domenica, Maggio 19, 2024
More
    Home Prima pagina Intelligenza artificiale, tra le imprese del terziario cresce la fiducia

    Intelligenza artificiale, tra le imprese del terziario cresce la fiducia

    Intelligenza artificiale, tra le imprese del terziario cresce la fiducia
    Dall’indagine dell’Ufficio Studi di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza emerge una posizione ottimista da parte delle imprese, che guardano all’adozione di soluzioni di IA per il proprio business. Già il 28% ne fa uso. Ma servono più informazione e competenze. Marco Barbieri, segretario generale Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza: “Intelligenza artificiale leva per il vantaggio competitivo. Supporto agli imprenditori per il know how necessario”.
    L’intelligenza artificiale comincia gradualmente a prendere piede anche tra le imprese del terziario, conquistando la fiducia degli imprenditori che intravvedono in questo strumento la possibilità di accrescere il proprio business. È quanto emerge dall’indagine condotta dall’Ufficio Studi di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza su un campione di 505 imprese del terziario, per il 94% fino a 50 addetti, il 4% fino a 249, il 2% con più di 250 addetti, in prevalenza nei servizi alle imprese (22%) e nel commercio al dettaglio non alimentare (22%).
    Dai dati analizzati emerge un quadro di interesse generale da parte del settore, dove a prevalere è l’ottimismo verso l’espansione dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale con il 54% delle risposte a conferma di questa tendenza. Oltre l’80% degli intervistati considera infatti che l’IA sia una forma di progresso inevitabile per lo sviluppo del business, ritenendola un supporto ai compiti più ripetitivi (79%), oltre a consentire un maggior risparmio di tempo e una maggiore efficienza (78%). Per il 63% delle imprese, inoltre, affidarsi all’intelligenza artificiale favorirà anche un’ottimizzazione dei propri investimenti.
    Sfiorano il 30% le aziende che hanno confermato di ricorrere già agli strumenti di IA per il proprio business, in particolare le attività di servizi alle imprese (58%). E il 54% del totale delle imprese (20% molto, 34% moderatamente) ritiene importante che l’IA possa essere utile nello svolgimento dell’attività imprenditoriale. Per questa ragione il 48% degli intervistati non esclude la possibilità di farne ricorso in futuro prevedendo di destinare una quota dei prossimi investimenti a questa tipologia di strumento. Il 55% delle imprese intervistate va in questa direzione, in particolare entro il 10% del fatturato per il 29%, dal 10 al 30% per il 17%.
    Tra coloro che già fanno ricorso a strumenti di intelligenza artificiale emergono differenti ambiti di utilizzo. La maggior parte, 45%, usa l’IA per generare contenuti sul web, il 18% per analisi previsionali, il 16% per la pubblicità online, mentre il 15% utilizza Chatbot (software che simulano una conversazione con un essere umano) ed il 6% usa l’intelligenza artificiale per campagne di e-mail marketing. Tra i vantaggi evidenziati dagli intervistati, indirizzati ad implementare soluzioni di IA, l’efficienza e velocità (45%), il risparmio di tempo e denaro (35%), ma anche il miglioramento della qualità del lavoro (20%).
    Rimane però una fetta importante di aziende, il 52% che ancora non è convinta di fare ricorso all’IA nel prossimo futuro e, di conseguenza, per il momento non contempla lo stanziamento di risorse finalizzate ad investire nel settore (45%). Una causa potrebbe essere la mancanza di informazioni adeguate in tema di IA a disposizione delle imprese, la maggioranza di quelle intervistate (52%), infatti, si ritiene poco informata sull’argomento (per nulla solo l’8%). Quasi il 40% invece ritiene di avere informazioni sufficienti ad orientare le proprie scelte e il 9% risulta molto informato. Ma la mancanza di informazioni sufficienti non è l’unico ostacolo all’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale per le imprese. Oltre la metà degli intervistati è frenato soprattutto dalla mancanza di competenze, seguono poi i dubbi sull’affidabilità dello strumento che riguardano il 30% delle imprese. Le preoccupazioni etiche vengono indicate dal 27% delle imprese, insieme alla mancanza di tempo per implementare le soluzioni di IA e ai costi, rispettivamente dal 21 e 19%. Non manca uno sguardo all’impatto dell’intelligenza artificiale sui posti di lavoro e sulla privacy, entrambi ritenuti a rischio per oltre il 61% degli intervistati.
    Eppure, se ben utilizzata e sviluppata all’interno di un quadro normativo chiaro che possa garantire limiti etici, tutela occupazionale e privacy, l’intelligenza artificiale si trasformerebbe in una grande opportunità di sviluppo per le imprese: “L’intelligenza artificiale è un progresso inevitabile – dichiara Marco Barbieri, segretario generale Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza -. Sfruttare l’IA per creare tool e strategie che si integrino con processi aziendali già esistenti, può diventare una leva decisiva per il successo di un’azienda e un vantaggio competitivo sui mercati internazionali. Per questo motivo è fondamentale fornire agli imprenditori le competenze e il know how necessari per poter cogliere e sfruttare efficacemente questo strumento che rivoluzionerà il futuro”.
    Micol Mulè

    Most Popular

    Ferrari, un 2024 da record: consegne stabili, crescono gli utili

    Nel primo trimestre del 2024, Ferrari ha ottenuto risultati finanziari notevoli, segnando un incremento significativo sia nei profitti che nei ricavi. Il noto produttore...

    Space Festival 2024 a Torino: Un Incontro tra Scienza e Fantascienza

    A Torino è partita la terza edizione dello Space Festival, un evento unico nel suo genere che celebra l'esplorazione spaziale e il mistero cosmico....

    Ue, Pil italiano in crescita maggiore rispetto alle aspettative

    La Commissione europea ha rivisto in positivo le stime sulla crescita economica italiana, prevedendo un +0,9% del Pil rispetto al +0,7 precedentemente stimato. Pesa...

    Italia, l’economia cresce ma la povertà si attesta a “valori mai toccati in 10 anni”

    Secondo il Rapporto Annuale dell’Istat, dopo il crollo dovuto al Covid-19 nel 2020, la nostra economia ha continuato a crescere a un ritmo di...

    Recent Comments