venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Prima pagina Spagna, virata a destra: elezioni anticipate

    Spagna, virata a destra: elezioni anticipate

    Spagna, virata a destra: elezioni anticipate
    Il primo ministro socialista Pedro Sanchez si è dimesso, elezioni anticipate
    Il 23 luglio la Spagna andrà al voto. La decisione del premier socialista Pedro Sanchez è seguita alla sconfitta della sinistra contro i conservatori nel turno elettorale locale del weekend del 27-28 maggio. E di conseguenza è arrivata la «decisione di sciogliere il Parlamento e di procedere alla convocazione delle elezioni generali» che si terranno «domenica 23 luglio». «Sarò breve e cercherò anche di essere molto chiaro», ha annunciato il premier alla nazione. «Ho appena avuto una riunione con sua maestà il re, nel corso del quale ho comunicato al capo dello Stato la decisione di convocare un Consiglio dei ministri oggi pomeriggio per sciogliere le Corti e convocare elezioni generali. Ho preso questa decisione alla luce dei risultati delle elezioni di ieri», ha spiegato. Il vantaggio del Partito Popolare e del movimento di estrema destra Vox sui Socialisti è stato determinante, «anche se il voto di ieri era regionale e locale». Il significato, infatti, per Sanchez va ben oltre, essendo chiaro segno nei confronti del Governo spagnolo.
    Le elezioni legislative, peraltro, coincideranno con l’inizio della Presidenza semestrale europea della Spagna, e saranno ancor più determinanti nel «suggerire un chiarimento» sulla volontà degli spagnoli rispetto alle «politiche che deve applicare il governo» e «sulle forze politiche che devono guidare questa fase».
    Duro il commento nei confronti dell’esito elettorale, con il Premier (e leader del Partito Socialista) che ha difeso a spada tratta l’operato dei «magnifici presidenti regionali e sindaci socialisti che si vedranno messi da parte con una gestione impeccabile».
    La Spagna a destra
    Il risultato del turno regionale e comunale ha visto imporsi il Partito Popolare ed il movimento Vox in almeno 3 delle 12 comunità autonome. Il Pp, così facendo, ha ottenuto i numeri per spodestare dal governo il centrosinistra, in caso di accordo con gli ultraconservatori di Vox. Un risultato pesante, se pensiamo all’importanza delle regioni ove il ribaltone si è verificato: nella Comunità Valenciana, in Aragona e nelle Baleari, tutti territori, infatti, attualmente a guida socialista.
    La strada per una svolta a destra anche in Parlamento è spianata.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments