11.5 C
Milano
sabato, 26 Settembre, 2020
Home Prima pagina Decreto agosto, tante imprese rischiano l’esclusione dagli aiuti

Decreto agosto, tante imprese rischiano l’esclusione dagli aiuti

Decreto agosto, tante imprese rischiano l’esclusione dagli aiuti

Il Governo sta lavorando al decreto Agosto che riguarderà prevalentemente il lavoro.

Ci sono alcuni punti critici su cui si sta discutendo in queste ore.

Per accedere alla seconda tranche della cassa integrazione di 9 settimane, senza ulteriori oneri economici, si deve dimostrare di aver subito una perdita del fatturato di almeno il 20% tra il primo semestre 2020 e il primo semestre 2019. Ma tale condizione è ritenuta da più parti eccessivamente stringente. Molti settori in sofferenza verrebbero esclusi. Si pensi ad esempio a filiere come la ceramica e la moda, che durante il periodo di lockdown possono aver aumentato il fatturato perché avevano ordini da evadere, ma che in autunno rischiano di trovarsi in grande difficoltà.

Sorgono parecchi dubbi anche sull’estensione del blocco dei licenziamenti al 31 dicembre per i datori di lavoro chiamati a pagare il contributo addizionale per l’utilizzo della cassa Covid.

I tecnici del ministero del lavoro e dell’economia sono impegnati a sciogliere questi nodi. La sottosegretaria al Lavoro Francesca Puglisi dice di comprendere la problematica legata all’esclusione dalla cassa integrazione per numerose aziende in difficoltà ed ipotizza: “si potrebbe far riferimento ad un mix di strumenti, tenendo conto insieme al calo del fatturato nel semestre dei codici Ateco dei settori maggiormente colpiti dalla crisi per evitare di penalizzare le aziende in difficoltà”.

Secondo il presidente della commissione finanze della camera Luigi Marattin “per convogliare il risparmio privato verso le Pmi occorre rafforzare i piani individuali di risparmio, elevando i limiti di investimento per i Pir ordinari e alternativi, inoltre va esteso il fondo di garanzia alle imprese del terzo settore e vanno rinviati i pagamenti delle tasse autunnali, incluso l’acconto delle partite Iva”.

Per quanto riguarda l’ipotesi di proroga al 31 dicembre del blocco dei licenziamenti (blocco iniziato lo scorso 17 marzo con scadenza il 17 agosto) si sta cercando di rifarsi all’esperienza di altri paesi europei. In Francia e in Germania il divieto riguarda solo le aziende che beneficiano di contributi pubblici.

Ma la bozza del Governo contiene solo una deroga per i casi di fallimento o di liquidazione con cessazione.

Arturo Maresca, docente di diritto del lavoro preso la Sapienza di Roma, rimprovera che “non viene assicurato un bilanciamento tra le scelte organizzative dell’impresa e l’articolo 41 della Costituzione.

La ministra del Lavoro Nunzia Catalfo, dopo aver confermato la proroga del reddito di emergenza e l’aumento delle pensioni di invalidità nel decreto di Agosto, ha sottolineato che “grazie alle misure del Governo è stato evitato che la disoccupazione salisse”.

Andrea Curcio

Most Popular

Superbonus: nasce il mercato digitale

Con il coinvolgimento di diverse realtà, prende piede il mercato digitale per negoziare i crediti fiscali.   Il superbonus diventa realtà. Nasce infatti il mercato digitale...

Milano: il sindaco Sala annuncia occupazione suolo gratis oltre il 31 ottobre

La decisione di ampliare gli spazi esterni in uso agli esercizi commerciali era nata come misura a sostegno di bar e ristoranti. Critici i...

Disoccupazione globale alle stelle

L’OIL prevede 213 milioni di disoccupati entro fine anno   L’Organizzazione Internazionale del Lavoro stima che entro la fine di quest’anno la disoccupazione in tutto il...

Co-working, trinamica e addizioni.

Una strada per interpretare le nuove necessità professionali.   Partiamo dalla proprietà commutativa delle addizioni. Se cambio l’ordine degli addendi la somma (o il risultato) non...

Recent Comments