Free Porn





manotobet

takbet
betcart




betboro

megapari
mahbet
betforward


1xbet
teen sex
porn
djav
best porn 2025
porn 2026
brunette banged
Ankara Escort
giovedì, Giugno 20, 2024
More
    Home Economia Rinunzie e transazione in ambito giuslavoristico.

    Rinunzie e transazione in ambito giuslavoristico.

    Rinunzie e transazione in ambito giuslavoristico.

    Nel nostro ordinamento il rapporto tra datore di lavoro e lavoratore è caratterizzato da numerose tutele e diritti in favore della parte cosiddetta “più debole”.

    Tali tutele si declinano in diversi ambiti della vita lavorativa, a partire dalla pattuizione relativa alla retribuzione in sede di assunzione (che non è liberamente determinabile dalle parti) fino al licenziamento (che la legge prevede può essere comminato soltanto a fronte di una giusta causa ovvero di un giustificato motivo soggetto e/o oggettivo).

    Un’ulteriore tutela prevista in favore del lavoratore e che l’imprenditore deve tener ben presente è disciplinata dall’art. 2113 rubricato “rinunzie e transazioni” inserito nel Libro V del codice civile.

    In proposito occorre fare un distinguo: (1) la rinunzia è un negozio unilaterale recettizio finalizzato alla dismissione di un diritto mentre (2) la transazione è un contratto con il quale le parti, a fronte di reciproche rinunzie, definiscono una controversia ovvero la prevengono.

    Con riferimento, appunto alle rinunzie e transazioni che vedono coinvolto un lavoratore, l’art. 2113 cod. civ. prevede che «[1] Le rinunzie e le transazioni, che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da disposizioni inderogabili della legge e dei contratti o accordi collettivi concernenti i rapporti di cui all’articolo 409 del codice di procedura civile, non sono valide. [2] L’impugnazione deve essere proposta, a pena di decadenza, entro sei mesi dalla data di cessazione del rapporto o dalla data della rinunzia o della transazione, se queste sono intervenute dopo la cessazione medesima [3] Le rinunzie e le transazioni di cui ai commi precedenti possono essere impugnate con qualsiasi atto scritto, anche stragiudiziale, del lavoratore idoneo a renderne nota la volontà. [4] Le disposizioni del presente articolo non si applicano alla conciliazione intervenuta ai sensi degli articoli 185, 410, 411, 412-ter e 412-quater del codice di procedura civile».

    Dalla lettura di tale norma emerge che di regola la rinunzia o la transazione posta in essere da un lavoratore non è valida, a meno che tale atto non sia intervenuto:

    • in sede di conciliazione promossa innanzi le commissioni istituite presso gli Ispettorati del Lavoro (art. 411 cod. proc. civ.);
    • in sede sindacale (art. 411 cod. proc. civ.);
    • in caso di conciliazioni ed arbitrati svolti con le modalità stabilite dai contratti collettivi (art. 412-ter proc. civ.);
    • in caso di conciliazioni ed arbitrati svolti innanzi al collegio di conciliazione ed arbirato irrituale (art. 412-quater proc. civ.);
    • innanzi al giudice davanti al quale è pendente l’eventuale controversia (art. 420 cod. proc. civ.)

    ovvero

    • siano trascorsi sei mesi dalla sottoscrizione.

    Sono altresì validi gli atti certificati presso le commissioni di certificazione del rapporto di lavoro (art. 82 D.Lgs. 276/2003) e la cosiddetta conciliazione standard o agevolata (art. 6 D.Lgs 23/2015).

    Da ultimo occorre rilevare che la tutela ex art. 2113 cod. civ. si applica soltanto ai diritti derivanti da disposizioni inderogabili di legge o dei contratti collettivi di lavoro (si pensi ad. es. alle differenze retributivi), e non a tutti i diritti del lavoratore (quali per es. il diritto al risarcimento del danno all’immagine).

    avv. Nicola A. Maggio

    n.maggio@pmslex.com

    Most Popular

    IA, il futuro per il settore auto

    I sistemi di intelligenza artificiale, si sa, stanno acquisendo un ruolo sempre più centrale in diversi settori economici. Tra questi quello dell’automotive è in...

    Fondazione Comunitaria Nord Milano: 360mila euro assegnati a 44 progetti del territorio

    75 i progetti pervenuti nell’ambito dei tre bandi promossi dalla Fondazione. Al centro delle iniziative proposte la persona con le sue fragilità, cultura ed...

    UE, Massimiliano Salini (Forza Italia) eletto vicepresidente del Gruppo PPE

    L’eurodeputato è tra i dieci vicepresidenti eletti stamane nell’ambito del rinnovo delle cariche del Gruppo PPE che ha riconfermato alla guida Manfred Weber, eletto...

    Prima Edizione del premio “Marco Casavecchia”: un riconoscimento per giovani talenti nel ricordo di un maestro del diritto

    Il 18 giugno, a Torino, si è tenuta la cerimonia di assegnazione del primo premio dedicato alla memoria dell'avvocato Marco Casavecchia, scomparso nell'ottobre del...

    Recent Comments