11.5 C
Milano
sabato, Luglio 2, 2022
Home Editoriale Se vuoi comunicare, ascolta

Se vuoi comunicare, ascolta

Se vuoi comunicare, ascolta
Per comunicare in modo efficace è necessario saper ascoltare.
Ascoltare è un’arte: deve essere appresa e messa in pratica, deve diventare un modo di essere. Chi riesce a mettere in pratica l’arte dell’ascolto diventa una persona migliore.
Oggi, però, ti parlo di cosa non è l’ascolto. Lo faccio riportandoti cosa dice Patrice Ras nel suo libro L’arte di ascoltare.
1️⃣ L’ascolto non è un bisogno
«Goethe ha scritto: “Parlare è un bisogno, ascoltare è un’arte”. La frase dice tutto. Nessuno ha bisogno di ascoltare, ma tutti abbiamo bisogno di essere ascoltati e di esprimerci».
2️⃣ Ascoltare non è discutere
«La maggior parte di noi crede di saper ascoltare. Durante i corsi, gli esercizi dimostriamo il contrario: quasi nessuno ascolta. Gli ascoltatori meno peggiori non interrompono l’interlocutore, parlano però quando questi ha terminato.
Prendere o riprendere la parola significa smettere di ascoltare. Per quanti secondi riesci a stare in silenzio dopo che l’interlocutore ha finito la frase o il discorso?».
3️⃣ Ascoltare non è rispondere
«Per la maggior parte di noi comunicare significa esprimersi e ascoltare vuol dire rispondere o reagire. Questa convinzione costituisce un errore basato sulla competizione relazionale (…). Rispondere o reagire rappresentano nient’altro che la giustificazione al bisogno di esprimersi».
4️⃣ Ascoltare non è cercare di avere ragione
«Spesso pensiamo che comunicare significhi scambiare informazioni, idee, giudizi e argomenti. Lo scopo di questo gioco relazionale consiste nel convincere l’interlocutore e ottenerne il consenso. Una delle frasi chiave di questa comunicazione è: “Non sono d’accordo!”».
5️⃣ Ascoltare non è “sistemare il problema” altrui
«Un problema è qualcosa che va “sistemato” o risolto. Cerchiamo di aiutare l’interlocutore risolvendogli il problema. Questo ascolto razionale è una delle principali caratteristiche della comunicazione in Occidente».
Aggiungo: cercando di risolvere il problema del nostro interlocutore, siamo sicuri di aiutarlo? Diamo delle soluzioni, ma queste sono le nostre soluzioni.
Concludo con frase dello psicologo statunitense Carl Rogers:
«La nostra prima reazione di fronte all’affermazione di un altro è una valutazione o un giudizio, anziché uno sforzo di comprensione. Quando qualcuno esprime un sentimento o un atteggiamento o un’opinione tendiamo subito a pensare: è ingiusto, è stupido, è anormale, è irragionevole, è scorretto, non è gentile. Molto di rado ci permettiamo di capire esattamente quale sia per lui il significato dell’affermazione».
Buon ascolto.
Palmerino D’alesio

Most Popular

Adesione Ucraina all’Ue, Von Der Leyen al Parlamento di Kiev: “La strada è lunga, ma saremo al vostro fianco”

Adesione Ucraina all’Ue, Von Der Leyen al Parlamento di Kiev: “La strada è lunga, ma saremo al vostro fianco” “Un traguardo storico”. Con queste parole...

Sesto San Giovanni, ex aree Falck: il quartiere Unione 0 svelato alla comunità

Sesto San Giovanni, ex aree Falck: il quartiere Unione 0 svelato alla comunità L’evento, tra installazioni e testimonianze dei players del progetto, ha descritto il...

MASCHERINE, RACCOMANDATE AL LAVORO FINO AD OTTOBRE

MASCHERINE, RACCOMANDATE AL LAVORO FINO AD OTTOBRE La mascherina rimane un dispositivo di protezione fondamentale da utilizzare negli ambienti di lavoro, soprattutto laddove non sia...

Maturità 2022: Verga e l’iperconnessione vanno per la maggiore

Maturità 2022: Verga e l’iperconnessione vanno per la maggiore Nei licei italiani si sta svolgendo l’esame di maturità, giunta ormai alla fase orale conclusiva. Come...

Recent Comments