Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
giovedì, Giugno 20, 2024
More
    Home Prima pagina Smart working in Italia, possibilità di usufruirne quasi ai livelli pre-covid

    Smart working in Italia, possibilità di usufruirne quasi ai livelli pre-covid

    In Italia la possibilità estesa a diverse categorie di lavoratori di svolgere le loro mansioni da remoto sembra essere un lontano ricordo.

    Secondo Eurostat, il nostro paese sarebbe tra i peggiori in Europa per numero di lavoratori che hanno la possibilità di lavorare almeno per metà del loro monte ore da remoto. Questo è un comfort di cui solamente il 4,4% dei lavoratori e delle lavoratrici ha usufruito nel 2023, a fronte di una media Ue che si attesta al 9%.

    In generale in Italia la fiducia riposta nel lavoro da casa è sempre stata nettamente inferiore rispetto ad altri paesi, dove il primato è detenuto dalla Finlandia con il 22,4% dei lavoratori che, per più della metà della settimana, possono svolgere le loro mansioni da casa.

    Ormai i livelli hanno raggiunto quelli pre-pandemia, soprattutto a causa della modifica alla normativa. Oggi lo smart working, perse le molteplici semplificazioni previste per alcune categorie di soggetti, continua ad essere regolato dalla legge 81/2017 e, dall’essere un diritto per il lavoratore, è diventato una mera modalità di esecuzione del proprio lavoro, da concordare individualmente con il datore di lavoro.

    Eppure lo smart working ha delle ricadute positive non solo sul benessere psicofisico del lavoratore, ma anche sull’ambiente.

    Innanzitutto, migliora l’equilibrio tra vita professionale e vita privata del dipendente, che a sua volta spenderà meno risorse in termini di tempo e denaro per effettuare gli spostamenti casa-ufficio. Dall’altro lato però i lavoratori che usufruirebbero dello smart working, vedrebbero aumentare la spesa per le bollette, sia per il consumo di corrente elettrica che di gas.

    Per le aziende invece conviene perché per ogni dipendente potrebbe risparmiare 2,5 mila euro all’anno per la riduzione degli spazi aziendali.

    Inoltre, se ogni dipendente lavorasse da casa almeno due giorni a settimana, si stima che vi sarebbe una diminuzione di 480 kg di CO2 all’anno e, secondo Enea, anche una riduzione dei livelli di ossidi di azoto, monossido di carbonio, PM10 e PM2,5.

     

     

    Emma Delfrate

    Most Popular

    IA, il futuro per il settore auto

    I sistemi di intelligenza artificiale, si sa, stanno acquisendo un ruolo sempre più centrale in diversi settori economici. Tra questi quello dell’automotive è in...

    Fondazione Comunitaria Nord Milano: 360mila euro assegnati a 44 progetti del territorio

    75 i progetti pervenuti nell’ambito dei tre bandi promossi dalla Fondazione. Al centro delle iniziative proposte la persona con le sue fragilità, cultura ed...

    UE, Massimiliano Salini (Forza Italia) eletto vicepresidente del Gruppo PPE

    L’eurodeputato è tra i dieci vicepresidenti eletti stamane nell’ambito del rinnovo delle cariche del Gruppo PPE che ha riconfermato alla guida Manfred Weber, eletto...

    Prima Edizione del premio “Marco Casavecchia”: un riconoscimento per giovani talenti nel ricordo di un maestro del diritto

    Il 18 giugno, a Torino, si è tenuta la cerimonia di assegnazione del primo premio dedicato alla memoria dell'avvocato Marco Casavecchia, scomparso nell'ottobre del...

    Recent Comments