11.5 C
Milano
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Economia Istat: marcata crescita della fiducia

Istat: marcata crescita della fiducia

Istat: marcata crescita della fiducia

A giugno balzo dell’indice di fiducia dei consumatori che supera i livelli pre-covid. Incremento anche per indice fiducia delle imprese.

Con l’Italia “in bianco”, la ripresa acquista momento e cresce la fiducia. Lo certifica l’Istat che a giugno stima un marcato aumento dell’indice  di fiducia dei consumatori che da 110,6 passa a 115,1 punti, in risalita per il terzo mese consecutivo. Il dato stupisce nella misura in cui tale valore supera il livello di febbraio 2020 ma soprattutto tocca i massimi da ottobre 2018. Migliorano fortemente le opinioni sulla situazione economica della Penisola così come i giudizi sull’opportunità dell’acquisto di beni durevoli.

Ecco finalmente ciò il Paese aspettava: non solo il recupero del gap creatosi con la pandemia, ma il superamento dei  livelli pre covid. Certo, si tratta solo di un indice, la strada è lunga ma è innegabile che, varianti permettendo, il Paese è sulla giusta strada e c’è un altro dato che consolida le attuali prospettive. L’Istituto nazionale di statistica ha infatti stimato un aumento anche dell’indice composito del clima d fiducia delle imprese che da 107,3 è balzato a 112,8 punti a giugno.

Quest’ultimo indicatore è particolarmente prezioso per capire l’umore dell’economia nostrana e un’analisi più approfondita mostra un miglioramento in diversi settori. Nell’industria manifatturiera l’indice sale da 110,9 a 114,8 mentre nei servizi di mercato aumenta da 99,1 a 106,7. Unica nota stonata per le costruzioni il cui indice diminuisce lievemente passando da 153,9 a 153,6.

Pienamente soddisfatto il presidente dell’Unione nazionale consumatori, Massimiliano Dona: “È un ottima notizia. Recuperata per la prima volta la fiducia pre-crisi. Rispetto a febbraio 2020, ultimo mese pre-lockdown, la fiducia è superiore di ben 4,3 punti, mentre rispetto a gennaio 2020, ultimo mese pre-pandemia, è maggiore di 3,1 punti”. Per Dona questo risultato è “certamente dovuto all’effetto Draghi e Recovery Plan”. Positivo anche il giudizio dell’Ufficio Studi di Confcommercio che sottolinea come, grazie a una serie di fattori come “l’avanzamento della campagna vaccinale e la sensibile remissione dei contagi” assieme alla “ drastica riduzione della contabilità dei decessi” abbiano permesso il balzo di fiducia a giugno che manifesta “in modo inequivocabile forti aspettative di ripresa”.

Most Popular

Continuano proteste in Cina, ma il governo non vuole cedere

Continuano proteste in Cina, ma il governo non vuole cedere In Cina proseguono e si intensificano le proteste legate alla politica “zero Covid”, che si...

Il Gruppo Presepi Marnate in carcere a Busto Arsizio

Il Gruppo Presepi Marnate in carcere a Busto Arsizio I presepisti insieme ad un gruppo di detenuti hanno realizzato un presepe che è stato posto...

Buguggiate, sabato 3 dicembre il Concerto di Natale della Bcc

Buguggiate, sabato 3 dicembre il Concerto di Natale della Bcc Il corpo musicale Giuseppe Verdi di Capolago protagonista degli auguri in musica della Banca di...

Recent Comments