di questo genere sia un affronto all’Unione: tra questi Carlo Calenda, il quale ritiene inadeguata non solo la quantità di risorse ipotizzate, ma anche le modalità di funzionamento del fondo. Nella documento approvato da Macron e Merkel infatti viene sottolineato che sì, saranno risorse a fondo perduto quelle dispensate dal Recovery Fund, ma allo stesso tempo verrà chiesto agli stati beneficiari di impegnarsi ad applicare politiche economiche sane e un programma di riforme ambiziose.

Secondo quanto previsto dalla bozza condivisa, sarà la Commissione Europea il soggetto autorizzato a prendere a prestito sui mercati in nome dell’Ue, con un piano di rimborso per i singoli stati che va aldilà del periodo 2021-2027. Tutto ciò mentre la presidente della BCE, Christine Lagarde, la quale ha accolto positivamente l’iniziativa franco-tedesca, ha affermato la necessità di rivedere il patto di stabilità prima che entri in vigore.

Simone Fausti

Most Popular

Milano, per la ripresa del traffico aereo si dovrà attendere almeno il 2023

L’ad di Sea ha prospettato alcuni scenari per il ritorno ai volumi pre-Covid, l’ipotesi peggiore sposta la ripartenza al 2025/26. Intanto servono ristori e...

Patenti scadute, restano valide fino ad Aprile 2021

Proroga scadenza patenti fino ad Aprile, fino a luglio per le sole Cqc e Cfp. Sospesi esami guida pratica nelle regioni rosse. Fogli rosa...

Dpcm Natale: restrizioni agli spostamenti ma sì al pranzo al ristorante

In attesa del testo definitivo, le anticipazioni su alcune misure relative al nuovo dpcm che disciplinerà le feste natalizie. Mancano poco più di venti giorni...

A Dairago una filiale più moderna per la Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate «Andiamo in controtendenza. Investiamo nei piccoli centri»

Il presidente della Bcc Roberto Scazzosi e il sindaco di Dairago Paola Rolfi alla riapertura degli spazi di via XXV Aprile dopo l’intervento di...

Recent Comments