11.5 C
Milano
martedì, Giugno 15, 2021
Home Economia Dl Sostegni: non si è fatto abbastanza

Dl Sostegni: non si è fatto abbastanza

La protesta degli agenti di commercio sull’esiguo ammontare di risorse dedicato al sostegno dell’economia.

 

Il Dl Sostegni ha stanziato 32 miliardi di euro per far fronte alle difficoltà economiche in cui versa l’Italia. Un intervento ritenuto insufficiente da parte di Fnaarc, la Federazione nazionale degli agenti di commercio.

Secondo l’associazione facente parte di Confcommercio, tali risorse sono del tutto insufficienti per compensare le perdite subite dalle imprese e dagli operatori economici e per far ripartire il sistema. “Noi non siamo soddisfatti, ci aspettavamo di più. Invece l’effettivo ristoro a cui si potrà accedere sarà misero” afferma Alberto Petranzan, presidente di Fnaarc. Gli fa eco il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, il quale in un’intervista al Corriere della Sera ha sottolineato come “i soggetti interessati al Dl Sostegni alla fine sono circa tre milioni. In questo modo l’indennizzo medio è di circa 3.700 euro. Non ci siamo. Il rischio è la chiusura di circa 300mila imprese del terziario e circa 200mila partite Iva. Servono indennizzi più adeguati, più inclusivi e più tempestivi”.

Gli agenti di commercio risultano particolarmente colpiti da quando è cominciata la pandemia anche per l’impossibilità sperimentata da molto di loro nel 2020 (come altre categorie) nell’accedere ai ristori a causa della loro impostazione. Con il nuovo Dl Sostegni è stato fatto qualche passo avanti: dal superamento dei codici Ateco all’estensione del periodo di riferimento per il calcolo delle perdite. Ma ciò non basta. Fnaarc chiede al governo un rafforzamento delle risorse per dare maggiori prospettive future oltre alla riapertura del tavolo di lavoro iniziato con il precedente esecutivo.

Lo scopo del tavolo di lavoro è avviare un dialogo diretto con le istituzioni al fine di conoscere meglio le istanze, le peculiarità e le problematiche vissute dagli agenti e rappresentanti di commercio i quali, ricorda Petranzan, rappresentano “uno dei motori principali della piccola e media impresa italiana: con la loro attività possono contribuire in maniera concreta alla ripresa dei consumi”.

Simone Fausti

Most Popular

Perchè investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità

Perché investire su Linkedin Ads per ottenere contatti commerciali di qualità Uno dei metodi per generare contatti commerciali nel B2B di alta qualità è investire anche...

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga

Cartelle esattoriali: si va verso una ulteriore proroga Il Decreto “Sostegni-bis”, in discussione in questi giorni alla Camera, potrebbe portare una ulteriore dilazione dei termini...

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid

Lavoro, autonomi: il colpo dopo un anno di covid I dati Istat relativi al primo trimestre del 2021 evidenziano gli effetti di un anno di...

L’Italia si colora di bianco

L’Italia si colora di bianco 40 milioni di italiani sotto zona bianca. Le discoteche rimangono le uniche attività chiuse. Quasi tutta l’Italia si trova in zona...

Recent Comments