domenica, Aprile 21, 2024
More
    Home Prima pagina FIORELA MISHKA, QUANDO LA PAROLA D’ORDINE È “NON MOLLARE MAI”

    FIORELA MISHKA, QUANDO LA PAROLA D’ORDINE È “NON MOLLARE MAI”

    FIORELA MISHKA, QUANDO LA PAROLA DORDINE È “NON MOLLARE MAI
    Ci sono passioni innate, che anche col passare del tempo non svaniscono mai. E allora solo perseverando, combattendo ogni giorno, e non mollando mai, ecco che anche obiettivi che tempo prima apparivano lontani, si avvicinano sempre di più. Fino a realizzarsi. Oggi raccontiamo una storia di successo, quella di Fiorela Mishka, bresciana di origine albanese, giovane osteopata, che a soli 29 anni vanta un curriculum degno di nota, ed una passione ed una grinta che possono solamente far ben sperare per il futuro.
    Fiorela, raccontaci un podi te.
    Mi chiamo Fiorela Mishka, ho 29 anni e vivo a Chiari (BS) da sempre. Oggi faccio losteopata ma provengo da una formazione diversa. Ho infatti concluso gli studi con il diploma artistico e dopo la maturità dipingevo quadri ad olio su commissione. Sembra un settore che nulla ha a che fare con la mia attuale occupazione, ma lanatomia lho studiata molto bene al liceo. Ci vuole sensibilità dartista per fare questo lavoro ed è davvero difficile sfondare. Da noi, poi, larte non è molto spinta a meno che non si faccia parte di un’élite. Così mi stavo lasciando andare, ma poi ho riscoperto il mondo della sanità. Da lì ho iniziato il percorso di massoterapista, che mi ha portato a seguire molte squadre di calcio, dal Brescia Calcio femminile alla nazionale dellAlbania. Seguivo gli atleti dalla A alla Z.
    Caspita, un passaggio non indifferente. In cosa consisteva la tua mansione?
    Sostanzialmente mi presentavo agli allenamenti e seguivo i calciatori nel pre-partita e nei weekend di gara. È un mondo complicato perché è prettamente maschile, e molto spesso ho dovuto ignorare tanti pregiudizi e sopportare certe frasi di troppo. Penso anche che quando un professionista dimostra di essere tale riesce a sorvolare anche su questo. Dopo questa esperienza, inoltre ho lavorato per un anno in una clinica dentistica che trattava problematiche intraboccali o a livello atm, specialmente post-operatorie.
    Hai sottolineato che soprattutto la professione legata al mondo del calcio è prettamente maschile. Quanto è stato difficile importi in quel settore?
    È stato molto difficile. Bisogna essere forti e credere in quello che si fa, solo così si affronta la difficoltà. La mia costanza e la mia perseveranza mi hanno portato a superare ogni pregiudizio. Pregiudizio dettato dallignoranza e dalla non conoscenza della professionalità di chi hai di fronte. E si risponde nel modo migliore ai pregiudizi con i fatti.
    Poi hai fatto un altro passaggio ulteriore, giusto?
    Sì, mi hanno presentata alla manager del relais franciacortino dellAlbereta, ed ho iniziato ad occuparmi del settore wellness partendo dalla medicina cinese. AllAlbereta ho avuto la possibilità di conoscere il dott. Roberto DellAvanzato, che mi ha fatto scoprire il mondo dellosteopatia, un mondo che è divenuto parte integrante di me stessa. Il dott. Roberto DellAvanzato ha fondato una Wellness clinic in Brianza con un unequipe fatta di medici che lavorano prevalentemente su medicina estetica, complicanze filler, problematiche della pelle post-parto e molte altre problematiche. Oggi oltre ad occuparmi di questo settore tratto anche alcune patologie del bambino e dellanziano, specialmente problematiche post-traumatiche.
    Insomma, un bel salto di qualità.
    Sì, un grande salto di qualità e anche un importante salto per la mia formazione professionale, perché ogni giorno ho a che fare con dei medici, che sono comunque persone che ne sanno più di me. Questo mi permette di imparare ogni giorno qualcosa di nuovo e talvolta anche di mettermi in discussione.
    Oggi di cosa ti occupi nello specifico?
    Oggi nello specifico tratto le patologie di prevenzione e post-trauma, dal neonato allanziano, seguo le problematiche posturali, date da un infortunio o da una caduta e li accompagno nel percorso di superamento attraverso esercizi osteopatici. Oltre a questo mi occupo del settore di medicina estetica e rigenerativa presso la Zucchi Wellness Clinic degli Istituti Clinici Zucchi di Monza.
    Quali sono i progetti per il futuro?
    Quando ho iniziato ad andare in sala operatoria affiancando il chirurgo della mano mi sono appassionata molto del settore degli interventi chirurgici, quindi vorrei iniziare il percorso di ortopedia e chirurgia. Non è un percorso semplice né un percorso corto, ma ci voglio quantomeno provare, poi si vedrà. Diciamo che lo stare immersi fra i medici genera quelladrenalina che ti spinge ad andare sempre oltre.
    Grazie.
    Andrea Valsecchi

    Most Popular

    E se il vino sparisse? l’Italia perderebbe 1,1% del PIL

    Durante la 56esima edizione di Vinitaly, tenutasi a Verona, è stata presentata una ricerca che evidenzia l'importanza economica del settore vinicolo in Italia. L'analisi,...

    Ue, si valuta altro taglio dei tassi

    Christine Lagarde annuncia un probabile nuovo taglio dei tassi “se non ci sono shock”. "Stiamo osservando un processo disinflazionistico. Se si muove in linea con...

    Nutella: 60 Anni di Dolce Successo Globale

    Nel 1964, il panorama delle creme spalmabili fu trasformato radicalmente dall'introduzione di Nutella, opera di Michele Ferrero. Originaria di Alba, questa crema ha combinato...

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Recent Comments