11.5 C
Milano
martedì, Giugno 15, 2021
Home Lombardia Regione Lombardia: 500€ per le famiglie

Regione Lombardia: 500€ per le famiglie

Regione Lombardia: 500€ per le famiglie
Da questa settimana è possibile fare richiesta per il contributo che Regione Lombardia ha pensato per le famiglie in difficoltà. Ecco i requisiti e le finestre temporali per inviare la domanda.
Regione Lombardia ha deciso di sostenere quelle famiglie che si trovano in una grave situazione economica a causa del perdurare dell’emergenza covid. La misura pensata dai vertici del Pirellone si chiama “Protezione famiglia” e prevede un contributo di 500 euro una tantum a fondo perduto fino all’esaurimento delle risorse disponibili che ammontano a 32,4 milioni di euro, di cui 4,4 milioni per applicazione del Fattore Famiglia Lombardo, un meccanismo che consente di garantire un importo aggiuntivo al contributo stesso se in famiglia sono presenti elementi come il mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale, l’anzianità di residenza in Regione Lombardia, il numero dei figli, le persone disabili, le donne in gravidanza e gli anziani a carico.
Da lunedì 12 aprile è possibile presentare online la domanda per ottenere il contributo, tramite il sistema di bandi raggiungibile all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it, digitando Protezione famiglia. Per accedere è necessario autenticarsi tramite il PIN della tessera sanitaria oppure con lo SPID. Attenzione però ai requisiti indispensabili per poter presentare la domanda: è necessario, infatti, essere residenti in Lombardia ed essere genitori di almeno un figlio minore di 18 anni il quale deve essere a carico e residente nel proprio nucleo familiare. Sul fronte dei requisiti economici, invece, bisogna avere un ISEE 2021 minore o uguale a 30.000 euro e soprattutto aver avuto una riduzione dell’attività lavorativa dimostrabile da una delle seguente situazioni legate all’emergenza covid, a partire dal 31 gennaio 2020:
– cassa integrazione o altri ammortizzatori quali cassa integrazione guadagni, Cassa Integrazione in deroga, fondo di integrazione salariale, patti di solidarietà locale.
– disoccupazione, a cui è seguita la Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) e Patto di Servizio Personalizzato (PSP).
– partita IVA individuale attiva quale attività prevalente e aver subìto un calo di fatturato/corrispettivi di almeno 1/3 tra 1° marzo – 31 ottobre 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019. In alternativa aver attivato la partita IVA a partire dal 1° gennaio 2019.
Ma non tutti i cittadini lombardi potranno accedere allo stesso momento, anzi, sono previste delle precise finestre temporali a seconda della provincia di residenza:
-Dal 12 aprile ore 10.00 al 19 aprile ore 12.00 per la provincia di Lecco e Monza e Brianza
-Dal 13 aprile ore 10.00 al 20 aprile ore 12.00 per la provincia di Bergamo
-Dal 14 aprile ore 10.00 al 21 aprile ore 12.00 per la provincia di Milano e Lodi
-Dal 15 aprile ore 10.00 al 22 aprile ore 12.00 per la provincia di Brescia, Como, Sondrio e Varese
-Dal 16 aprile ore 10.00 al 23 aprile ore 12.00, per la provincia di Cremona, Mantova e Pavia
Simone Fausti

Most Popular

Perchè investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità

Perché investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità Uno dei metodi per generare contatti commerciali nel B2B di alta qualità è investire anche...

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga Il Decreto “Sostegni-bis”, in discussione in questi giorni alla Camera, potrebbe portare una ulteriore dilazione dei termini...

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid I dati Istat relativi al primo trimestre del 2021 evidenziano gli effetti di un anno di...

L’Italia si colora di bianco

L’Italia si colora di bianco 40 milioni di italiani sotto zona bianca. Le discoteche rimangono le uniche attività chiuse. Quasi tutta l’Italia si trova in zona...

Recent Comments