11.5 C
Milano
giovedì, 1 Ottobre, 2020
Home Economia Istat: ad aprile boom di inattivi

Istat: ad aprile boom di inattivi

Gli utlimi dati Istat hanno registrato il forte impatto della pandemia e del lockdown sul mercato del lavoro, con numeri che non si vedevano da decenni.

Nonostante i provvedimenti del governo, l’emergenza covid-19 sta provocando effetti disastrosi sul mercato del lavoro. Gli ultimi dati dell’Istat parlano chiaro: ad aprile l’occupazione ha registrato una diminuzione di quasi 300mila unità rispetto al mese precedente. Ma questo putroppo non è il dato peggiore.

Le rilevazioni dell’Istituto di nazionale di statistica evidenziano una diminuzione dell’occupazione di 1,2 punti percentuali, pari a -274mila unità: una variazione mensile mai vista negli ultimi decenni e che coinvolge tutte le tipolgie di soggetti: donne (-143mila), uomini (-131mila), dipendenti (-205mila), indipendenti (-69mila). Il tasso di occupazione invece è sceso di 0,7 punti percentuali arrivando a 57,9%. Sono dunque gli indipendenti e i lavoratori a termine ad aver sofferto di più. Tuttavia, nonostante il blocco dei licenziamenti fino ad agosto, i lavoratori dipendenti sono scesi di 76mila unità. Un dato sconfortante.

Eppure l’aspetto più preoccupante riguarda gli inattivi, cioè coloro che non hanno lavoro e non lo stanno cercando attivamente al momento della rilevazione istat: +746mila unità rispetto a marzo. Probabile che le rigide misure del lockdown abbiano influito sul morale di chi era disoccupato, e quindi alla ricerca di un lavoro, il quale ha smesso del tutto di cercare un’occupazione.

Su base annua gli inattivi sono aumentati di 1,46 milioni, mentre il calo degli occupati è pari a 497mila unità. Non bisogna dunque farsi ingannare dal forte calo del tasso di disoccupazione, sceso a 6,3%, uno dei valori più bassi delle ultime decadi, poiché molti di questi non sono diventati occupati ma sono completamente usciti dalla forza lavoro, diventanto inattivi, il cui numero infatti è salito al 38,1% (+2% su marzo).

A fronte di questi dati è opportuno chiedersi se le misure adottate dal governo, tra cig e bonus, siano sufficienti o se forse non sia il caso di aiutare in maniera più marcata coloro che svolgono un ruolo primario nel rilancio dell’occupazione e della crescita del paese, cioè le imprese.

Most Popular

Alitalia: per Sea 39 milioni di perdite dal 2007 ad oggi

A Linate i lavoratori di Airport Handling a rischio licenziamento dopo la decisione di Alitalia di servirsi di personale interno. L’assessore Granelli: “Il nuovo...

Lotteria degli scontrini

La c.d. “lotteria degli scontrini“, che verrà avviata il 01.01.2021, consentirà ai privati consumatori maggiorenni di partecipare all’estrazione a sorte di premi in denaro,...

Intervista a Claudio Galuppini, titolare del marchio Italian padel

Secondo una rilevazione di PrenotaUnCampo, il portale di servizio prenotazione campi on line più diffuso in Italia con oltre 900 centri sportivi nel circuito,...

Intesa Sanpaolo: 5000 uscite rimpiazzate da 2500 assunzioni di giovani

Intesa Sanpaolo ha raggiunto un accordo coi sindacati che costituisce un'importante staffetta generazionale Un risultato importante che apre una finestra di opportunità per i giovani....

Recent Comments