Free Porn
xbporn

1xbet
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
1xbet-1xir.com
betforward
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
betforward.com.co
yasbetir1.xyz
winbet-bet.com
1kickbet1.com
1xbet-ir1.xyz
hattrickbet1.com
4shart.com
manotobet.net
hazaratir.com
takbetir2.xyz
1betcart.com
betforwardperir.xyz
betforward-shart.com
betforward.com.co
betforward.help
betfa.cam
2betboro.com
1xbete.org
1xbett.bet
romabet.cam
megapari.cam
mahbet.cam
1xbetgiris.cam
betwiner.org
betwiner.org
1xbetgiris.cam
1xbet
1xbet
alvinbet.site
alvinbet.bet
alvinbet.help
alvinbet.site
alvinbet.bet
alvinbet.help
1xbet giris
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
1xbetgiris.cam
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
pinbahis.com.co
betwinner
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
betwiner.org
1xbet
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
1xbete.org
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
betforward
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
yasbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
1xbet
یاس بت
وین بت
وان کیک بت
هتریک بت
manotobet
حضرات بت
takbet
بتکارت
آلوین بت
ریتزو بت
alvinbet
بت فا
betboro
romabet
megapari
mahbet
سایت بت فوروارد
اونجا بت
betboro.us
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
1betcart.com
betcart
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی
بهترین سایت شرط بندی ایرانی

lunedì, Luglio 22, 2024
More
    Home Economia Recovery fund: come spenderemo i 100 miliardi?

    Recovery fund: come spenderemo i 100 miliardi?

    Il rilancio, finanziato dal Recovery Fund, passerà per infrastrutture ed efficientamento energetico. In cantiere un decreto che semplifica la burocrazia in tema di appalti pubblici.

    Ad un giorno dall’annuncio della proposta firmata Merkel e Macron sul Recovery Fund, che porterebbe all’Italia una cifra intorno ai 100miliardi di euro, il Governo deve stabilire in tempi brevi come spendere le risorse per rilanciare il Paese.

    Il piano di recupero ipotizzato da Germania e Francia, che prevede lo stanziamento di 500miliardi di euro a fondo perduto da destinare agli Stati membri dell’Unione maggiormente colpiti dalla crisi dovuta all’emergenza sanitaria, soddisfa in parte le richieste iniziali dei Paesi del Sud, in cui rientrano Francia e Italia – secondo i quali servirebbero 1000 miliardi – ma tutto sommato viene accolto come “un primo passo importante”, stando alle affermazioni del premier Conte e del ministro per gli Affari Europei Vincenzo Amendola.

    Proprio quest’ultimo, in un’intervista rilasciata a La Stampa, ha dichiarato che l’obiettivo è arrivare ad un accordo già a giugno che contempli la possibilità di un anticipo dei fondi – un frontload – prima dell’estate “a fronte di un piano chiaro sul loro utilizzo”. In linea con il documento franco- tedesco all’interno del quale si fa cenno al vincolo di un “chiaro impegno degli Stati membri ad applicare politiche economiche sane e un’ambiziosa agenda di riforme”.

    Perciò bisogna essere pronti, con un progetto chiaro su come e dove investire la quota che spetterà al nostro Paese, definendo i settori prioritari per scongiurare il rischio di ritardi e sprechi delle risorse. Non c’è che l’imbarazzo della scelta, sanità, ricerca, scuola, infrastrutture e dissesto idrogeologico si contendono un posto nella lista delle priorità. A voler seguire alla lettera il comunicato congiunto di Merkel e Macron il fondo sarà destinato ad aumentare “gli investimenti in particolare nelle transizioni ecologiche e digitali, nella ricerca e nell’innovazione”, fatto salvo la precisazione del Presidente francese per cui le risorse saranno stanziate “a favore di quei settori che non sono solo tecnologici, per aiutare a combattere la disoccupazione e a proteggere le aree più vulnerabili”.

    Sarebbe nell’ambito del più ampio Green New Deal che si sta focalizzando il lavoro del Governo, come del resto già stabilito dalle linee guida fissate dal ministro Gualtieri prima dell’esplosione dell’emergenza sanitaria. Per il rilancio la scommessa si giocherà in modo particolare su infrastrutture ed efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e prevenzione del rischio sismico, peraltro interventi già inseriti nella legge di bilancio in tempi non sospetti e che ora potrebbero costituire la chiave di volta per il rilancio del Paese.

    Se una traccia da seguire è già delineata, rimane il dubbio dell’effettiva capacità di progettazione e spesa da parte delle Regioni che già in altre circostanze, in tema di fondi strutturali europei, hanno mostrato dei limiti in tal senso. Non aiuta l’accantonamento dell’ipotesi di una cabina di regia di tecnici sostenuta dall’ex ministro Tria mirata a realizzare progetti in tempi rapidi e nemmeno la mole di cavilli burocratici in cui si inceppano costantemente le opere pubbliche. E proprio su quest’ultimo punto è atteso già nei prossimi giorni un decreto che dovrebbe mirare alla semplificazione delle procedure che regolano gli appalti pubblici.

    Micol Mulè

    Most Popular

    Laurea e mercato del lavoro: vantaggi e disparità di genere in Italia

    L'istruzione terziaria, o formazione di livello superiore, include tutti i livelli di istruzione post-secondaria, come i corsi di laurea universitaria e i master. Questo...

    Accordo a Torino tra Camera di Commercio e Città Metropolitana: nuove frontiere per l’economia sociale

    Torino si posiziona come un centro di riferimento nell'ambito dell'economia sociale, caratterizzato da una vasta rete di entità iscritte al Registro Unico Nazionale del...

    Prevenzione e gestione rifiuti: da Regione Lombardia 10 milioni di euro ai Comuni

    Attraverso il bando Ri.circo.lo potranno essere finanziati hub di raccolta rifiuti, centri di riutilizzo e progetti di prevenzione. Si chiama Ri.circo.lo ed è dedicato alla...

    Investimento di 15 Milioni di euro per il restauro della Basilica di Superga

    La Basilica di Superga, situata sulla collina a nord-est di Torino, è al centro di un ambizioso progetto di valorizzazione e restauro. Questa iniziativa...

    Recent Comments