sabato, Maggio 25, 2024
More
    Home Politica Ripristino natura, Salini (Fi-Ppe): “Da Timmermans sermone grottesco che tradisce ansia da...

    Ripristino natura, Salini (Fi-Ppe): “Da Timmermans sermone grottesco che tradisce ansia da prestazione”

    “Pronunciato dal vate dell’ideologia green più radicale Ue, l’invito fatto da Timmermans a margine del Consiglio Ue Ambiente, a non perdersi in dispute ideologiche sul clima, suona come un sermone grottesco, che tradisce l’ansia da prestazione della Commissione”. A dirlo è l’eurodeputato di Forza Italia-PPE Massimiliano Salini, membro della Commissione Ambiente.

    “Il vero dato preoccupante è quanto accaduto giovedì scorso in Commissione Ambiente (Envi) all’Europarlamento, dove abbiamo assistito allo psicodramma della “minoranza Timmermans” sulla “Nature Restoration Law” – prosegue -. Quando infatti si è trattato di decidere se prolungare o rimandare la sessione di voto, i più ideologizzati hanno chiesto il rinvio in piena crisi di panico, da Green a S&D, senza dimenticare Renew, il cui coordinatore in Envi è stato tra i primi a domandare il differimento, allineandosi a socialisti e verdi per non vedere affossato il testo: se la sostanziale parità 44 a 44 in molti dei voti principali si fosse ripetuta anche nel voto finale, il compromesso sarebbe caduto”.

    E sottolinea: “Bene ha fatto il governo italiano ad esprimersi contro il testo. Come Ppe, al Parlamento Ue avversiamo duramente la proposta nel merito a causa delle gravi carenze strutturali sul piano dell’impatto socio-economico, a fronte di benefici irrisori sul clima: metterebbe a rischio la produzione di cibo in Europa, colpendo le importazioni e facendo aumentare i prezzi, per giunta senza ricadute positive rilevanti sull’ambiente”.

    “Lo scandalo è l’atteggiamento irresponsabile della Commissione – denuncia Salini -: da un lato la pochezza delle argomentazioni a sostegno della normativa, che non viene riscritta nonostante sia totalmente sballata, dall’altro il comportamento scorretto verso l’Europarlamento, secondo quanto dichiarato nei giorni scorsi dai nostri colleghi tedeschi e olandesi del PPE, per i quali l’esecutivo europeo avrebbe fatto pressioni sui deputati affinché votassero a favore del testo”.

    “La paralisi nell’iter del provvedimento è provocata dall’ostinazione insensata con cui la Commissione Ue presenta proposte basate su assunzioni ideologiche scollate dalla realtà e prive di adeguate valutazioni di impatto – conclude l’eurodeputato -. Simili carenze documentali rallentano il processo legislativo e inficiano anche altri importanti dossier verdi, rischiando di screditare l’intero Green deal: errori di cui il vicepresidente Frans Timmermans è il primo responsabile politico”.

    Most Popular

    Italia: Record Storico delle Energie Rinnovabili ad Aprile 2024

    Ad aprile, l'Italia ha raggiunto un traguardo storico nel campo delle energie rinnovabili, coprendo il 51,2% del fabbisogno elettrico nazionale, rispetto al 36% dello...

    IA Act, Ue pioniera nella regolamentazione del settore

    Il 21 maggio il Consiglio Ue approva all’unanimità la prima legge europea che regola l’intelligenza artificiale. Quella dell’Unione Europea è la prima legislazione al...

    Conferme per le Bandiere Blu nelle Località Lacustri del Piemonte nel 2024

    Nonostante la sua posizione senza sbocchi sul mare, il Piemonte si distingue per la qualità delle sue località lacustri. La Bandiera Blu è un...

    I cinesi della Dongfeng in Italia: trattative per un nuovo impianto produttivo di 100.000 auto all’anno

    Il settore automobilistico italiano potrebbe presto accogliere un nuovo giocatore significativo proveniente dalla Cina, il Dongfeng Motor Group, che sta discutendo con il governo...

    Recent Comments