11.5 C
Milano
lunedì, Gennaio 25, 2021
Home Lombardia Mascherine a 0,50 euro: farmacie nel caos

Mascherine a 0,50 euro: farmacie nel caos

Il governo ha annunciato un prezzo fisso per la vendita delle mascherine chirurgiche pari a 50 centesimi. Le farmacie non sanno cosa fare e si adeguano in maniera differente.

È caos mascherine dopo che domenica sera il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato che il prezzo di vendita al pubblico di queste sarà fissato a 0,50 euro. L’Informatore ha avviato un’inchiesta tra alcune farmacie milanesi e fuori Milano per capire come i farmacisti si stanno organizzando.

Tutte le farmacie si sono interrogate su come sia possibile vendere ai clienti a un prezzo inferiore rispetto al costo sostenuto in origine per acquistare le mascherine dal fornitore. Risultato? Il caos, o meglio, ognuno ha deciso di agire come meglio crede in attesa di disposizioni più chiare.

La reazione più comune, tra i farmacisti intervistati dall’Informatore, è quella di congelare la vendita. Diverse farmacie hanno disponibilità di mascherine chirurgiche, che fino a venerdì scorso vendevano a 1,50 euro l’una circa. Ora che il prezzo di vendita è sceso a un terzo del valore precedente, alcuni hanno deciso di continuare a vendere solo quelle lavabili, a costi anche superiori ai 5 euro al pezzo, e le fp2 che possono superare anche i 10 euro al pezzo.

Una farmacia monzese invece continua a vendere al prezzo precedente: 10 mascherine a 14 euro. Ma la maggior parte dei titolari preferisce aspettare qualche giorno perché la normativa non è chiara. C’è chi però si è già adattato: una farmacia di Lambrate vende le mascherine a 60 centesimi l’una, mentre un farmacista milanese ha affermato che per ora ha smesso di venderle perché l’offerta migliore che ha ricevuto da un’azienda produttrice è di 0,45 centesimi a mascherina + Iva.

Per quanto sia evidente la necessità di andare incontro alle esigenze straordinarie di questa emergenza, tuttavia si è levato un coro di protesta da parte di Federmoda la quale giustamente sottolinea la difficoltà di vendere una mascherina a 50 centesimi visto che a questo prezzo vengono a malapena coperti i costi. Una strategia, quella del governo, che fa pensare che forse Palazzo Chigi ha in programma una grossa importazione di mascherine dalla Cina, dove i costi sono nettamente inferiori per una serie di ragioni locali ben note.

Tuttavia, come riporta il Corriere della Sera, il commissario Arcuri ha fatto sapere che il governo ha firmato un accordo con cinque aziende italiane che metteranno sul mercato mascherine chirurgiche a un prezzo medio di 0,38 centesimi l’una. Sta di fatto che questo procedere da parte del governo costituisce uno schiaffo alle imprese italiane, soprattutto a quelle che per prime hanno deciso di mettersi in gioco per dare una mano quando è scoppiata l’epidemia.

Simone Fausti

Most Popular

Sul filo della memoria

Lunedì 1 febbraio 2021, si terrà il secondo appuntamento con il ciclo di incontri SUL FILO DELLA MEMORIA. Gli archivi d'artista si raccontano, organizzato da...

SIMSPe – Vaccinazione COVID in carcere prioritaria per personale e per detenuti con fragilità sanitarie

"I detenuti sono da considerarsi una popolazione "fragile" sotto il profilo sanitario, a rischio oggettivo, ma le cui implicazioni giuridiche, nel caso di una...

Milano, riapertura delle scuole superiori al 50%: al banco di prova il piano mobilità.

Potenziamento dei mezzi straordinario, con 1200 corse aggiuntive al giorno, di cui 800 dedicate solo agli studenti. Scatta anche il piano dei tempi della...

Sospensione dei mutui bancari: boom di richieste

Più di 400.000 sospensioni accettate (10% dei mutui) grazie gli accordi tra Abi e consumatori e alla moratoria statale. Valore complessivo di oltre 37...

Recent Comments