11.5 C
Milano
venerdì, Dicembre 9, 2022
Home Prima pagina Ucraina, referendum farsa: il 30 settembre possibile annuncio di Putin sull’annessione dei...

Ucraina, referendum farsa: il 30 settembre possibile annuncio di Putin sull’annessione dei territori occupati

Ucraina, referendum farsa: il 30 settembre possibile annuncio di Putin sull’annessione dei territori occupati
Ieri era l’ultimo giorno dei referendum farsa tenutisi nei territori ucraini occupati dai russi e, secondo quanto dichiara il ministero della Difesa britannico, il 30 settembre Putin potrebbe annunciare l’adesione di tali zone alla Federazione Russa. Venerdì, infatti, il leader del Cremlino parlerà all’Assemblea federale e questa potrebbe essere l’occasione giusta per dichiarare ufficialmente l’annessione dei territori in mano ai russi.
Inoltre Mosca, con un tempismo perfetto, ha fatto sapere che la porta dei negoziati è aperta. Il portavoce del presidente, Dmitry Peskov, ha riferito che la Russia “resta pronta a negoziare” con Kiev ma mentre la situazione cambia, cambiano anche le condizioni”. Un implicito riferimento al fatto che le quattro regioni ucraine che verranno annesse saranno fuori dal tavolo delle trattative. L’Alto rappresentante Ue per la politica estera, Joseph Borrell, ha dichiarato che l’Unione Europea considera illegali tali consultazioni e che “ci saranno conseguenze per tutte le persone che hanno preso parte all’organizzazione di questi referendum illegali e che li hanno sostenuti”,
La posizione del Cremlino è quella di un vantaggio apparente: con i referendum Putin vuole segnare un punto di non ritorno nella guerra ma la verità è i russi hanno abbandonato migliaia di chilometri quadrati precedentemente occupati. E ora il Cremlino deve fare i conti anche con un fronte interno. Peskov ha sottolineato che non è in grado di dare una cifra di coloro che stanno abbandonando il Paese dopo l’annuncio della mobilitazione parziale. Secondo una fonte interpellata da Novaya Gazeta Europe, il servizio di sicurezza russo (FSB) avrebbe riportato circa 260.000 uomini che sono fuggiti per scampare al reclutamento. Le destinazioni più gettonate, ovviamente, sono i Paesi adiacenti: il ministero degli Esteri della Georgia ha riportato oltre 10.000 arrivi al giorno nel Paese negli ultimi giorni, mentre l’altro ieri la Finlandia ha registrato l’ingresso di oltre settemila russi attraverso il confine via terra.

Most Popular

Maxi accordo tra Intesa e Ludoil Energy per le ristrutturazioni

Maxi accordo tra Intesa e Ludoil Energy per le ristrutturazioni Accordo record quello tra l’istituto di credito e Ludoil Energy, che prevede la cessione da...

Guerra in Ucraina: l’avvertimento di Blinken sui rischi di una pace finta

Guerra in Ucraina: l’avvertimento di Blinken sui rischi di una pace finta Firmare un accordo ha senso se le parti coinvolte si impegnano a rispettarne...

Il calendario 2023 de “La Valle di Ezechiele” va in Parlamento

Il calendario 2023 de “La Valle di Ezechiele” va in Parlamento Il prossimo 13 dicembre la presentazione ufficiale presso la Sala Stampa della Camera dei...

Juventus, prosegue l’indagine con lo spettro della retrocessione

Juventus, prosegue l’indagine con lo spettro della retrocessione Gli scheletri nell’armadio prima o poi si fanno sentire. Quello della Juventus si chiama retrocessione. Poter rivedere...

Recent Comments