sabato, Aprile 20, 2024
More
    Home Prima pagina Povertà in crescita in Europa, l’Italia raddoppia la media

    Povertà in crescita in Europa, l’Italia raddoppia la media

    Povertà in crescita in Europa, l’Italia raddoppia la media
    Una recente indagine condotta da Eurostat ha rivelato una preoccupante crescita della povertà in Europa, con l’Italia che registra un tasso quasi doppio rispetto alla media generale. Secondo il rapporto, nel 2022 circa il 15% della popolazione italiana non è stata in grado di permettersi un pasto completo ogni due giorni, una percentuale significativamente più alta rispetto all’8,3% registrato in media nell’Unione Europea.
    Dai dati di Eurostat emerge una tendenza preoccupante (e apparentemente contraddittoria guardando ai progressi e all’innovazione degli ultimi anni) rispetto al grado di povertà media della popolazione. Le statistiche riportate si riferiscono ovviamente alla “media”, il che accentua notevolmente il divario tra i reali benestanti (sempre meno) e le difficoltà in cui versano molte famiglie. Dai dati emerge infatti che l’8,3% della popolazione Ue non può permettersi un pasto contenente carne, pesce o un equivalente vegetariano ogni due giorni (si tratta di un punto percentuale in più rispetto al 2021), e la situazione è ancora più grave in Italia dove lo stesso parametro raggiunge il 15% dei cittadini.
    La definizione di “pasto completo” adottata da Eurostat includeva la disponibilità di carne, pesce o un equivalente vegetariano pari al fabbisogno normale di un individuo. L’indagine ha anche esaminato il tasso di persone a rischio di povertà, che è aumentato del 2,2% nel 2022 raggiungendo il 19,7% a livello europeo, un aumento sostanzialerispetto al 17,5% del 2021.
    I Paesi con le percentuali più elevate di persone a rischio di povertà e che non possono permettersi un pasto adeguato includono la Bulgaria (44,6%), la Romania (43%) e la Slovacchia (40,5%). Al contrario, l’Irlanda (5%), il Lussemburgo (5,1%) e Cipro (5,6%) hanno registrato le quote più basse e quindi la popolazione (almeno a livello di stime) più benestante.
    L’Italia, come detto, registra una percentuale pari acirca il doppio delle media europea, sfiorando il 15%, in mezzo tra Malta e la Spagna e al 13esimo posto della classifica. La percentuale di povertà si concentra naturalmente soprattutto sulla fetta di popolazione che versa nelle condizioni più ingenti, che se non riesce a garantirsi un “pasto completo” ogni due giorni di conseguenza non avrà neanche disponibilità per affrontare altri tipi di spesa ugualmente necessari.
    Oltre al parametro del pasto giornaliero, infatti, nello studio è stato considerato un ampio insieme di fattori per calcolare il tasso di “grave deprivazione materiale e sociale”, tra cui la capacità di affrontare spese impreviste, di pagare una settimana di vacanze all’anno, di gestire i debiti accumulati (come i pagamenti del mutuo o dell’affitto, le bollette, i pagamenti a rate o altri prestiti) e di mantenere adeguatamente la propria casa.
    Pietro Broccanello

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments