11.5 C
Milano
domenica, 5 Luglio, 2020
Home Economia Scuola, ancora tante le incertezze sulla riapertura

Scuola, ancora tante le incertezze sulla riapertura

Possibile aumento delle classi, si calcola la necessità di 100.000 docenti in più ma risorse insufficienti per la scuola

Il decreto sulla scuola è ora legge. Approvato dal Parlamento e firmato dal Presidente della Repubblica, disciplina la chiusura dell’anno scolastico odierno e traccia le linee guida per la riapertura in sicurezza a Settembre.

È un provvedimento nato in piena emergenza che consente di chiudere regolarmente l’anno scolastico in corso. L’obbiettivo è quello di mettere al centro gli studenti e di garantire la qualità dell’istruzione. Ora definiamo le linee guida per settembre, per riportare gli studenti a scuola, in presenza e in sicurezza” commenta così la Ministra dell’istruzione Lucia Azzolina.

Saranno necessari almeno tre miliardi,100mila docenti, e 28mila bidelli in più per riaprile scuole a settembre. Tutto questo servirà per garantire il distanziamento e l’insegnamento in classi più ristrette, composte tra i 10 e i 12 alunni.

Una delle ipotesi avanzate dalla task force guidata da Patrizio Bianchi prevede un aumento del personale tra il 10-15%.

Il decreto non è servito a placare i sindacati, che da giorni sono in sciopero, insieme ai genitori del comitato “Priorità alla scuola.

“Senza fondi non si riparte” è lo slogan che gli insegnanti hanno scandito davanti al ministero dell’Istruzione nella manifestazione indetta in occasione dell’ultimo giorno dell’anno scolastico.

Cgil, Cisl, Uil, Snals e Gilda lamentano il fatto che si facciano proclami sulla centralità dell’istruzione e poi, sostengono, non vengono seguiti da stanziamenti congrui.

I sindacati chiedono all’unisono la stabilizzazione dei precari e maggiori investimenti. Gli slogan utilizzati sono: “Non vogliamo classi pollaio” e “più sostanza meno distanza”.

Il decreto sulla scuola ha lasciato scontenti non solo l’opposizione, ma anche buona parte del Partito Democratico. Il presidente dem della Toscana Enrico Rossi ha richiamato il centrosinistra a non accontentarsi di aggiustamenti: “Lascia delusi non solo perché arriva in ritardo, ma è sottofinanziato e non chiaro sulle scelte da fare”.

Il premier Conte confida nei fondi che arriveranno dall’Europa, ma sono in molti a ritenerli insufficienti.

La Cisl ha ipotizzato un incremento delle classi del 50% per garantire gruppi da 10-12 bambini. “Volendo ipotizzare una soluzione limitata rispetto ad altre esperienze in Europa, dove si arriva a 6 alunni per docente, è necessario prevedere uno spacchettamento delle sezioni per garantire il distanziamento”.

Per i più grandi si ipotizzano lezioni da 40 minuti, questo consentirebbe di far recuperare ad ogni insegnante 7 “unità orarie” a settimana.

Un’altra simulazione è quella della Flc-Cgil, che calcola il bisogno di 33.039 nuove sezioni dell’infanzia e 89.580 sezioni per la scuola primaria. Per garantire 30 ore settimanali in 59.726 saranno indispensabili circa 245mila professori, con un costo pari a 7 miliardi per 10 mesi.

Andrea Curcio

Most Popular

Lite continua al governo, mentre i posti di lavoro persi aumentano

La Caritas lancia un allarme sui posti di lavoro persi. Ma al Governo continuano a litigare All’indomani degli stati generali la maggioranza di governo,...

Scontro Italia-Ue: rimborsi aerei solo coi voucher

Il governo italiano ha deciso di permettere alle compagnie aeree di rimborsare i passeggeri solo tramite voucher. Una violazione delle norme comunitarie che ha...

IL MERCATO IMMOBILIARE REGGE IL VIRUS: IN PIEMONTE DOMANDA +10%

Fiaip Piemonte: <3 su 5 vogliono il giardino. Prezzi stabili> Il mercato immobiliare regge al virus in Piemonte. A due mesi dalla ripartenza dopo il...

Qualità della burocrazia, Italia terzultima tra i Paesi Ocse

Secondo un'analisi dell’Ufficio Studi Confcommercio, la scarsa qualità della nostra burocrazia ha avuto un forte impatto sulla crescita economica del Paese: tra il 2009...

Recent Comments