11.5 C
Milano
martedì, 1 Dicembre, 2020
Home Economia Rincorrendo Covid-19…

Rincorrendo Covid-19…

Rincorrendo Covid-19

Come anticipato nel nostro ultimo intervento, è stato emanato – e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 279 del 9 novembre 2020 – il decreto “Ristori bis” (D.L. n. 149/2020) di aggiornamento e completamento del primo “decreto ristori” (D.L. 137/2020 ): ciò in conseguente e opportuno riallineamento delle provvidenze economiche a favore dei soggetti particolarmente colpiti dalle misure di “salute pubblica” adottate con i DCPM del 24 ottobre 2020 e del 3 novembre 2020 e per i quali, con provvedimento del Ministero della Salute, il territorio nazionale è stato suddiviso in più zone di applicazione delle misure restrittive: per tali zone, come risaputo, sono individuati tre gradi di classificazione (giallo – arancione – rosso) sulla base di vari parametri indicatori della specifica e complessiva situazione sanitaria dei vari territori.

In buona sintesi, i provvedimenti assunti, di più immediato e generale interesse, riguardano i seguenti interventi di sostegno a favore dei soggetti residenti nelle zone oggetto di gravi limitazioni operative:

– Contributi a Fondo perduto con riformulazione e incremento della loro entità ed estensione a categorie inizialmente non ammesse ai previsti benefici

– Contributi a fondo perduto per la filiera ristorazione

– Estensione temporale del credito d’imposta sugli affitti commerciali

– Cancellazione Imu sub condizione che l’immobile interessato sia sede dell’attività svolta dal proprietario

– Rinvio del secondo acconto Ires e Irap per i soggetti a cui si applicano gli Isa

– Sospensione del versamento IVA e dei contributi previdenziali (con differenziazione in relazione alle attività oggetto di limitazione nelle varie aree)

– Sostegno alla filiera agricola, pesca e acquacoltura

– Sostegno al terzo settore

– Congedi straordinari e bonus baby sitter

In particolare, per le zone c.d. “rosse” – tra le quali la Regione Lombardia –, viene previsto un contributo a fondo perduto per i titolari di partita IVA che svolgono, come attività prevalente, una di quelle identificate con un codice Ateco ricompreso in apposito allegato al D.L. e hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nelle citate zone ad alto rischio pandemico.

Le modalità di erogazione dei fondi sono quelle fin qui già utilizzate: chi ha già ricevuto contributi, riceverà automaticamente le somme con bonifico dall’Agenzia delle entrate; per i nuovi interessati, si dovrà procedere con una specifica domanda.

I tempi previsti: immediati (attesa la prevista automaticità) per coloro che hanno già goduto di precedenti benefici; alcune settimane (si spera) per le nuove domande.

 

Dott. Giacomo Dino Trinchera

giacomo@studiotrinchera.com

Most Popular

Ristori quater, dilazione di pagamento per debiti fiscali

Per comprovate esigenze economiche si possono bloccare le procedure esecutive. Indennità a lavoratori del turismo, dello spettacolo e dello sport. Stanziamenti ulteriori per forze...

Adda-Martesana, zona arancione: commercianti all’opera per recuperare le chiusure

Ma il Natale si preannuncia difficile. Confcommercio: “Calo dei consumi del 20,3% rispetto al 2019”. C’è chi ha trascorso la giornata ad allestire le...

Oggi comincia il piano cashless del governo

Da martedì 1 dicembre è iniziato il piano cashless: è attivo il sito per la lotteria degli scontrini mentre per il piano cashback Natale...

COMUNICATO STAMPA: Ricerca “Future of  Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International

Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà alle condizioni di prima, cioè senza smart working. Digitalizzazione prioritaria per il 67% Presentati a HR...

Recent Comments