domenica, Maggio 19, 2024
More
    Home Politica Pnrr: 7 miliardi al lavoro

    Pnrr: 7 miliardi al lavoro

    Pnrr: 7 miliardi al lavoro
    Pnrr: le priorità del ministro Orlando e lo smartworking per la Pa
    Il Recovery Plan appena approvato in Parlamento prevede circa 7 miliardi di euro che, secondo quanto riportato dal ministro Orlando al Festival del Lavoro, “andranno a sostenere le politiche attive del lavoro, la formazione e il potenziamento della rete territoriale”. Il Recovery Fund rappresenta un evento eccezionale con cui l’Unione Europea spera di ricostruire le proprie comunità sfibrate dal covid, compreso il mondo del lavoro.
    I 7 miliardi di euro del Pnrr destinati a tale ambito da parte dell’esecutivo Draghi, sono stati definiti “un importante investimento specifico, il più importante del dopoguerra sulle politiche attive del lavoro” da parte di Orlando. Eppure il governo è consapevole che ciò non basta. Sia l’Europa che Draghi hanno insistito affinché tali investimenti siano accompagnati da profonde riforme che permettano all’Italia di cambiare marcia in quei settori dove arranca maggiormente; e il lavoro è uno di questi.
    Per questo motivo il ministro Orlando, il quale sta conducendo incontri bilaterali con diversi assessori regionali, ha chiesto un’importante accelerazione sui centri per l’impiego dal momento che “a fronte di uno stanziamento importante che nel 2019 prevedeva la possibilità di assumere 11mila persone all’interno dei centri per l’impiego, adesso siamo a poche centinaia. Questo francamente è abbastanza desolante”. Il ministro ha anche annunciato che in tempi brevi verrà redatto un piano nazionale di lotta al lavoro sommerso.
    Sul breve termine, il governo sta valutando una nuova proroga per allungare al 30 settembre il consenso al lavoro agile per i dipendenti della Pubblica amministrazione, senza il bisogno del preventivo accordo individuale. Stessa ipotesi per il settore privato. Allo stesso tempo, per il periodo post pandemico, è al vaglio di Palazzo Chigi la cancellazione delle soglie minime che in base alla precedente normativa imporrebbero a tutte le Pa di garantire il diritto al lavoro agile almeno al 50% dei dipendenti impegnati in attività che non impongano la presenza. L’obiettivo di Roma non è di richiamare tutti in ufficio, quanto di concedere alle diverse realtà locali di organizzarsi in autonomia.
    Simone Fausti

    Most Popular

    “Salta su! Ripartiamo dal lavoro”, avviato il crowdfunding a favore dell’inclusione lavorativa

    L’iniziativa lanciata dalle ACLI lombarde a sostegno dell’occupazione delle persone ai margini del mercato del lavoro, tramite l’attivazione di borse lavoro.   “Salta su! Ripartiamo dal...

    Bce: Atteso il taglio dei tassi di interesse a giugno

    Un “plausibile” taglio degli interessi sarebbe previsto per giugno. Questo quanto emerso nella riunione della Bce del 10 e dell’11 aprile tenutasi a Francoforte. I...

    Il Rame e il Suo Ruolo nei Mercati Globali e nella Transizione Energetica

    Il rame, noto per la sua conducibilità elettrica e termica, sta assumendo un ruolo sempre più centrale nei mercati internazionali, spinto dall'innovazione in ambiti...

    Ferrari, un 2024 da record: consegne stabili, crescono gli utili

    Nel primo trimestre del 2024, Ferrari ha ottenuto risultati finanziari notevoli, segnando un incremento significativo sia nei profitti che nei ricavi. Il noto produttore...

    Recent Comments