11.5 C
Milano
sabato, Ottobre 1, 2022
Home Politica L’incertezza è sovrana, la scuola nel caos

L’incertezza è sovrana, la scuola nel caos

L’incertezza è sovrana, la scuola nel caos

Non si proroga lo stato d’emergenza ma i sindacati vogliono lasciare chiuse la scuola

La decisione sulla proroga dello stato d’emergenza fino ad ottobre non è più scontata. Non solo le opposizioni, ma anche alcuni malumori della maggioranza sembrano aver fatto cambiare idea al Governo.

La decisione definitiva sarà presa la settimana prossima, dopo che il premier Conte sarà tornato da Bruxelles.

L’ultimo report settimanale del ministero della Salute e dell’Istituto superiore di sanità evidenzia, seppur sono pochi i casi che richiedono ospedalizzazione, come il virus proceda per focolai, alcuni dei quali associati a contagi provenienti dall’estero.

Ad oggi sono 655 i focolai attivi in tutto il Paese.

In caso di mancata proroga dello stato di emergenza, i poteri e le misure straordinarie potrebbero comunque essere mantenuti con un decreto legge.

Le altre misure sanitarie, cioè quelle che riguardano i protocolli e le linee guida sui comportamenti da adottare, potrebbero rientrare nelle ordinanze del ministero della Salute, con cui ad esempio, è stato limitato l’accesso ad alcuni paesi extra Ue.

Ma l’allarme più preoccupante in questo momento è quello della scuola.

Venerdì mattina i sindacati della scuola all’unisono: “Riaprire le scuole a settembre? Senza un intervento straordinario del governo per garantire le risorse necessarie, soprattutto quelle umane, non sarà possibile. Se non a prezzo di pesanti tagli d’orario e con il ricorso sistematico alla didattica a distanza”.

La replica della ministra non si è fatta attendere: “La scuola riaprirà regolarmente il 14 settembre, escludo nuovi lockdown. Dai sindacati mi aspetto collaborazione. Noi per settembre saremo pronti, ma ognuno deve fare la propria parte. Non si può dire di no a tutto”.

I sindacati vorrebbero che la didattica proseguisse a distanza. Questo perchè, stando alle loro stime, con i soldi stanziati finora (1,4 nel dl rilancio cui Azzolina ha promesso di aggiungere un ulteriore miliardo) si potrebbero assumere a tempo determinato poco più di 56 mila docenti e 16 mila Ata, che suddivisi fra gli 8 mila istituti scolastici italiani corrispondono a 7 insegnanti e 2 fra assistenti amministrativi e bidelli in più per scuola.

Andrea Curcio

Most Popular

Per le bollette in arrivo maxi-aumenti

Per le bollette in arrivo maxi-aumenti Sono previsti ulteriori e pesanti aumenti sulle bollette future, complici le nuove tariffe energetiche e i recenti danni subìti...

Area B, infuria la polemica tra Regione e Comune di Milano

Area B, infuria la polemica tra Regione e Comune di Milano Appello di Regione Lombardia e ACI Milano per una proroga ai nuovi divieti che...

Il New York Times pubblica le comunicazioni dei soldati russi: “Putin è un pazzo”

Il New York Times pubblica le comunicazioni dei soldati russi: “Putin è un pazzo” Oggi, alle ore 14, Mosca annetterà ufficialmente le quattro regioni ucraine...

Governo, parte in toto nomi

Governo, parte in toto nomi I nuovi eletti non sono ancora insediati, ma già si rincorrono le voci sulla possibile composizione del nuovo Esecutivo. L’incarico...

Recent Comments