venerdì, Aprile 19, 2024
More
    Home Economia Assicurazioni: Generali entra in Cattolica con il 24,4% a fronte di un...

    Assicurazioni: Generali entra in Cattolica con il 24,4% a fronte di un aumento di capitale di 300 milioni di euro

    Assicurazioni: Generali entra in Cattolica con il 24,4% a fronte di un aumento di capitale di 300 milioni di euro

    Una partnership strategica che comporta un aumento di capitale, accordi industriali e la trasformazione di Cattolica in S.p.A.

    L’altro ieri è stato un giorno movimentato per il mondo delle assicurazioni, con una novità che ha interessato due dei principali player. Nella giornata di mercoledì 24 giugno, infatti, è stata annunciata l’entrata di Generali in Cattolica Assicurazioni con il 24,4% a fronte di un aumento di capitale riservato per 300 milioni di euro condizionato alla trasformazione di Cattolica in S.p.A.

    L’aumento di capitale prevede l’emissione di 54,054 milioni di azioni di Cattolica ad un prezzo di emissione pari a 5,55 euro per azione contro i 3,61 euro a cui a chiuso il titolo in borsa nella giornata di mercoledì. Oltre a questo aumento, Cattolica prevede di deliberare un aumento di capitale in opzione a favore di tutti gli azionisti per un valore di massimo 200 milioni di euro da realizzare successivamente e con l’obiettivo di completare il rafforzamento patrimoniale. Tali aumenti saranno approvati dal consiglio di amministrazione di Cattolica entro il 15 luglio.

    L’avvio di questa partnership strategica si fonda su tre pilastri: una serie di accordi industriali e commerciali che dovranno generare opportunità e benefici diretti ai due gruppi, l’aumento di capitale e infine la trasformazione della forma giuridica di Cattolica che da cooperativa si trasformerà in società per azioni, con effetto dal 1° aprile 2021, scelta che comporterà una modifica dello statuto. Tale modifica dovrebbe essere decisa dal consiglio di amministrazione di Cattolica il quale dovrebbe convocare l’assemblea straordinaria entro il 31 luglio. I cambiamenti statutari garantiranno a Generali il diritto di veto sia in cda che in assemblea su certe materie di interesse, oltre alla nomina di tre membri nel board.

    Le due società hanno spiegato come l’accordo verta su quattro ambiti industriali: il primo è l’asset management, con la gestione da parte di Generali di parte del portafoglio investimenti di Cattolica finalizzata all’incremento dell’efficienza. La seconda è il mondo dell’Internet of Things (IoT), dove Generali offrirà ai clienti di Cattolica la piattaforma realizzata da Generali Jeniot per lo sviluppo del business telematico di auto, casa, pet e imprese.

    Il terzo ambito è quello del business salute, con l’estensione alla clientela di Cattolica dei servizi di Generali Welion. Infine c’è l’ambito riassicurazione, dove Generali sarà principale partner in relazione a una quota dei rischi da riassicurare. L’esecuzione di questi accordi è necessaria per la realizzazione della partnership strategica.

    Marco Sesana, Country Manager e Ceo di Generali Italia e Global business Lines ha affermato che tale partnership strategica “è un’opportunità unica, oggi in Italia, di crescita profittevole nell’asset management e nei servizi innovativi”. Parole in sintonia con quelle di Carlo Ferraresi, Direttore Generale di Cattolica, il quale ha sottolineato come tale accordo “è un progetto rilevante tramite il quale Cattolica, con l’obiettivo di preservare la centralità del territorio, dei clienti e dei dipendenti, offre un’importante opportunità di creazione di valore per i soci e gli azionisti. Con questa partnership i clienti del gruppo Cattolica potranno beneficiare di nuovi e innovativi servizi di Generali e allo stesso tempo verrà rafforzata la posizione patrimoniale del gruppo”.

    Simone Fausti

    Most Popular

    L’inversione della polemica: un emendamento in tema aborto pone ai ferri corti Roma e Madrid

    Parlare di aborto in Italia è come aprire il vaso di Pandora del dibattito pubblico italiano, anche se questa volta lo scontro ha assunto...

    Trasporto aereo in Italia nel 2023: crescita e preferenze passeggeri

    Nel 2023, il settore del trasporto aereo in Italia ha vissuto un forte incremento, registrando un totale di 197 milioni di passeggeri, un aumento...

    Nasce il “Museo Inclusivo”: un viaggio nell’arte e nella creatività per persone con autismo

    L’iniziativa promossa dall’ufficio Servizi educativi e accessibilità del Castello Sforzesco e dall’Associazione “Portami per mano Onlus”, in collaborazione con la società Ad Artem. In una...

    Un nuovo paradigma per l’Europa: Il discorso di Draghi

    Nel cuore dell'Europa, a La Hulpe in Belgio, Mario Draghi ha delineato una visione rinnovata per il futuro dell'Unione. Durante la High-level Conference sui...

    Recent Comments