11.5 C
Milano
giovedì, 22 Ottobre, 2020
Home Economia Intervista a Claudio Galuppini, titolare del marchio Italian padel

Intervista a Claudio Galuppini, titolare del marchio Italian padel

Secondo una rilevazione di PrenotaUnCampo, il portale di servizio prenotazione campi on line più diffuso in Italia con oltre 900 centri sportivi nel circuito, il padel rappresenta ad oggi il 25% del business del settore sportivo amatoriale in Italia con la più alta percentuale di crescita.
Intervistiamo oggi Claudio Galuppini, titolare del marchio Italian padel (By Forgiafer) la più grande azienda italiana specializzata nella produzione di strutture per campi da padel.

Com’è nato il Padel

Il Padel è nato da un errore di misurazione, si è trasformato in un gioco talmente bello da creare una sana dipendenza.
Questo sport è nato alla fine degli anni ’60, quando il magnate Enrique Corcuera, volendo installare un campo da tennis nella sua sfarzosa villa messicana, si accorse che lo spazio era limitato e intralciato ai lati da opere in muratura. Il magnate non volendo rinunciare al proprio campo diede cosi vita ad una nuova area ristretta e circondata da pareti con la quale, cambiando alcune regole, creò questa variante del tennis molto più giocosa e adatta a tutti, con palla sempre in movimento e tempi di gioco attivo molto più alti.

Come mai hai deciso di iniziare a costruire campi da padel?

L’idea mi è arrivata dal mio commercialista e da un amico di Brescia che aveva visto e provato un campo a Roma.
Avevamo già un azienda leader nazionale nella produzione di cancelli e recinzioni in ferro battuto standardizzati, con la quale avevamo realizzato più di 50 mila cancelli ed oltre 900 km di recinzioni in Italia, dal 2008 la crisi dell’edilizia ci aveva fatto perdere più del 60% del fatturato.
Abbiamo tenuto duro fino al 2016 poi mi hanno parlato di questo sport e ho riconvertito l’azienda.
Avevamo già le attrezzature che ci consentivano di costruire e migliorare i campi che c’erano già in circolazione, abbiamo così di fatto migliorato e innovato l’intero settore grazie alla nostra pluriennale esperienza.

All’inizio hai fatto fatica a far capire questo nuovo sport? Non hai paura che sia solo una moda?

Quando ne parlavo nel 2016 a Brescia mi guardavano stupiti e i miei collaboratori aziendali non ci credeva nessuno ma sono andato avanti.
Oggi abbiamo 14 nuovi collaboratori in più e diamo lavoro a squadre di posa esterne oltre che a distributori commerciali, con proprie squadre interne.
Ho capito che non poteva essere una moda quando l’ho provato con i miei figli, erano trentacinque anni che non facevo sport , ci siamo divertiti, e da lì ho percepito che poteva crescere parecchio ed infatti ad oggi è lo sport che ha la più alta crescita di utenti a livello mondiale.
È definito anche lo sport salva coppie perché si riesce a condividere momenti con la propria dolce metà ed è inoltre lo sport che combatte la solitudine perché si gioca in quattro e anche nei circoli si trova sempre qualcuno con cui riuscire a giocare ed inizialmente non serve essere allenati perché è immediato.

Nello specifico cosa fa Italian Padel

Italian padel si occupa della progettazione, costruzione e installazione chiavi in mano di campi da padel certificati, progettati e realizzati in Italia.

Perché scegliere Italian padel?

Perché la nostra storia parla per noi.
Abbiamo realizzato i campi da padel agli internazionali di Tennis del 2016 nel Foro Italico di Roma, abbiamo lavorato alle Mauritius, alle Maldive, Dubai, Marocco, qualche giorno fa abbiamo concluso le consegne nel più grande circolo in Svezia con ben ventidue campi.
Dal 2018 abbiamo goduto del privilegio esclusivo e della garanzia di essere l’unica azienda italiana del settore a ottenere la marcatura CE, obbligatoria in Europa, che rappresenta un’attenzione verso la sicurezza e una serie di vantaggi aggiuntivi per i nostri clienti.
La qualità è la nostra filosofia. Grazie alla forza produttiva di Forgiafer produciamo i migliori campi sul mercato e offriamo 10 anni di garanzia. Ad oggi abbiamo installato più di 590 campi in Italia e nel mondo e siamo solo all’inizio.

Most Popular

Coronavirus, tutte le irregolarità e sanzioni previste

Multe fino a 560 euro e chiusura del locale per chi viola le disposizioni La Guardia di Finanza, sotto la guida del generale Giuseppe...

Milano: i ristoratori dicono NO al coprifuoco

Milano: i ristoratori dicono NO al coprifuoco   “Sarà la morte”, è il grido d’allarme della categoria che teme perdite fino al 70% del fatturato. La...

Tamponi in Lombardia: oltre tremila al giorno da Cerba HealthCare, anche per i privati

La rete di centri (15 in Lombardia di cui 4 a Milano) dedicata alle analisi di laboratorio è al lavoro da mesi per aumentare...

Il governo americano fa causa a Google

Il Dipartimento di Giustizia statunitense ha avviato un’azione legale contro Google, accusato di monopolio e pratiche anti-concorrenziali.     Google è nei guai. La società fondata da...

Recent Comments