11.5 C
Milano
giovedì, Febbraio 25, 2021
Home Politica Proteste in tutta Italia, è allarme dal Viminale

Proteste in tutta Italia, è allarme dal Viminale

Le manifestazioni pacifiche di imprenditori e lavoratori vengono usate dagli ultrà, criminalità ed estremismi per sovvertire l’ordine pubblico

 

In tutta Italia, da Milano a Catania, l’insofferenza dei cittadini per i provvedimenti dell’ultimo dpcm si fa sentire in modo vigoroso. Sono soprattutto gli imprenditori ed i lavoratori della filiera legata ai bar e ristoranti, ai quali è stata imposta la serrata alle 18.00. Nonostante le rassicurazioni del Governo sulla predisposizione di adeguate misure di ristoro a loro favore, la rabbia e la protesta dilagano. La frustrazione è forte, molte persone sono stanche di andare avanti e la comprensione collettiva che ha contraddistinto la fase del lockdown in marzo-aprile sta venendo meno.

 

In questi giorni si sono svolti cortei e manifestazioni in varie città d’Italia come a Milano, Torino, Napoli, Roma, Catania, Trieste, Pescara, Cremona. Purtroppo, a queste manifestazioni pacifiche si sono associate persone appartenenti a movimenti estremisti ed anche la criminalità ha voluto profittarne, con risvolti di assoluta violenza.

 

A Napoli sono state compiute le prime devastazioni, perciò si pensava inizialmente che fosse un fenomeno circoscritto al Sud. Invece abbiamo assistito a manifestazioni di un’efferata violenza anche al nord.

In piazza Castello a Torino, sono state lanciate bombe carta e bottiglie in vetro. Nel frattempo in via Roma, alcuni passanti hanno frantumato le vetrine dei negozi di lusso tra cui l’Apple Store. Dopo aver saccheggiato i negozi, alcuni incappucciati lanciavano molotov contro le forze dell’ordine per non farsi prendere. Almeno due poliziotti sono finiti in ospedale. Sono state arrestate dieci persone, di cui cinque appartenenti agli ultras.

 

A Milano abbiamo visto la stessa situazione. Una manifestazione pacifica, organizzata da lavoratori che protestano contro le istituzioni urlando “Libertà, libertà!”, si è trasformata in un’ignobile rappresentazione di violenza in corso Buenos Aires. Lanci di petardi e bottiglie, devastazioni di quegli stessi bar e ristoranti per cui i titolari erano scesi in piazza poche ore prima.

 

Al Viminale l’allerta è massima. È stata data raccomandazione ai prefetti di reprimere manifestazioni violente con la massima fermezza, consentendo invece quelle pacifiche.

 

Il pericolo che l’esasperazione e la rabbia della gente possano essere cavalcate da gruppi violenti, appartenenti alla criminalità organizzata e ai movimenti estremisti è molto concreto.

Pertanto, il rischio che da manifestazioni pacifiche e comprensibili si passa al sovvertimento dell’ordine pubblico è molto alto.

Ma questo dovrebbe essere il momento della collaborazione, in vista di un obiettivo comune. Invece in questo modo si fornisce un alibi a gente che ha aggredito le forze dell’ordine, che ha devastato i negozi, rischiando che si faccia di tutta l’erba un fascio.

Non è il momento di farsi usare, è il momento di organizzarsi.

 

Andrea Curcio

Most Popular

Speranza: Rt si avvia a superare la soglia di 1. Dal 6 marzo nuovo Dpcm

Il ministro della Salute ritiene impossibile allentare le misure di contrasto al covid. L’esecutivo si prepara a un nuovo provvedimento e a nuovi ristori.   È...

Da OPERAMED all’Ordine di Malta – Corpo Militare: un padiglione per le vaccinazioni anti Covid

Sabato mattina, presso l'ospedale militare di via Saint Bon 7, Milano, alla presenza del Gen. Mario FINE Comandante Corpo Militare ACISMOM, della Dott.ssa Anna...

Industry 4.0, così il digitale rivoluziona il manifatturiero

Mebra Plastik Italia: «L’innovazione per ripartire» L’azienda di Busto Arsizio (VA), leader nell’estrusione di tubi per oleodinamica e pneumatica, ha ultimato il percorso rinnovamento: investimento...

Proteste dei lavoratori dello spettacolo, mondo scolastico e sindacati  

Al flash mob organizzato dai lavoratori dello spettacolo, si uniscono alcuni comitati studenteschi e sindacati. Richieste di riaperture con misure di sicurezza.   Martedì si è...

Recent Comments