11.5 C
Milano
venerdì, 4 Dicembre, 2020
Home Economia Scuola, mascherine chirurgiche distribuite ogni giorno gratuitamente

Scuola, mascherine chirurgiche distribuite ogni giorno gratuitamente

Scuola, mascherine chirurgiche distribuite ogni giorno gratuitamente

 

Il Comitato tecnico scientifico ha elaborato le regole che disciplineranno l’utilizzo dei dispositivi di protezione da parte degli studenti.

 

Gli esperti raccomandano l’utilizzo delle mascherine chirurgiche, considerate più sicure ai fini della riduzione della circolazione del virus. A tal proposito il commissario Arcuri ha annunciato che giornalmente saranno inviate gratuitamente alle famiglie 11 milioni di mascherine, pertanto non sarà necessario comprarle.

Gli studenti troveranno le mascherine all’ingresso di ogni istituto, che sarà responsabile della custodia e della distribuzione.

 

Ma come si dovranno comportare gli studenti? Il Cts ha stabilito che gli studenti potranno togliere la mascherina all’interno delle aule durante le lezioni e la ricreazione, a condizione che venga mantenuta la distanza di un metro e mezzo dai compagni. Nei momenti di intervallo, di ingresso e di uscita dalla scuola, la mascherina va indossata senza alcuna limitazione, coprendo naso e bocca.

La cattedra dovrà essere collocata ad almeno due metri di distanza dai banchi. L’insegnante può togliere la mascherina mentre spiega o interroga, se mantiene le distanze.

 

La preoccupazione è che gli insegnanti possano impiegare più tempo a disciplinare gli alunni circa le misure di adottare rispetto alla didattica in sè, tenendo conto specialmente della fascia d’età adolescenziale, contraddistinta generalmente da tempeste ormonali e voglia di socialità.

 

Qualora si sospetti che un alunno possa aver contratto il coronavirus, prima di avvertire i genitori deve essere isolato e assistito da un adulto che indossi la mascherina. Una volta riportato a casa i genitori devono contattare il pediatra o il medico di famiglia, a cui spetta la decisione se sottoporre ad un tampone lo studente.

Se l’esito del test è positivo, bisogna individuare i contatti stretti e disporre la quarantena per tutti i compagni di classe e per l’insegnante.

Si valuterà la chiusura della scuola in base al numero dei casi, ove si configurassero eventuali focolai e basandosi sul “livello di circolazione del virus all’interno della comunità”.

 

Andrea Curcio

 

 

Most Popular

Ritorna la coltivazione della terra, una risorsa da non dimenticare

Persone occupate in altri settori in difficoltà, riprendono la coltivazione dei terreni ereditati dai genitori, abbandonati da qualche tempo   Marino Zamboni ha ereditato il mulino...

Da oggi in vigore il nuovo dpcm

Il dpcm natalizio introduce delle novità per quanto riguarda gli spostamenti, i centri commerciali, i cenoni e la scuola. Da oggi, venerdì 4 dicembre, è...

Covid, formazione in campo contro la crisi del lavoro

L’istat ha pubblicato i dati relativi al mercato del lavoro: 473 mila occupati in meno rispetto al 2019 e + 30% del tasso di...

Fiera Digitale del Network: la prossima frontiera del Circolo delle Imprese

Come affrontiamo il Covid dice molto di noi. Il Circolo delle Imprese ha deciso di combattere, lo ha deciso dal primo giorno. Il come è...

Recent Comments