venerdì, Marzo 1, 2024
More
    Home Prima pagina La democrazia come processo inclusivo

    La democrazia come processo inclusivo

    La democrazia come processo inclusivo
    Flavio Felice
    Democrazia come processo inclusivo. Speranza, utopia, distopia ai tempi del Covid, è il titolo del seminario che si è svolto a Verona il 26 novembre, nella cornice dellXI edizione del Festival della Dottrina Sociale della Chiesa; il seminario è stato introdotto da un intervento di Rocco Buttiglione, attualmente titolare della cattedra Edith Stein dellUniversità di Granada.
    Inclusione sociale significa, in primo luogo, operare affinché nessuna pretesa rendita possa trovare una qualsiasi soddisfazione. Inclusione sociale significa anche educare alla cultura della condivisione e predisporre un rigoroso sistema istituzionale che impediscal’affermazione (e punisca) i tanti o i pochi percettori di rendite di monopolio, siano esse politiche, economiche, culturali. E, naturalmente, inclusione sociale indica anche una chiara opzione per una partecipazione politica più inclusiva dei cittadini al processo decisionale. Infatti, come sottolinea John Dunn, non bisognatrascurare le conseguenze che provoca il senso d’impotenza nella valutazione della qualità di una democrazia. Quando i cittadini si sentono del tutto impotenti nell’influenzare la cosa pubblica, la loro relazione con la politica assume caratteri patologici, dal momento che smettono di interessarsene ovvero se ne interessano sporadicamente e in maniera impulsiva, con il deliberato intento di manifestare rabbia o paura, dando quindi sfogo ai propri sentimenti. Questa reazione istintiva invece di favorire una partecipazione diretta, favorisce al contrario gli egoismi dei singoli. Proprio per evitare una simile deriva, è necessario che l’inclusione sia tutelata con il ricorso a nome e procedure, talvolta anche di rango costituzionale, che possano enfatizzare l’azione del singolo, soprattutto in quanto membro di una comunità.
    Ma la democrazia non è solo un insieme di regole, non è un meccanismo irreversibile. Se Norberto Bobbio ha potuto affermare «se mi chiedete se la democrazia abbia un avvenire e quale sia, posto che l’abbia, vi rispondo tranquillamente che non lo so» e se lo stesso Dunn ha potuto ammettere che «in politica, democrazia è il nome di ciò che non possiamo avere, e che tuttavia non possiamo smettere di volere», si comprende come il problema democratico assuma un carattere multidimensionale: esso non è riducibile ad una mera, per quanto sofisticata, questione tecnica, fatta esclusivamente di “universali procedurali” certi, risolvibile mediante il ricorso a qualche elegante algoritmo.
    La democrazia è il miglior sistema a difesa della libertà, quello che consente ai partiti, in concorrenza tra loro, di giocare l’uno contro l’altro, evitando le pressioni e le oppressioni tipiche dei sistemi caratterizzati dalla presenza di un unico partito. Da ciò, si evince che il suo grande nemico è l’assenza di mobilità politica, economica e sociale il che, con particolare riferimento al pensiero di Luigi Sturzo, si traduce in una proposta teorica decisamente contraria al tradizionale organicismo e che accosta la nozione di “società organica” del sacerdote siciliano a quella di “società aperta”. La cifra politica di quest’ultima è infatti la possibilità che sia garantita una revisione istituzionale capace di condurre il Paese a un grado sempre più alto didemocrazia costantemente articolata e capillare.
    Naturalmente, la democrazia competitiva può assumere i caratteri del conflitto sociale e dell’instabilità, dal momento che le sue posizioni apicali sono scalabili, tant’è vero che la contendibilità del potere mediante un processo regolato è una sua caratteristica imprescindibile. Ma proprio tale meccanismo consente un’intensa partecipazione plurarchica, oltre che poliarchica. Tale idea di partecipazione-inclusione è ben presente nelle riflessioni di Alexis de Tocqueville e di Sturzo e aiuta ad affrontare in maniera critica il tema della dicotomia formale-sostanziale tipica della riflessione sulla democrazia, poiché enfatizza e tutela, senza eccessi distorcenti, i valori di partecipazione, di libertà e di eguaglianza. In tal senso, infatti, includere, da un lato, significa incorporare la nozione quantitativa di “grado d’inclusione” delineata da Robert Dahl, dall’altro, tenta di superarla, in quanto definisce la partecipazione come un processo che porta dalla condizione di estraneo e di disadattato a quella di integrato e di soggetto attivo; in pratica, dalla condizione di suddito a quella di cittadino sovrano.

    Most Popular

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi

    G20 Brasile: proposta di imposta minima globale sui super ricchi Durante il summit del G20 Economia tenutosi a San Paolo il ministro brasiliano delle Finanze,...

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti

    Obiettivi PNRR: l’Italia meglio di tutti Forse nessuno se lo aspettava; o meglio, il preconcetto sull’indole nazionale e un dibattito politico interno tutto teso a...

    L’Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM

    L'Italia sta affrontando una marcata carenza di laureati in ambito STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics), con una stima annuale di 230.000-240.000 figure professionali introvabili....

    Dop e Igp, al via le nuove regole

    Dop e Igp, al via le nuove regole Varata la nuova riforma europea per la tutela dei marchi Dop e Igp. L’obiettivo è quello di...

    Recent Comments