sabato, Aprile 20, 2024
More
    Home Prima pagina Mosca, il Pentagono: difenderemo ogni centimetro della Nato

    Mosca, il Pentagono: difenderemo ogni centimetro della Nato

    Mosca, il Pentagono: difenderemo ogni centimetro della Nato
    Per certi versi, sembra che sia tornata la Guerra Fredda. Per quarant’anni, dal 1949 al 1989, Occidente e Unione Sovietica hanno convissuto evitando che le continue tensioni degenerassero in una guerra aperta. Eppure, la paura di un’escalation rimase sempre viva e ora quel timore è tornato. Mosca è impegnata in una guerra su grande scala in Ucraina, ma Vladimir Putin non smette di minacciare la Nato, facendo riferimenti anche all’eventuale uso dell’arma nucleare. Oltre alle parole, però, ci sono i fatti. Qualche giorno fa, un missile russo diretto in Ucraina ha violato brevemente lo spazio aereo polacco, facendo infuriare Varsavia. Ora Washington ha fatto sapere che è pronta a difendere i territori dell’Alleanza.
    “Difenderemo ogni centimetro della Nato” ha dichiarato in settimana la vice portavoce del Pentagono, Sabrina Singh, spiegando che “se un alleato della Nato dovesse essere attaccato, certamente non vorremmo che ciò accadesse, ma difenderemo ogni centimetro della Nato”. Un commento arrivato dopo che il viceministro degli Esteri polacco, Andrzej Szejna, ha dichiarato che Varsavia sta valutando l’ipotesi di abbattere i missili che volano verso il territorio della Nato.
    Nel frattempo, Mosca sta cercando di sfruttare il devastante attacco al teatro Crocus City Hall di venerdì scorso. Alexander Bortnikov, capo dei servizi di sicurezza russi, ha ammesso che l’attentato è stato condotto da islamici radicali. L’operazione, tuttavia, è stata “facilitata dai servizi segreti occidentali”, ha spiegato l’alto funzionario russo, aggiungendo che probabilmente sono coinvolti “gli stessi servizi segreti ucraini”, secondo quanto riportano i media russi. Il ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani, ha invitato a “rinviare i viaggi a Mosca e soprattutto, se si è a Mosca, evitare luoghi dove c’è grande presenza di pubblico. Lo diciamo dall’8 marzo”, ha spiegato il capo della Farnesina intervenendo al Tg2 Italia-Europa.

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments